È stata una serata incredibilmente divertente. Il pubblico ha risposto e sto invitando molte persone a tornare giovedì e sabato prossimo perchè è stato un grande evento. È stata la prima volta, troveremo le imperfezioni e le risolveremo, ma per me è stata un’ottima partenza.
Così Usain Bolt ha commentato la prima serata dell’innovativo Nitro Athletics al Lakeside Stadium di Melbourne, nuovo format di meeting di atletica leggera che proietta la regina degli sport in una nuova era, o quantomeno si pone l’obiettivo di farlo. Per ora è un curioso mix di Giochi senza frontiere e futuristica competizione del duepuntozero, ma c’è tutto il tempo per affinare le regole del gioco. Promotore e stakeholder della kermesse, Usain Bolt ha recitato ovviamente la parte del leone dimenticando per una sera la cocente delusione per la perdita della medaglia d’oro di Pechino: il miglior velocista di tutti i tempi ha gareggiato nella staffetta mista al fianco di Asafa Powell, Jenna Prandini e Jeneba Tarmoh, nella stessa frazione della studentessa australiana sedicenne del Queensland Riley Day (vittima del trash talk del giamaicano, tanto per capire lo spirito del meeting), aiutando la sua squadra a chiudere la prima giornata davanti a tutti con punteggio complessivo di 1080 punti.
Atletica
Bolt: "Ho perso la mia medaglia, ma nessun rancore per Carter"
01/02/2017 A 14:05
Uomo-donna, campione olimpico-studentessa, staffetta mista: non sono errori di battitura, bensì le nuove specialità di un meeting ratificato alla Iaaf di Sebastian Coe e studiato per svecchiare l’atletica leggera (e per fare imbufalire i puristi?): oltre alla staffetta mista 4x100, specialità come i 150 metri, i 3’ di corsa (una donna corre per tre minuti, poi un uomo parte dal punto in cui la compagna di squadra è arrivata), i 2x300 metri, il salto in lungo con i punti bonus se la misura equivale a quella dichiarata, i 60 metri e il miglio a eliminazione (l’ultimo/a dopo il primo, secondo e terzo giro viene eliminato), campeggiano nel programma insieme a quelle più canoniche.
Farà scuola il Nitro Athletics, spianerà la strada a un nuovo "concept"? Ai posteri l’ardua sentenza, intanto le 7000 anime che hanno affollato il Lakeside Stadium sono letteralmente impazzite per il garante della manifestazione Usain Bolt, particolarmente a suo agio in queste nuove vesti di atleta-manager.

Jamaican sprinter and GQ Man of the Year Usain Bolt poses at the GQ Men of the Year Party in West Hollywood, California, December 8, 2016.

Credit Foto Eurosport

VIDEO: Usain Bolt: l'uomo più veloce del mondo diventa leggenda
Atletica
#OneDayOneChampion: Usain Bolt, dal ko in discoteca all'immortalità, grazie a Gatlin
21/12/2016 A 14:45
Atletica
Gebrselassie e Lilesa, dai Giochi alle armi: "Pronti alla guerra"
24/11/2021 A 18:07