La coppia mista italiana ha trionfato a Baku (Azerbaijan), gli azzurri si confermano i padroni della ginnastica aerobica a livello internazionale e chiudono la loro gloriosa carriera nel miglior modo possibile. I nostri portacolori hanno infatti deciso di ritirarsi al termine della gara odierna, il loro ultimo esercizio è stato letteralmente commovente sulle note di “Goodbye My Lover” di James Blunt, una prestazione divina con cui appendere i body al chiodo e mettersi al collo il terzo oro iridato.
Hanno fatto piangere e commuovere, non soltanto il pubblico, ma anche loro stessi, scioltosi in un amorevole abbraccio una volta che il sipario era calato. L’esercizio di addio vale 22.400 punti: dopo Incheon 2016 e Guimaraes 2018, i lombardi hanno scritto nuovamente un’altra meravigliosa pagina di storia dell’aerobica. Cari Michela e Davide, avreste meritato di poter partecipare alle Olimpiadi. Purtroppo questa disciplina della ginnastica non ha mai avuto la ribalta a cinque cerchi, i due più grandi interpreti del nostro movimento si ritirano senza avere provato quelle emozioni. Alle loro spalle si piazzano gli ungheresi Daniel Bali e Fanni Mazacs (22.100) e i russi Tatyana Konakova e Grigorii Shikhaleev (22.050). Sesta l’altra coppia azzurra formata da Marcello Patteri e Anna Bullo (21.500).
Aerobica
Tripudio azzurro agli European Games 2019: oro per Castoldi e Donati nella ginnastica aerobica
24/06/2019 A 18:23
Arriva anche il bronzo nella gara per i gruppi: Michela Castoldi, Davide Donati, Emanuele Caponera, Paolo Conti e Sara Natella ottengono 21.100, chiudendo alle spalle della Romania (22.583) e dell’Ungheria (22.516). Davide Nacci quinto nell’individuale maschile (21.700) vinto dallo spagnolo Miquel Mane 822.350) davanti al russo Roman Semenov (22.200) e al brasiliano Lucas Barbosa (22.150).