Ritornare in pista dopo il parto così, in ogni senso possibile, è un qualcosa di davvero difficile da spiegare. I Mondiali in corso a Doha ci sta regalando una storia bellissima, scritta a quattro mani da due atlete che a definirle straordinarie rientreremmo nell’ordine dal banale. Allyson Felix e Shelly-Ann Fraser-Pryce, diventate entrambe mamme da pochi mesi, sono entrate nella storia dello sport moderno attestandosi come regine indiscusse dell’atletica.
La statunitense è diventata mamma dieci mesi fa dando alla luce Camryn con un cesareo d’urgenza: la piccola è nata a Los Angeles prematura di 32 settimane. La Nike, inseguito alla gravidanza, ha deciso di negarle il congedo di maternità decurtandole circa il 70% del suo compenso. La velocista ha fatto causa e vinto contro lo sponsor costringendo il brand a prevedere un budget per tutte le atlete-madri in attività. È ritornata a indoassare le chiodate lo scorso luglio e a Doha è entrata nella leggenda vincendo la 4x400 mista conquistando il suo 12esimo oro mondiale, superando Usain Bolt fino ad allora primatista con 11.
Mondiali di Atletica
La Giamaica domina la 4×100 femminile con una grande Fraser-Pryce, l'Italia chiude 7a
05/10/2019 A 19:45
Alla classifica degli atleti ad aver raggiunto le 9 medaglie iridate, proprio a Doha si è aggiunta Shelly-Ann Fraser-Pryce grazie ai successi nei 100 metri e nella 4x100, mettendosi alle spalle del suo celebre connazionale. La giamaicana – due volte oro olimpico – non aveva preso parte agli ultimi Mondiali da detentrice del titolo perchè in dolce attesa di suo figlio Zyon, mostrato in mondovisione dopo la vittoria nei 100 di domenica.
Il mio segreto è rimanere umili e sapere chi sei come persona e atleta e continuare a lavorare sodo, è una sensazione meravigliosa vedere mio figlio fare il tifo per me in un momento come questo
Mondiali di Atletica
Infinita Allyson Felix: dopo la maternità e la polemica con Nike supera il record di ori di Bolt
02/10/2019 A 17:00
Mondiali Atletica
Pagellone: il meglio e il peggio dei Mondiali di atletica
31/08/2015 A 17:45