Unicaja Malaga - Germani Brescia 86-69

A cura di Davide Fumagalli. La trasferta era complicata alla vigilia, ma per come si era messa ad un certo punto la partita, resta un pizzico di rammarico per la Germani Brescia che perde 86-69 contro l'Unicaja Malaga al Martin Carpena nel Round 4 del gruppo B di Eurocup. Per la Leonessa è il terzo ko, tutti in trasferta dopo quelli contro Buducnost e Mornar Bar; per gli andalusi è invece la terza vittoria e c'è il primato nel girone con il Budcnost. La squadra di Enzo Esposito può mangiarsi le mani perchè nel primo tempo era finita a -18 (38-20), poi con un parziale di 24-3 aveva ribaltato il match e si era ritrovata a +4 nel terzo periodo (45-49), ma nell'ultimo quarto la benzina è finita e Malaga, trascinata da Brizuela, ha scavato il solco decisivo. Purtroppo la Germani paga le troppe palle perse, 19, e non sfrutta a dovere la superiorità a rimbalzo (35 a 27): Kenny Chery è il migliore con 18 punti, Crawford ne aggiunge 14, sono 12 quelli di Ristic mentre Luca Vitali chiude con 7 rimbalzi, 8 assist, 4 punti e 0 perse. Per l'Unicaja spiccano Brizuela, 17 punti ed MVP del match, e Alonso, 15.
L'avvio di partita è disastroso per Brescia al Martin Carpena: l'Unicaja Malaga vola sul 16-2 con le triple di Alonso, Diaz e Thompson, il solo Crawford tiene a galla la Germani e alla prima pausa è 24-12 per i padroni di casa. Nel secondo periodo la musica non cambia, gli andalusi hanno punti anche da Brizuela, da Abromaitis e dal talento Nzosa, ex Stella Azzurra, e il vantaggio arriva al +18 sul 38-20. Lì Malaga si pianta e inizia la rimonta graduale di Brescia con Moss, Crawford e le bombe di Sacchetti e Chery: addirittura è -5 Germani sul 33-38 con Ristic, poi all'intervallo è 41-35 col jumper a fil di sirena di Chery.
EuroCup
Cedevita Olimpia-Virtus Bologna in diretta TV e LIVE-Streaming
UN' ORA FA
La gara è totalmente riaperta, nel terzo quarto l'inerzia rimane alla Leonessa che porta il suo parziale fino al 24-3 dopo la tripla di Burns per il primo vantaggio sul 44-41. Poco dopo la Germani fa +4 con una bomba di Chery e sembra poter mettere le mani sul match. A svegliare Malaga ci pensa Brizuela che segna subito la bomba del -1, poi ruba e schiaccia il 53-51 e così al 30' gli andalusi sono di nuovo davanti sul 57-54. L'ultimo periodo si apre con Brizuela ispiratissimo: alza per la schiacciata di Guerrero, va al ferro e poi mette la bomba del +7 sul 64-57. La Leonessa ha un ultimo sussulto con un 4-0 per il -6 firmato da Vitali, ma l'Unicaja è in gas, Alonso mette la bomba del +9, Abromaitis segna da vicino e poi Waczynski e ancora Alonso chiudono il discorso sull'80-64. Nel finale c'è spazio per un altro canestro di Nzosa e per il buzzer beater del baby Rafa Santos, classe 2003, che fissa il punteggio finale sull'86-69.
I prossimi impegni di Brescia: sabato sera trasferta a Bologna contro Reggio Emilia nell'anticipo della 5a giornata di Serie A (ore 20.30), poi mercoledì 28 ottobre alle 20.45 la Germani ospita i francesi del Boulogne Metropolitans nel Round 5 di Eurocup.
  • Unicaja Malaga: Thompson 3, Santos 2, Brizuela 17, Diaz 9, Alonso 15, Waczynski 11, Abromaitis 9, Guerrero 6, Nzosa 9, Suarez 3, Gerun, Bouteille 2. All. Casimiro.
  • Germani Brescia: Vitali L. 4, Parrillo, Chery 18, Bortolani 2, Ristic 12, Crawford 14, Burns 9, Moss 4, Sacchetti 6, Ancellotti. All. Esposito.
* * *

