Morabanc Andorra-Dolomiti Energia Trentino 85-73

Un filotto di palle perse, brutte e banali, manda tutto all'aria. Caduto così, all'improvviso e sul più bello, proprio quando Trento sembra poter riemergere dalle paludi del -16 accusato all'intervallo lungo. Invece, la grande rimonta che riporta l'Aquila fino al -2 del 27' si ferma lì. Respinta da un controbreak dolorosissimo di 14-1 a cavallo dei due periodi finali.
Trento resta al palo, inchiodata sul fondo del Gruppo A con un record di 0-2, ma, dopo il -30 casalingo dell'esordio contro Badalona, torna in Italia con un minimo di inerzia in più. Perché questa volta, nonostante l'inferiorità di partenza sulla carta e il divario già pesantissimo dopo i primi due quarti, la squadra lotta con grinta e cuore, dimostrando di essere sulla buona strada per costruirsi un'anima anche in Europa. Lì, dove il divario tecnico e fisico ha bisogno di essere limato con la forza degli intangibles.
EuroCup
Badalona troppo forte e fisica: Trento cade all'esordio 86-56
19/10/2021 A 19:44
Jordan Caroline incarna lo spirito guerriero per eccellenza. 24 punti, 7 rimbalzi, e a lungo primo (e unico) terminale offensivo di una Trento che soffre tantissimo l'esperienza, la fisicità e la difesa avversaria. L'energia dell'ex-ala dei South Bay Lakers contagia i compagni con il trascorrere dei minuti. E allora, ecco accendersi anche Wesley Saunders (18), alla sua miglior partita della carriera in bianconero, e arrivare qualche sprazzo da Cameron Reynolds (13 ma con percentuali basse, 5/15) e Toto Forray, uno che non ha mai inserito la parola "resa" nel suo vocabolario. Il resto del gruppo fatica. Diego Flaccadori soffre come all'esordio (4 con 1/7), la panchina non produce, e restano in ombra anche uno spaurito Desonta Bradford e Johnathan Williams (situazione più seria, invece, per un giocatore già abituato al livello fisico della NBA).
Andorra mostra i muscoli a rimbalzo (38-22 con 12 offensivi) e cavalca la grande serata di Amine Noua (top-scorer con 20 punti), vero martello in area grazie alla grande esperienza acquisita nelle ultime due stagioni di Eurolega a Villeurbanne. Sul perimetro impazzano i playmaker. Codi Miller-McIntyre è un metronomo: doppia-doppia da 10 punti e 12 assist, con una serie di alley-oop pronti a cadere come macigni sulla testa della difesa bianconera. Clevin Hannah è un cecchino dalla panchina: 11 con 3/4 dall'arco, compresa la tripla che toglie Andorra dalle secche dopo la rimonta fino al -2. Il resto è puro controllo e amministrazione, fino a qualche briciolo di garbage-time conclusivo.
Trento tornerà in campo domenica 31 ottobre per la sesta giornata di campionato affrontando un'altra trasferta, contro la Carpegna Prosciutto Pesaro (ore 18.00, LIVE-Streaming su Discovery+), e martedì 2 novembre accoglierà alla BLM Group Arena i lituani del Lietkabelis Panevezys (1-1), prima partita abbordabile dell'avventura in Eurocup.
  • Andorra: Miller-McIntyre 10, Crawford 8, Jelinek 8, Noua 20, Arteaga 4; Pauli 6, Olumbuyiwa 4, Hannah 11, Nakic 7, Diagne 2, Colom, Morgan 5. All.: Navarro.
  • Trento: Flaccadori 4, Saunders 18, Reynolds 13, Caroline 24, Williams 6; Bradford 3, Conti, Forray 5, Mezzanotte, Ladurner. All.: Molin.
Serie A
Trento rimonta la Fortitudo, Venezia regola Trieste
21/11/2021 A 20:19
Serie A
Highlights: Trento-Fortitudo Bologna 84-77
21/11/2021 A 19:39