Il 5 agosto 2021 l’Italia aggiornava il medagliere delle Olimpiadi di Tokyo con il settimo oro firmato Massimo Stano. L’azzurro trionfò contro ogni pronostico (era 9° nel ranking) nella marcia 20 km con un assolo meraviglioso nell’ultimo chilometro. Anticipò all’arrivo i giapponesi Ikeda e Yamanishi, il quale era campione del mondo in carica e il favorito alla vigilia visto che correva persino nel circuito di casa al Sappori Odoro Park. L’atleta delle Fiamme Oro restò sempre nel gruppo di testa e reagì al tentativo di attacco di Yamanishi a 4 km dal finale. Il gruppo si disunì, rimasero in 3: l’italiano e i nipponici. Decisivo fu l’aumento di ritmo del pugliese a cui si arresero prima Yamanishi e poi Ikeda. Quel successo di un anno fa non fu però casuale. Come dimostrato nella stagione attuale.

LA PREPARAZIONE AI MONDIALI

Atletica
Schwazer: "Avrò sempre un'etichetta, ci ho rimesso la carriera"
28/09/2022 ALLE 13:27
La prima apparizione di Stano nel 2022 è avvenuta il 23 aprile nella 35 km di Dudince, Slovacchia. L’azzurro ha trovato un grande successo in rimonta con un’ultima frazione di 5 km davvero notevole grazie alla quale ha ripreso il messicano Jose Luis Doctor e il cinese He Xianghong. Il tempo finale di 2h29:09 gli ha permesso di staccare comodamente un pass per i Mondiali di Eugene. L’azzurro è infatti sceso ampiamente sotto la soglia richiesta delle 2h:33:00. Potrà sembrare banale che un campione olimpico nella 20 km si imponga anche nei 35 km, ma non lo è. Non correva infatti questa distanza da oltre tre anni, ed era soltanto la seconda volta in carriera.
La preparazione per i Mondiali è stata molto diversa da quella delle Olimpiadi, “è stata un’avventura” ha dichiarato di recente Stano a La Gazzetta dello Sport, ed ha aggiunto: “Paradossalmente mi ha aiutato il Covid. Mi sono accorto di averlo preso proprio qui, dopo il Golden Gala. Prima del Covid non mi sentivo motivato. Quella settimana, invece, mi ha fatto incazzare. E’ stata la svolta mentale”.

L’ORO AI MONDIALI DI EUGENE

Immenso. Straordinario. Incredibile. Fantastico. Mitico. Si sono sprecati tutti gli aggettivi più positivi per parlare dell’impresa di Massimo Stano ai Mondiali di Eugene. Il marciatore pugliese, unico azzurro a conquistare una medaglia d’oro nella rassegna iridata di atletica leggera, è riuscito a siglare un bis storico. Persino su una distanza diversa da quella di Tokyo, la 35 km, Stano ha avuto la meglio sugli avversari. La gara è iniziata con una fuga prolungata del giapponese Matsunaga, poi ripreso al chilometro 20 dal gruppetto di Stano, il quale si è messo a “tirare” in modo aggressivo facendo via via selezione fino all’accelerazione negli ultimi tre km in cui ha lasciato sul posto il giapponese Kawano prima e lo svedese Karlstrom poi.

UNIVERSITA’ SI’, SOCIAL E PLAYSTATION NO

Ciò che rende incredibile Stano è che non si ferma mai. Qualche giorno dopo l’oro sul suolo americano, è volato in Italia per dare l’esame di istituzioni di diritto pubblico. Ed è riuscito pure a prendere 30. In sette mesi Stano ha sostenuto ben cinque esami della facoltà di Scienze Politiche alla Link Campus, università telematica. Tutti con ottimi voti. Sui libri dunque va forte come in strada. Anche se l’obiettivo, come ha dichiarato di recente, “non è una superlaurea”. Studiare gli serve per crescere. E per ritagliarsi il tempo necessario per preparare gli esami ha deciso di rinunciare a tante cose: i social network, le serie tv e la playstation.

L’OBIETTIVO TRIPLETTA

Massimo Stano non si pone limiti. E dopo l’oro olimpico e quello mondiale va a caccia di una tripletta che lo renderebbe un mito. La medaglia mancante è quella degli Europei di Monaco di Baviera. Il pugliese gareggerà nella marcia 20 km in programma sabato 20 agosto alle 08:30. Su questa distanza, l’1 maggio ha vinto il titolo italiano nella prova di Alberobello. Ha battuto la concorrenza con una partenza tranquilla e un attacco decisivo negli ultimi 3 km. L’azzurro dunque ha dato dimostrazione di saper gestire le energie su entrambe le distanze (20 e 35 km). La tripletta, che è riuscita solo ad Alberto Cova, è molto difficile ma non impossibile.

Stano: "Non voglio addormentarmi, ho paura di svegliarmi "

Atletica
Palmisano si opera alla gamba sinistra: "Unica soluzione o smetto"
27/09/2022 ALLE 10:03
Atletica
Bolt: "Jacobs è un grande, ma il mio 9''58 al momento non si batte"
27/09/2022 ALLE 07:29