Per come si era messa ad un certo punto, con l'Unics Kazan a +18 e in totale controllo, essere riusciti a giocarsela fino all'ultimo possesso è quasi un lusso. Però alla fine resta l'amaro in bocca in casa Segafredo Virtus Bologna per la conclusione di gara 2 di semifinale alla Basket Hall, persa 85-81 a causa di qualche episodio non gestito al meglio dalla squadra di Sasha Djordjevic che ora dovrà conquistare gara 3 mercoledì sera in casa per accedere alla finale di Eurocup contro il Monaco.
Un peccato perchè si è chiusa la striscia record di 19 vittorie consecutive, 20 considerando la scorsa stagione, è stata quindi mancata la chance di entrare nella storia del torneo arrivando a 21, e perchè sostanzialmente è stato "sprecato" il miglior Marco Belinelli visto in maglia Segafredo, autore di 33 punti, 22 dei quali nella ripresa, e di fatto il trascinatore della rimonta.

Marco Belinelli segna 33 punti in gara 2 a Kazan

EuroCup
La Virtus perde l'imbattibilità a Kazan, si va alla "bella"
09/04/2021 A 18:13

Belinelli straripante: 33 punti

L'ex giocatore dei San Antonio Spurs, che ha chiuso con 10 su 16 dal campo, 8 su 9 ai liberi e 36 di PIR, ha migliorato il precedente primato stagionale di 25 punti all'esordio contro Lubiana e si è confermato un tiratore e un attaccante con pochi eguali nel torneo, non che ce ne fosse bisogno. Entusiasmante il suo terzo periodo, quando ha preso per mano la Virtus sul -18 (66-48) e ha segnato 12 punti di fila con tre bombe, una con anche il fallo, per dimezzare lo scarto sul -9 (69-60). Anche nell'ultimo periodo si è fatto sentire, con 6 punti consecutivi in avvio per restare a -9, e poi con altri due canestri per il -5 e poi per il -2 sull'81-79 andando in penetrazione. Peccato la palla persa sull'azione che avrebbe dovuto portare il pareggio ad una dozzina di secondi dalla fine, ma lì va sottolineato che Teodosic non l'ha aiutato per nulla...

Teodosic-Belinelli, perfetto contropiede della Virtus

Scarsa lucidità nei momenti chiave

Hanno controllato la partita ma alla fine abbiamo avuto la possibilità di vincerla. Peccato. Vedremo mercoledì, continueremo a lottare
Sasha Djordjevic ha ragione, è un peccato, perchè alla fine la Virtus Bologna aveva la grande chance di vincere gara 2 pur in una serata difficile in cui è finita a -18 e dove ha patito estremamente la maggior fisicità e aggressività dell'Unics, galvanizzato dal giocare fra le mura amiche e con la spinta del proprio pubblico. La Segafredo è incappata in qualche palla persa di troppo e in una gestione discutibile dei momenti decisivi, nello specifico a fine primo tempo e poi nel finale di partita.
L'ultimo minuto prima dell'intervallo è un disastro per Bologna: sotto 40-37 a 1'12" dal ritorno negli spogliatoi, arrivano una bomba di Canaan, Teodosic forza da tre e sbaglia, ancora Canaan si mangia il campo e chiude con lo euro-step del 45-37 e poi di nuovo, con poco più di 30" da giocare, Belinelli si fa prendere dalla fretta e sbaglia pure lui, consegnando a Kazan la ripartenza di Wolters e la conseguente schiacciata di Klimenko per il +10, 47-37, alla pausa lunga. Uno scarto che con più accortezza poteva essere evitato, anche in vista dell'inizio di ripresa, dove la Virtus viene spazzata via da Morgan e soci.

Hunter vola a rimbalzo e schiaccia di pura potenza

Forse però la gestione finale è anche peggio perchè la Segafredo, dopo aver completato la rimonta ed avendo sostanzialmente l'inerzia a favore contro un Unics completamente allo sbando nella metà campo offensiva e in vita grazie soltanto ai tiri liberi, non riesce incredibilmente a capitalizzare. Infatti, sull'81-81 a 19" dal termine, la Virtus decide a sorpresa di fare fallo e mandare in lunetta gli avversari per avere l'ultimo tiro, però Pajola lo commette su Jamar Smith, un cecchino (93%), invece che su John Brown, e così si trova sotto 83-81 a 12" dalla sirena. Poi, dopo il timeout di Djordjevic, Bologna ha la possibilità di pareggiare o vincere, ma la rimessa è un disastro, la fisicità della difesa russa lascia il segno, Teodosic è aggredito e non trova altra via che servire il taglio di Belinelli sulla linea di fondo ma quest'ultimo, braccato e con poco spazio, perde il pallone e di fatto la possibilità di restare in vita.
Due scelte discutibili, prima il fallo e poi l'ultima azione, troppo articolata invece che cercare magari un tiro da tre dello stesso Beli, decisioni a posteriori sbagliate ma che devono far riflettere in vista di gara 3 che sarà quasi certamente un'altra battaglia. I dettagli faranno la differenza, mercoledì non sarà permesso alcun errore.

Highlights: Unics Kazan-Virtus Bologna 85-81

* * *

RIGUARDA UNICS KAZAN-VIRTUS BOLOGNA IN VOD (CONTENUTO PREMIUM)

Iscriviti per guardare

Hai già un account?

Accedi
Basket

UNICS Kazan - Segafredo Virtus Bologna

00:00:00

Replica
* * *
Eurolega
La Virtus vuole l'Eurolega, Bertomeu: "Nessuna wild card"
07/04/2021 A 12:55
Serie A
Playoff al via: i pronostici di Eurosport per i quarti di finale
12 ORE FA