Fantastica Italia nella 4×400 uomini che con il terzo posto nella prima batteria volano in finale. La gara è stata aperta in maniera discreta da Edoardo Scotti che ha passato il testimone in quinta posizione. Nella seconda frazione Vladimir Aceti ha spinto con convinzione anche se si è leggermente staccato dal resto del gruppo.

Il cambio di passo è stato dato da Matteo Galvan che ha tenuto il suo ritmo fino all’ultimo rettilineo, quando ha scalato un paio di posizione. Nell’ultima frazione Davide Re ha fatto un vero e proprio capolavoro. E’ rimasto alle spalle degli avversari fino agli ultimi cento metri quando ha spinto sull’acceleratore, superando come uno slalomista consumato Scotch del Botswana e Rooney della Gran Bretagna, conquistando un meraviglioso terzo posto, con il tempo di 3:06.60, che significa finale e qualificazione alle Olimpiadi di Tokyo 2020.

Mondiali di Atletica
Tortu: "Darei 8 alla mia stagione, ma il mio obiettivo è il 10 nel 2020"
13/10/2019 A 11:59

I più veloci nella prima batteria gli Stati Uniti (Tyrell Richard, Vernon Norwood, Wilbert London, Nathan Strother) che hanno fermato il cronometro sul 2:59.89. Molto bene anche il quartetto colombiano ( Jhon Alejandro Perlaza, Diego Palomeque, Jhon Alexander Solis, Anthony José Zambrano) che hanno fatto segnare il record nazionale con 3:01.06.

Nella seconda batteria si è imposta la Giamaica (Akeem Bloomfield, Nathon Allen, Terry Ricardo Thomas, Javon Francis) che ha fatto segnare anche il record stagionale con 3:007.76. Secondo il Belgio (Dylan Brlèe, Julien Watrin, Jonathan Sacoor, Kevin Borlèe) con 3:00.87. L’ultima squadra ad ottenere la qualificazione diretta alla finale è stata Trinidad e Tobago (Asa Guevara, Jereem Richards, Darren Alfred, Deon Lendore) con 3:01.35. Le due squadre ripescate sono state la Francia con 3:01.40 e Botswana con 3:01.63.

Mondiali di Atletica
Doha 2019, cosa resta il giorno dopo? Italia da 6, Fraser, Felix (e Muhammad) da record
07/10/2019 A 09:43
Mondiali di Atletica
Italia chiuda sesta con la staffetta 4×400, non funziona l’esperimento Davide Re al lancio
06/10/2019 A 20:14