Alex Schwazer si è confessato nella sua autobiografia “Dopo il traguardo”, edita da Feltrinelli. Il marciatore italiano, racconta con crudezza e senza giri di parole, la sua vita e il suo percorso dai capitoli più scabrosi fino alla redenzione che lo ha portato ad uscire dal vortice dal doping anche se non ad ottenere la redenzione del Tas di Losanna e della Wada, che gli hanno impedito di realizzare il sogno di prendere parte alle Olimpiadi di Tokyo 2020. "Non è la confessione di un diavolo e neppure l’apologia di un angelo - si legge nell'introduzione al volume - Chi vuole leggere la biografia di un uomo senza peccati ne deve scegliere un’altra, non la mia”.

"Andavo in Turchia per doparmi e ragionavo come un tossico"

Atletica
Caso Schwazer, la WADA: "Per noi resta colpevole, accetti condanna"
06/10/2021 A 17:11
Ero un tossico, andavo in Turchia per doparmi. Innsbruck-Vienna, Vienna-Antalya. A Carolina Kostner e ai miei genitori ho detto che sarei andato a Roma, alla Fidal. Ho tenuto il cellulare acceso anche di notte, per evitare che partisse il messaggio della compagnia telefonica turca. Ragionavo già da tossico. O meglio, sragionavo. Ed ero pronto a mentire, perché doparsi vuol dire anche mentire”.
L’altoatesino, che spegnerà 37 candeline il prossimo 26 dicembre, è stato Campione Olimpico nella 50 km di marcia a Pechino 2008. Attualmente sta scontando una squalifica per doping fino al 2024, ma va ricordato che il suo caso è stato archiviato dalla giustizia penale italiana nel 2021, anche se quella internazionale e la WADA non lo hanno accettato.

2012, Alex Schwazer, Carolina Kostner, Ap/LaPresse

Credit Foto LaPresse

Nel suo libro ampio spazio è anche dedicato alla relazione sentimentale con l'ex fidanzata e stella del pattinaggio su ghiaccio Carolina Kostner.
"Mi ha mandato un messaggio per invitarmi a una festa a Ortisei, per l’argento di Göteborg. il suo primo, vero, grande successo. Ancora non ci conoscevamo. Le ho risposto che dovevo allenarmi e, per non fare brutta figura, mi sono offerto di andare a trovarla a Torino. Dopo una pizza e due bottiglie bevute quasi da solo, le ho rovesciato il drink addosso. Abbiamo fatto le cinque del mattino. Eravamo in sintonia. La mia solitudine era molto simile alla sua”.
L’ex azzurro racconta, sempre nella sua biografia, come faccia ancora fatica a credere di essere uscito da questo vortice: Quando ho toccato il fondo, mi sono chiesto come mi fossi cacciato in quella situazione. Quel giorno ha segnato la rinascita dell’uomo che avevo dentro e che da tanto tempo non trovava spazio per uscire. Quel giorno ho capito di essere in un labirinto immenso e apparentemente senza via d’uscita, nel quale brancolavo da anni. Un labirinto nel quale avevo perso tutto. La persona che ero, la mia fidanzata, la credibilità, la dignità. Solo ora ne sono uscito. Sono sopravvissuto a un’imboscata, una macchinazione subdola e crudele che in altri momenti mi avrebbe annientato. Ancora oggi, a distanza di cinque anni, non so come ho fatto a mantenere l’equilibrio. Questa è la storia che voglio raccontare”.

"L'assoluzione giuridica e il no a Tokyo 2020 mi hanno fatto chiudere conti col passato"

Alex Schwazer, che sei mesi fa ha dovuto incassare il no secco del Tas di Losanna che gli ha impedito di partecipare alle Olimpiadi di Tokyo 2020, ha parlato della sua operta anche al Corriere del Veneto: “Forse l’estate scorsa, con l’assoluzione giuridica e il no alle Olimpiadi, mi è scattato qualcosa dentro e ho deciso di chiudere i conti con il passato. Mi sentivo pronto. Ho dato il libro a Sandro (Donati, ndr.), il mio allenatore, a Gerhard (Brandstätter, ndr.), il mio avvocato, chiarendo subito: non aspettatevi un libro d’inchiesta perché parlo solo della mia vita. Non sarei riuscito a trovare la motivazione per scrivere cinquanta pagine su come ho vinto a Pechino, sul doping o su quello che è successo a Rio nel 2016. Molti punti cruciali della mia storia sono stato volutamente soft: non volevo che la mia autobiografia ospitasse pensieri di odio e rancore. Non ho concesso spazio alle persone che mi hanno ferito o a chi è salito sul carro del vincitore per poi scendere appena le cose sono andate male”.

L'inno italiano risuona per Alex Schwazer, oro nella marcia a Pechino

Tokyo 2020
Schwazer: "Niente Tokyo 2020? Non c'è rabbia, ho dato tutto"
14/05/2021 A 19:25
Tokyo 2020
Jacobs: "Lavoro per migliorarmi", Tamberi: "Oro ripaga i sacrifici"
10 ORE FA