Khimki - Fenerbahçe Beko 76-107

Di Davide Fumagalli. Risultato scontato a Mosca dove il Fenerbahce, reduce da sette vittoria in fila, asfalta nel Round 23 di Eurolega il Khimki, fanalino di coda con quattordici sconfitte di fila. Il match resta in equilibrio per circa un quarto e mezzo, poi la squadra di Kokoskov dilaga, i padroni di casa rinunciano totalmente al confronto, e così i turchi dilagano arrivando anche a +35 nei minuti conclusivi: per il Fenerbahce, che arriva a otto successi filati e un record di 13-10, va in archivio una gara con numeri assurdi, 32 a 20 a rimbalzo, 29 assist, 85% da due, 19 su 22 ai liberi e 10 su 22 da tre! Gli ospiti hanno sei giocatori in doppia cifra, tutti quelli entrati tranne Biberovic hanno segnato: spiccano De Colo con 18 punti, Brown con 17 e Vesely con 15. Dall'altra parte c'è poco da dire sul Khimki, alla 21esima sconfitta in 23 gare: senza Booker, Mickey, Karasev e Jovic, spicca l'ormai solito Shved da 29 punti e 7 perse, un uomo solo al "comando" di una nave da tempo a picco.

De Colo con l'assist dietro la schiena, Duverioglu schiaccia

Eurolega
Achille Polonara lascia Vitoria: ufficiale la firma col Fenerbahçe
29/06/2021 A 10:42
La sfida è equilibrata nel primo periodo, Valiev, Voronov e McCollum rispondono alle giocate di Pierre e De Colo, e alla prima pausa è 23-22 per un Fenerbahce abbastanza sornione. In avvio di secondo quarto il Khimki scappa addirittura sul 28-23 e lì arriva la reazione veemente degli ospiti che alzano l'intensità sui due lati del campo: terrificante break di 22-4 firmato da Brown e Vesely in particolare, e segnato da una valanga di perse dei padroni di casa, e Fener avanti 45-32! Il Khimki accusa il colpo ma non cede, McCollum e Shved piazzano due bombe a testa e così all'intervallo è -9 sul 53-44.
Nella ripresa però non c'è storia, la squadra di Kokoskov rientra dagli spogliatoi determinata a chiudere il discorso, break di 9-0 con tre triple, parziale che si allarga sul 19-3 col contributo di De Colo e Vesely, e gara che va in ghiaccio. Al 30' il tabellone dice 83-57 per gli ospiti, poi nel quarto periodo è poco più di un allenamento, Shved si prende il proscenio e aggiusta i suoi numeri con qualche canestro, mentre il Fenerbahce dilaga oltre quota 100 con i balzi dell'ex sassarese Pierre e con le bombe di Mahmutoglou e di Brown, che fissano il punteggio sul 107-76 finale.

Assist "di piede" di Shved e tripla pazza di Monia

Nel prossimo turno, Round 24, il Khimki volerà a Tel Aviv per sfidare il Maccabi (giovedì 4 febbraio alle 20.05) mentre il Fenerbahce giocherà in casa uno scontro da playoff contro lo Zenit (venerdì 5 alle 18.45).
  • Khimki: Shved 29, McCollum 9, Timma 3, Zaytsev 2, Kadoshnikov 2, Monia 5, Sharapov 8, Voronov 11, Valiev 4, Bertans 3. All. Maltsev.
  • Fenerbahce: Brown 17, Perez 2, Guduric 14, Mahmutoglu 5, Biberovic, De Colo 18, Pierre 14, Vesely 15, Eddie 10, Muhammed, Duverioglu 7, Ulanovas 5. All. Kokoskov.
* * *

