L’Happy Casa Brindisi inizia i Playoffs di Basketball Champions League con un k.o. assurdo, per il modo in cui matura e per come si era svolta buona parte della gara. Al PalaPentassuglia l’Hapoel Unet-Credit Holon centra il colpaccio grazie a una tripla di Guy Pnini a 19’’ dalla sirena, con i padroni di casa che lasciano sul ferro ben 10 dei 27 tiri liberi tentati, dato che alla fine avrà un peso capitale sulle sorti del risultato. C.J. Harris inizia fin da subito ad assaltare sistematicamente il ferro dell’Happy Casa e in meno di 3’ gli ospiti accumulano già un buon margine (6-14). Darius Thompson soffre tremendamente in fase difensiva, specie quando si trova a dover accettare il cambio sistematico, e viene richiamato in panchina con 2 falli a carico. Pnini dimostra di essere giocatore fuori categoria per la competizione, lanciando ulteriormente l’Hapoel (12-23), ma Nick Perkins risponde con grande intensità agonistica e propizia un 6-0 che rimette in carreggiata Brindisi. Registrata la difesa, con tiri molto più contestati, il problema per la Stella del Sud diventa però la fase offensiva, a causa di palle perse in successione (6 nel 1° quarto) e troppi errori banali. Ciò nonostante, il parziale casalingo si allunga fino al 13-0, con Derek Willis sugli scudi, e porta al primo vantaggio biancoazzurro di serata (25-23). Il club allenato da Stefanos Dedas ci mette un po’ a riordinare le idee, ma quando riesce a farlo torna a bombardare dall’arco, soprattutto con un infuocato Tyrus McGee (vecchia conoscenza della LBA, avendo vestito le maglie di Capo d’Orlando, Cremona, Venezia, Pistoia e Sassari), scappando nuovamente (32-38) al 14’. Ousman Krubally emerge con prepotenza nel ruolo di go-to-guy dell’Happy Casa, ma è tutta la squadra di coach Frank Vitucci a mostrare un’intensità differente rispetto all’inizio, ritrovando la parità (40-40) a 4’ dalla sirena di metà gara. Brindisi perde capitan Zanelli per un colpo fortuito, che ne causa una brutta distorsione alla caviglia destra, ma trova 2 triplone in fila di Riccardo Visconti per il 50-46 con cui le due formazioni vanno al riposo.
A inizio ripresa, seppur con ritmi decisamente più bassi rispetto agli esordi del match, Thompson sale finalmente in cattedra e lancia i padroni di casa sul +8 (54-46). L’Hapoel Holon ci mette oltre 3’ per sbloccarsi in attacco ed è ancora Harris a risultare micidiale, stavolta da oltre l’arco dei 6.75 (58-54 a metà 3° quarto). Brindisi mette in piedi uno show strabiliante di schiacciatone, rimanendo in totale controllo del match nonostante ampi sprazzi di showtime. La Stella del Sud continua a dominare a rimbalzo, ma nel finale di frazione lascia sul ferro troppi tiri liberi e commette qualche fallo evitabile, consentendo agli ospiti di rientrare fino al -1 (67-66) del 30’. Il 4° periodo inizia nello stesso modo in cui era iniziato il match, solo che stavolta ci sono anche falli tecnici a gravare sui ritmi di gioco, con le espulsioni simultanee di Krubally e McGee. L’Unet-Credit infila un break di 0-7 e riprende tra le mani le redini della gara (68-73 al 33’), Visconti risponde però da grande campione e realizza un gioco da 4 punti che vale il contro-sorpasso (74-73). Thompson diventa l’inatteso uomo in più a rimbalzo, calamitando palloni fondamentali in un momento di sostanziale equilibrio e incredibilmente frammentato ancora da falli tecnici e contatti rivisti più volte tramite Instant Replay System. Lo stesso Thompson lascia sul ferro due tiri liberi fondamentali, mentre Pnini non perdona dalla lunga distanza, sparando la bomba del nuovo vantaggio ospite (85-86) a 19’’ dalla sirena. Il possesso finale nasce male, col rischio di un turnover, e finisce pure peggio, con la sfera che, dopo la penetrazione di Thompson, circola sul ferro senza però venire accolta nel canestro. A Brindisi non basta così la perfect-storm di Gaspardo (15 con 100% al tiro) e gli 11 (con 5 rimbalzi e 3 assist) di Visconti. Harris e Johnson migliori marcatori dell’incontro (17 a testa), ma MVP il secondo dei due.
Basketball Champions League
L'urna ha deciso: ecco le avversarie di Sassari, Brindisi e Treviso
07/07/2021 A 11:14

HAPPY CASA BRINDISI - HAPOEL UNET-CREDIT HOLON 85-87

  • Brindisi: Bostic 8, Motta n.e., Krubally 6, Zanelli 3, Visconti 11, Gaspardo 15, Thompson 5, Cattapan n.e., Udom 6, Bell 9, Perkins 10, Willis 12. All. Vitucci.
  • Hapoel: Workman 3, Johnson 17, Zach n.e., Bourdillon 5, Brandwein n.e., Pnini 11, Harris 17, De Zeeuw 9, Fogleman n.e., Ohayon n.e., McGee , Misgav 12. All. Dedas.
* * *

RIGUARDA HAPPY CASA BRINDISI-HAPOEL UNET-CREDIT HOLON IN VOD (CONTENUTO PREMIUM)

Iscriviti per guardare

Hai già un account?

Accedi
Basket

Happy Casa Brindisi - Hapoel Holon

00:00:00

Replica
Basketball Champions League
Tre italiane in Champions: Sassari e Brindisi ai gironi, Treviso ai preliminari
25/06/2021 A 12:20
Serie A
Brindisi si arrende, la Virtus torna in finale dopo 14 anni
02/06/2021 A 19:06