Dalla prossima stagione 2021-22 cambia il formato dell'Eurocup, la seconda competizione continentale organizzata da ECA, la società che gestisce Euroleague, a cui quest'anno hanno partecipato quattro formazioni italiane ovvero Brescia, Trento, Venezia e Virtus Bologna, arrivata fino alla semifinale persa a gara 3 contro l'Unics Kazan. Come comunicato in forma ufficiale, una selezione di 13 club della 7DAYS EuroCup di questa stagione si è incontrata a distanza per discutere e concordare un nuovo modello di competizione proposto che era stato precedentemente esaminato dal Comitato esecutivo degli azionisti di ECA.
La proposta comprende:
  • Squadre partecipanti: 20. Un massimo di 16 squadre riceveranno licenze triennali per promuovere la stabilità e la pianificazione a lungo termine. Un minimo di quattro wild card di un anno e/o posti di campionato nazionali basati sulla classifica.
  • Formato della competizione: diviso in due fasi che mirano a fornire ai club più partite casalinghe garantite – massimizzando le loro opportunità di guadagno e l’esperienza dei fan – introducendo fasi a eliminazione diretta che forniranno maggiori emozioni.
EuroCup
Teodosic nel miglior quintetto stagionale di Eurocup
21/04/2021 A 12:48
Regular Season: due gruppi da 10 squadre ciascuno in formato girone all'italiana. Le prime otto squadre di ogni gruppo si qualificano per la fase successiva. Turni eliminatori: ottavi di finale, quarti di finale, semifinali e finale, tutti giocati in partita secca.
La squadra campione e la finalista si qualificheranno alla Turkish Airlines EuroLeague secondo le normative vigenti.
  • Calendario: la stagione 2021-22 inizierà entro la fine di ottobre 2021 e terminerà entro metà / fine maggio 2022.
Quindi non ci saranno più le due fasi a gironi - prima fase e Top 16 -, e vengono tolti i playoff con serie al meglio delle 3 gare fino alla finale. Un cambiamento per dare più vivacità ad una competizione che nell'ultimo anno ha perso appeal, anche per la crescita della Champions League targata FIBA: di certo la fase finale con tabellone e partita secca in stile "March Madness" del Torneo NCAA, dovrebbe regalare sorprese e colpi di scena.
Per quanto riguarda le partecipanti, dovrebbero essere confermate le tre iscrizioni dall'Italia in funzione degli esiti del campionato: la regola prevede facoltà di scelta fino ad esaurimento posti nella competizione più gradita. Di fatto dalla classifica finale del campionato dopo i playoff (a parità di turno di eliminazione conta il piazzamento in regular season) si opererà "a scalare" fino all’esaurimento dei tre posti disponibili. Virtus Bologna, Venezia e Trento che hanno partecipato nelle ultime stagioni dovrebbero assicurarsi gli accessi diretti, per Brescia – al via nelle ultime tre edizioni – servirà probabilmente una wild card.