Un’Olimpiade da sogno, quasi impossibile da ripetere. Negli occhi di tutti resteranno i trionfi dell’atletica italiana ai Giochi Olimpici di Tokyo, con le cinque medaglie d’oro e l’esaltazione in pista nella velocità.
Tra i protagonisti della storica 4×100 m tricolore c’è Fausto Desalu, intervenuto ieri agli Atletica Italiana Awards al MAXXI di Roma. Le sue parole: “È stato un anno bellissimo. Spero non arrivi mai il 31 dicembre perché il 2021 è un anno da ricordare”.
Tra i dolci ricordi del passato e gli obiettivi per il futuro: “Ora penso ai Mondiali e poi agli Europei a Monaco di Baviera. Cosa ricordo della staffetta a Tokyo? Quando Marcel Jacobs mi ha dato il testimone, lì ho capito che avremmo vinto. Siamo andati fortissimo, ce ne siamo resi conto e lo abbiamo sempre saputo. Abbiamo avuto la fortuna di essere nati nella stessa generazione e prima o poi qualcosa di grande sapevamo che l’avremmo fatto. Parigi 2024? Senza fretta, i 200 stanno andando molto bene, l’anno prossimo vedremo i risultati. Mi piace parlare in pista”.
Tokyo 2020
Tortu: "Volevano rubarmi l'oro di Tokyo ma era in banca"
21/01/2022 A 10:15
Intervistato anche un altro dei componenti del quartetto tricolore, Lorenzo Patta: “È stato più facile del previsto correre quella gara. L’assenza di pubblico mi ha aiutato. Rimango calmo in pista e gestisco l’emozione in energia positiva. Ora ci sono tanti obiettivi importanti. Non vedo l’ora di tornare in pista, voglio puntare agli Europei e ai Mondiali. Nel 2022 punterò sui 200, voglio fare gare individuali e non solo staffette”.

2021 REVIEW : ITALIA, ORO SPAZIALE NELLA 4X100 DAVANTI ALL'INGHILTERRA!

Tokyo 2020
Barshim: "L'oro insieme a Tamberi l'emozione più bella"
28/12/2021 A 10:58
Tokyo 2020
Jacobs: "Sospetti? Inglesi ridicoli, l'unico positivo è uno dei loro"
14/12/2021 A 16:29