Atletica

Filippo Tortu scatta verso Rieti: sabato il debutto stagionale del finalista mondiale dei 100

Condividi con
Copia
Condividi questo articolo

Filippo Tortu - 2019

Credit Foto Imago

DaOAsport
30/06/2020 A 10:46 | Aggiornato 30/06/2020 A 10:49

Dal nostro partner OAsport.it

Nove mesi fa disputava la finale mondiale dei 100 metri a Doha, sabato 4 luglio Filippo Tortu tornerà in pista per cimentarsi di nuovo sulla distanza più veloce nel primo vero meeting italiano post-Covid, sulla pista di Rieti. Il lockdown, il lungo stop, la ripresa, una condizione ancora tutta da trovare e che non è detto che arrivi in una stagione così strana come questa.

Il finalista iridato non è nuovo a cambiamenti repentini di rotta e a risalite esaltanti. Gli infortuni che hanno costellato la sua prima parte di carriera lo hanno temprato bene e dunque i cambiamenti dovuto al coronavirus lo hanno colto impreparato solo in parte. Difficile attendersi scintille da una gara come quella di Rieti, che verrà disputata ancora con i protocolli che non permettono di avere avversari a fianco in corsia e dunque tutto sarà piuttosto edulcorato ma per Tortu questo può essere importante fino ad un certo punto.

Atletica

Tortu fissa il rientro il 4 luglio a Rieti: "La pista del Guidobaldi è magica, ho grandi ricordi"

07/06/2020 A 14:53

Il velocista milanese per la terza volta disputerà la sua prima gara sulla pista di Rieti, quella dei record tanto per intenderci, tanto gradita soprattutto ai mezzofondisti. Nella scorsa stagione Tortu ha fatto segnare il crono di 9″97 su questa pista ma fu aiutato da un vento superiore al consentito (+2.4), quest’anno il test sarà sicuramente meno probante visto che i due mesi di stop dell’attività si faranno sicuramente sentire ma scendere in pista senza particolari pressioni e attese potrebbe rendere interessante la prova del velocista azzurro il cui obiettivo, quest’anno, sarà soprattutto di carattere cronometrico visto che medaglie da vincere o finali da centrare non ce ne sono.

Un primo passo verso quelli che saranno gli obiettivi del prossimo anno, Giochi Olimpici su tutti ma anche con un Europeo a Parigi che potrebbe regalargli il primo podio internazionale a livello individuale che sarebbe un gradino importante nella scala che potrebbe portarlo ad essere l’uomo bianco più veloce del pianeta.

🎙 Tamberi: "Obiettivo per Tokyo? Lo stesso che avevo per Rio, quando ero primo al mondo..."

00:24:05

Atletica

Filippo Tortu delude a Stanford: 10.21 e 7° posto, stravince Coleman su Gatlin

30/06/2019 A 22:14
Atletica

Warholm firma il record europeo dei 400 ostacoli: 47.33, crolla dopo 24 anni quello di Diagana

13/06/2019 A 22:13
Contenuti correlati
AtleticaFilippo Tortu
Condividi con
Copia
Condividi questo articolo