Virtus Segafredo Bologna-AS Monaco 94-85

Di Daniele Fantini. Con molta sofferenza, la vittoria che serviva per allontanare i malumori del campionato e lanciare un messaggio alle dirette avversarie del girone di Eurocup, è arrivata: la Virtus Bologna doma un Monaco tostissimo nonostante l'assenza dell'infortunato Khadeen Carrington e l'esclusione dell'ex-Cremona Wesley Saunders, e si mantiene, ancora imbattuta, in vetta al Gruppo C. Il +9 finale è preziosissimo in ottica doppio confronto ma non rende quello che è stato il reale andamento della partita, frutto di un mega-parziale di 11-2 con cui le Vu Nere riescono a scrollarsi gli avversari dalle spalle soltanto nei due minuti conclusivi: decisiva una tripla di Stefan Markovic che illumina in maniera improvvisa una serata molto silente del serbo in fase realizzativa e, soprattutto, un paio di ottime difese consecutive di squadra, ispirate dalla pressione di Alessandro Pajola su Dee Bost, spauracchio monegasco ben contenuto, e dalle mani velocissime di Julian Gamble nel strappare dalle mani di Marcos Knight il pallone dell'ultima speranza ospite.
Bologna vince segnando 94 punti in una serata in cui il tiro pesante ha un valore molto marginale: la prima tripla realizzata arriva dopo oltre 25' di gioco, e il conto complessivo è 5/11, con un singolarissimo 0/2 nel primo tempo. La vera forza della Virtus sta nella capacità di creare e sfruttare i vantaggi di peso, tecnica ed esperienza vicino al tabellone, con rifornimenti continui e precisi per le mani di Vince Hunter (top-scorer con 20 punti) e Julian Gamble (19, 8/9 da due): ottime, in questo senso, le letture di Stefan Markovic (8 assist) e, soprattutto, di Milos Teodosic (14 punti, 12 assist), ancora una volta il vero motore capace di accendere la squadra anche sul piano emotivo. Da sottolineare anche l'impatto dalla panchina di Amar Alibegovic nella prima metà di gara, fondamentale assieme a Teodosic per ribaltare il -6 con cui Monaco prova a sorprendere una Virtus un po' distratta in avvio, ma anche gli attributi di Pippo Ricci, capace di sparare un paio di triple ammazzagambe e morale in un quarto periodo ad altissima produzione offensiva (35-22) per riscattare così un primo tempo oscuro.
Con quattro gare in archivio, la Virtus è una delle sole tre squadre (assieme a Trento e Badalona) ancora imbattute in Eurocup, ma il record perfetto con cui sta avanzando immacolata verso la metà della fase a gironi cela la necessità di qualche aggiustamento da apportare già nella prossima settimana, in vista della doppia trasferta a Varese e Anversa. La difesa, fiore all'occhiello del sistema costruito da coach Sasha Djordjevic, ha concesso tanto, se non troppo, al ferro: Monaco ha tirato con il 62% da due (24/39) e raccolto ben 14 rimbalzi offensivi sui quali ha vissuto a lungo per raddrizzare percentuali invece basse dall'arco (6/25). Più in generale, la squadra ha continuato a soffrire i momenti di assenza di Milos Teodosic, semplicemente cattedratico nell'orchestrare rimonta, sorpasso e allungo una volta rientrato a 5' dalla fine in situazione di emergenza sul -6 (70-76). Qualche segnale di ripresa arriva, però, da Stefan Markovic: tripla (e coppia di tiri liberi) decisiva a parte, il serbo ha prodotto tanto lavoro oscuro per la squadra, mettendo a tabellino 8 assist e 5 rimbalzi.
  • Virtus Bologna: Markovic 8, Adams 5, Weems 4, Ricci 8, Gamble 19; Tessitori 4, Abass, Pajola 2, Alibegovic 10, Hunter 20, Teodosic 14. N.e.: Nikolic. All.: Djordjevic.
  • AS Monaco: Bost 8, Knight 12, O'Brien 9, Willis 14, Yeguete 7; Choupas, Demahis, Inglis 17, Ndoye 4, Lessort 12. All.: Mitrovic.
* * *

RIVIVI MALAGA-BRESCIA IN VOD (CONTENUTO PREMIUM)

Premium
Basket

Unicaja Málaga - Germani Brescia

02:01:22

Replica

RIVIVI VIRTUS BOLOGNA-MONACO IN VOD (CONTENUTO PREMIUM)

Premium
Basket

Segafredo Virtus Bologna - Monaco

02:18:22

Replica

Top 5: le migliori giocate della 4ª giornata

Serie A
Cordinier fuori un mese, nulla di grave per Hervey e Pajola
2 ORE FA
Serie A
Highlights: Virtus Bologna-Sassari 102-100 OT
UN GIORNO FA