La stagione cestistica entra nel vivo con il campionato di Serie A che va verso i playoff, idem la NBA, e l'Eurolega che guarda alla Final Four di Colonia, poi a inizio estate ci sarà il Preolimpico di Belgrado con la nazionale italiana di Meo Sacchetti che proverà a staccare il pass per i Giochi di Tokyo. La speranza è di avere il gruppo azzurro al completo, compresi i giocatori NBA Danilo Gallinari, Nicolò Melli e Nico Mannion, e di questo ha parlato il presidente della Federazione Gianni Petrucci: "Gallinari, Melli e Mannion hanno dato la disponibilità al preolimpico. Ma è chiaro che dovremo essere attenti alla loro eventuale partecipazione ai playoff NBA. In ogni caso il problema riguarderebbe anche i giocatori NBA delle altre Nazionali".
Gallinari, Melli e Mannion hanno dato la disponibilità al preolimpico. Sacchetti? Rapporto sereno
Nell'intervista al Corriere dello Sport, Petrucci ha toccato anche l'argomento Meo Sacchetti, il ct azzurro che secondo diverse voci delle passate settimane dovrebbe lasciare il timone ad Ettore Messina: "Rapporti con Sacchetti? Sereni. Ci parlo tranquillamente. Voglio chiarire: abbiamo chiesto a Meo se non fosse il caso di avere uno staff tecnico al meglio. Sacchetti ha accettato ed è stato lui stesso a proporre i nuovi nomi (Bucchi, Galbiati e Fois). Non esiste alcun problema a riguardo".
NBA
I Chicago Bulls 1995-1998 nominati All-Time NBA Dinasty
7 ORE FA

Da Rusconi a Mannion, i giocatori italiani in NBA

Il presidente della Fip ha poi parlato del campionato di Serie A, col calendario dilatato a causa del focolaio Covid a Brindisi, e con la retrocessione di Cantù, che potrebbe forse essere evitato con l'introduzione del blocco di cui si parla. "In alcun modo ci sarà un posticipo della fine stagione, perchè non dipende dalla Lega o dal campionato. Gli atleti devono essere lasciati liberi entro il 17 giugno, come stabilito dalla FIBA", tuona Petrucci. Poi su Cantù è categorico: "Sul piano umano mi dispiace molto, è una società storica. Ma le regole sono queste e dobbiamo rispettarle. In campionato si lotta per lo scudetto e per non retrocedere: quindi è un segnale di normalità come avviene nel calcio, dove tutte sono scese in B ad eccezione dell'Inter".
La retrocessione di Cantù? Sul piano umano mi dispiace molto, ma le regole sono queste e dobbiamo rispettarle
Infine il presidente Petrucci parla della sostenibilità dei campionati e delle questioni economiche: "La Fip ha sempre detto che alla fine della stagione, quando conosceremo la situazione economica dei club, potremo organizzare i prossimi campionati. Nel frattempo però abbiamo affidato ad una azienda di consulenza uno studio economico/finanziario sulla sostenibilità delle squadre nei diversi campionati. Questo studio ci dirà quanti club potranno sostenere un campionato professionistico o semiprofessionistico in A2. Nel caso ci fossero casi di posizioni non sostenibili? Le rivoluzioni si fanno in base alle situazioni economiche esistenti".

Highlights: Fortitudo Bologna-Cantù 75-68

NBA
Enes Kanter diventa americano: si chiamerà "Freedom"
10 ORE FA
Basket
Tonut e Tessitori colonne di questa Italia, sorpresa Akele
12 ORE FA