Mancano 170 giorni per il più grande evento dell’anno 2020: i Giochi Olimpici di Tokyo 2020. Per molti atleti, tutto gira intorno a quell’Olimpiade e a quella esperienza. Uno in particolare, è un atleta che era andato già molto vicino alla sua prima partecipazione ai Giochi, a Rio 2016, in quella che “sarebbe dovuta essere” ma che “mai fu”.
Gianmarco Tamberi è quell’atleta che guarda più che mai verso il futuro a cinque cerchi di Tokyo e racconta quest’attesa alla Gazzetta dello Sport.
Pressione? No. Questo lungo avvicinamento mi trasmette felicità ed enorme entusiasmo. Sono concentrato, ho i brividi e una voglia enorme. Sarebbe grave il contrario, aspetto questo momento da 4 anni, non vedevo l’ora che il calendario dicesse 2020
Atletica
Gebrselassie e Lilesa, dai Giochi alle armi: "Pronti alla guerra"
24/11/2021 A 18:07
Un lavoro mirato verso Tokyo: allenamenti in SudAfrica, stretching, fisioterapia, riposo, visualizzazione e dieta
L’ho cominciata ad inizio anno, per il debutto conto di essere 78,5/79 kg. È inutile tirare troppo la corda. Per Tokyo faccio anche tanta prevenzione fisica. Da qualche tempo poi, collaboro con un esperto del sonno di Milano. Vado a letto e mi alzo prima delle mie abitudini e al polso porto un actigrafo, strumento che controlla tutti i parametri del riposo, analizzandone l’efficenza
Tokyo si avvicina, a 6 mesi di distanza dall’appuntamento Olimpico, i Giochi non sono poi così lontani...
Mio fratello Gianluca è partito la scorsa settimana per visionare le pedane dei campi di allenamento. Io farò un lungo sopralluogo dal 20 aprile, per poi ambientarmi al meglio
Sì, 20 aprile perché prima di quella data, nelle sue belle Marche (Ancona) ci sarà l’esordio stagionale di Gimbo
Domenica 23 febbraio al PalaIndoor di Ancona ci saranno gli assoluti. Alle 9:15 del mattino: ho chiesto io quell’ora per simulare la qualificazione di Tokyo. E per lo stesso motivo, dopo poco gareggerò di sera, al meeting di Belgrado. Tra i due impegni passeranno 4 giorni. In Giappone, prima della finale, saranno due
E dopo le gare indoor, ecco il programma di quelle all’aperto...
Sarò al meeting della tappa della World Tour di Tokyo del 10 maggio. Dal Golden Gala di Napoli del 28 fino al 20 giugno farò altre uscite in Diamond League per poi tornare in officina e valutare una possibile presenza a Montecarlo il 10 luglio. Il 14, con papà e fisio, partirò per un raduno di 16-17 giorni a Sapporo, fino al trasferimento a Tokyo
Atletica
Jacobs: "A Tokyo 8 test, sospetti non mi toccano. Sfido Bolt al Colosseo"
23/11/2021 A 11:15
Atletica
Jacobs, esordio il 4 febbraio: ecco il suo calendario 2022
23/11/2021 A 10:56