AX Armani Exchange Milano-Umana Reyer Venezia 76-67

Di Daniele Fantini. Dal +20 Olimpia al termine del primo tempo a un finale di pura lotta terminato quasi in volata: quando Milano e Venezia si affrontano non c'è mai nulla di scontato. L'AX Armani Exchange Milano puntella sulla propria forza e organizzazione difensiva il successo che le permette di qualificarsi all'atto finale della Eurosport Supercoppa e vendicare la sconfitta sofferta nella scorsa edizione delle Final Eight di Coppa Italia: i 67 punti concessi alla Reyer con un risicato 25% dall'arco (5/20) e ben 18 palle perse sono, in questo momento, la base più solida su cui può contare il gruppo di coach Ettore Messina, anche in una serata dove l'attacco, ottimo nel primo tempo, vacilla in maniera vistosa nella ripresa.

Supercoppa: Milano domina in difesa, Hines schiaccia in contropiede

Basket
Supercoppa: le motivazioni e i sogni di Bologna, Milano, Sassari e Venezia
18/09/2020 ALLE 09:50
Certo, c'è tanto merito anche dell'altra difesa, quella di Venezia, che, dopo un primo tempo faticoso, ritrova misure e organizzazione togliendo all'Olimpia quella pericolosità dal perimetro che l'ha contraddistinta in questa prima parte di stagione (dalle quattro triple a segno nel solo primo quarto al 5/20 finale) e buona parte dei riferimenti interni, costringendola a vivacchiare a lungo e in maniera stentata soltanto in lunetta (27/37).
Il premio di MVP di serata finisce nelle tasche di Malcolm Delaney (19 punti, 6 assist), ottimo nel break iniziale che lancia Milano sul +11 a fine primo quarto (26-15) e freddo nel piazzare un paio di giocate da campione per respingere il feroce tentativo di rimonta veneziano nell'ultimo periodo. Produttivo ma non preciso Kevin Punter (15, 4/14 al tiro), rovente nei primi minuti ma raffreddatosi con il trascorrere della partita, solido Kyle Hines (12) e fondamentale Kaleb Tarczewski con un grande lavoro oscuro e fisico sotto i tabelloni per tenere in linea di galleggiamento l'Olimpia nel momento in cui la partita diventa sporca e maschia, con Venezia capace di rientrare dal -23 al -7 nelle battute conclusive del terzo periodo. Decisivo Andrea Cinciarini, utilizzato come specialista difensivo e uomo d'ordine nel finale: suo il recupero su rimessa laterale a 22" dalla fine che, seguito da un 2/2 in lunetta, mette in ghiaccio il risultato per Milano.

Supercoppa: Delaney fa il "cameriere" allo scadere del primo quarto

Venezia ha il merito di non abbandonare il timone al termine di un primo tempo in cui la gara sembra ormai già indirizzata (43-23) e di approcciare la ripresa con fisicità, aggressività e intensità, le stesse armi con cui Milano aveva scavato il break di 20 lunghezze a favore. Trascinata da un Mitchell Watt sontuoso anche nel confronto diretto con Hines (19 punti, 6 rimbalzi, 7 falli subiti), la Reyer ritrova la sua tradizionale compattezza difensiva e, quando anche il tiro pesante comincia a entrare dopo un primo tempo da 0/10, riesce a mettere paura alla squadra di Messina: Austin Daye riemerge con tutta la sua classe (12 punti, 7 rimbalzi, 9 falli subiti), Andrea De Nicolao segna e mette in ritmo i compagni (11+8 assist) e le triple di Tonut e Chappell (8 punti a testa) tengono viva la contesa fino ai secondi conclusivi. Milano vince con merito, ma senza dare l'impressione di essere a un livello così inarrivabile per le avversarie se capaci di affrontarla con durezza, pazienza, fiducia e organizzazione tattica.

Supercoppa: che stoppata di Watt! Cancellato Moraschini

  • Milano: Delaney 19, Punter 15, Micov 9, Brooks 3, Hines 13; Datome 4, Moretti, Cinciarini, Tarczewski 7, Rodriguez 3, Moraschini 2. N.e.: Biligha. All.: Messina.
  • Venezia: De Nicolao 11, Tonut 8, Chappell 8, Mazzola 5, Watt 17; Daye 12, Casarin 2, Bramos 2, Stone, Vidmar, Cerella. N.e.: D'Ercole. All.: De Raffaele.

Supercoppa, highlights: Milano-Venezia 76-67

Basket
Supercoppa: Bologna, Milano, Sassari, Venezia, l'identikit delle semifinaliste
17/09/2020 ALLE 08:58
Serie A
La Virtus Bologna sbanca Napoli da -22: gli highlights in 120"
3 ORE FA