Con Antonino Monteleone le Iene, in onda su Italia1, tornano a parlare di Alex Schwazer. Il marciatore italiano, medaglia d'oro alle Olimpiadi di Pechino nel 2008, è stato prosciolto, lo scorso febbraio, dalla giustizia ordinaria italiana dalle accuse di avere assunto sostanze dopanti nel 2016. Accusa, proveniente dalle autorità anti-doping mondiali, che gli costò la partecipazione alle Olimpiadi di Rio 2016. La sua storia ha fatto il giro nel mondo. Al momento non potrebbe partecipare comunque alle prossime Olimpiadi di Tokyo 2020 (rinviate a questa estate a causa della pandemia) perché la squalifica internazionale non è ancora stata cancellata. "Noi vorremmo che potesse farlo perché siamo convinti che ne abbia diritto. È per questo che lanciamo la petizione su Change.org rivolta al presidente del Consiglio Mario Draghi che potete firmare cliccando qui sopra", scrive la redazione delle Iene.
La petizione delle Iene
La sua storia sembra la trama di un film di spionaggio. Trovato positivo al doping nel 2012, Schwazer aveva confessato e avrebbe fatto i nomi: per questo sarebbe stato punito. Si sarebbe dopato in un momento in cui lo facevano tanti atleti, soprattutto russi, ma lo scandalo del "doping di Stato" non era ancora esploso. Viene trovato positivo all'Epo prima delle Olimpiadi di Londra e squalificato per tre anni e sei mesi. Le Iene ne parlano con lui e con Sandro Donati, che ha dedicato la vita alla lotta per uno sport pulito. Fu proprio lui a determinare il controllo decisivo su Alex nel 2012. Ed è lui che voleva dargli una seconda chance diventando il suo allenatore nel 2015 con controlli molto scrupolosi e continui, 42 volte in un anno e tre mesi. Donati, simbolo di queste lotte, racconta anche le sue storiche battaglie contro il doping nell’atletica leggera iniziate fin dagli anni ’80.
Atletica
Malagò: "Schwazer innocente, è un dato di fatto"
16/03/2021 A 18:40
Per la giustizia ordinaria italiana però in questo caso le sue urine sarebbero state manipolate per farle risultare positive e le accuse di doping contro di lui sono state archiviate il 18 febbraio scorso dal gip di Bolzano Walter Pelino. Sarebbero state il frutto di un complotto - scrivono le Iene - per vendicarsi delle accuse rivolte a importanti dirigenti della federazione. Proprio Donati è stato il destinatario di una esplicita richiesta, da parte di un giudice di gara, di "far perdere" Alex Schwazer nel corso di una competizione internazionale. La corruzione e i mille atleti russi coinvolti nel doping di Stato di Mosca - aggiungono le Iene - hanno sconvolto le più alte organizzazioni internazionali dell’atletica e dei controlli antidoping.
La squalifica internazionale per ora resta e al momento Schwazer, che vorrebbe tornare a marciare alle Olimpiadi di Tokyo, non può farlo. "La sentenza del giudice di Bolzano è molto chiara, non si può non tenerne conto, Schwazer è una persona innocente", ha detto Giovanni Malagò ribadendo la sua vicinanza all’atleta. Giustizia ordinaria e giustizia sportiva, però, non obbligatoriamente collimano.

Tamberi: "Haters? Io senza filtri ed esposto a critiche"

Atletica
Schwazer: "Al 70% vado a Tokyo. Vorrei parlare con Draghi"
12/03/2021 A 22:32
Atletica
Schwazer: “Mia figlia mi vedrà gareggiare alle Olimpiadi”
03/03/2021 A 22:33