Olympiacos Pireo - FC Barcellona 74-76

Di Marco Arcari. Se il Barcellona non perde nemmeno una partita così, è difficile immaginare in quasi possa incappare in un k.o. Dopo aver dominato nel 1° tempo, i blaugrana soffrono tremendamente nel 3° quarto (23-10) e si aggrappano al talento di Nick Calathes per strappare la vittoria in un finale tanto incredibile quanto incandescente. 6° successo consecutivo per la squadra di coach Jasikevicius, 4° k.o. di fila per quella allenata da Bartzokas. Calathes sente fin da subito aria di derby – lui che ha giocato per 8 anni al Panathinaikos – e prende in mano le redini della sfida, giocando perfetti pick&roll con Pierre Oriola e firmando lo 0-7 dopo 2’. Octavius Ellis domina a rimbalzo offensivo (5 nel quarto, 8 compresi quelli difensivi), ma gli extra possessi che genera non vengono quasi mai sfruttati dai compagni. Oriola (10 nella frazione) continua a fare il bello e il cattivo tempo nel pitturato avversario, mentre Nikola Mirotic fissa sul 12-21 il parziale dopo 10’. I turnovers caratterizzano i 5’ successivi, frammentando molto il ritmo (18-27); i padroni di casa proprio non riescono a sbloccarsi da oltre l’arco dei 6.75 (0/9), nemmeno quando è Kill-Bill Spanoulis a provarci. Dall’arco il Barça ricostruisce invece il nuovo +11 (26-37), trovando in Roland Smits l’uomo in più. Kostas Sloukas disegna un perfetto alley-oop con cui Livio Jean Charles brucia la sirena del 1° tempo a ricuce un minimo le distanze (30-40), ma l’inerzia è a totale appannaggio dei blaugrana.
Le palle perse continuano a limitare l’attacco dei Reds di Atene, col solo Shaquielle McKissic che prova a suonare la carica per la rimonta. Mirotic risponde però per le rime e tiene praticamente invariate le distanze (36-46) e allora tocca all’eterno Georgios Printezis sparare la bomba che dimezza lo svantaggio e costringe coach Jasikevicius al timeout. Il parziale dell’Olympiacos si amplia fino all’11-0, anche perché gli ospiti sono completamente in bambola e inanellano una serie incredibile di turnovers (47-46 al 28’). In apertura di ultimo quarto è ancora McKissic l’assoluto protagonista, con la bomba del 56-50.
Brandon Davies decide allora di mettere in mostra tutto il meglio del suo repertorio, Kyle Kuric lo supporta al meglio (nonostante i 4 falli personali a carico) e a 5’ dalla sirena il match è ancora apertissimo (62-61). Il duello a distanza tra Spanoulis e Calathes infiamma la gara e la tiene in perfetto equilibrio fino a 7’’ dal termine. Cory Higgins subisce fallo e va in lunetta, ma coach Bartzokas non approva la chiama arbitrale e si fa espellere per somma di tecnici. Higgins fa 2/2 ai liberi, ma l’Olympiacos trova 3 tentativi per forzare l’overtime: i primi 2 li sbaglia incredibilmente, mentre quello a bersaglio (di Printezis) arriva oltre la sirena. MVP Calathes (12 e 7 assist), ma bene anche Higgins (14+4). McKissic miglior marcatore dell’incontro con 18.
  • Olympiacos: Nikolaidis n.e., Harrison 1, Charalampopoulos, Larentzakis 3, Spanoulis 12, Sloukas 11, Martin 5, Printezis 10, Jean-Charles 6, Jenkins, Ellis 8, McKissic 18. All. Bartzokas.
  • Barcellona: Davies 10, Westermann, Hanga 3, Bolmaro, Smits 7, Pustoviy n.e., Oriola 11, Higgins 14, Martinez, Kuric 3, Mirotic 16, Calathes 12. All. Jasikevicius.
* * *

RIGUARDA KHIMKI-FENERBAHCE IN VOD (CONTENUTO PREMIUM)

Premium
Basket

Khimki - Fenerbahçe Beko

02:08:03

Replica
* * *

RIGUARDA OLYMPIACOS-BARCELLONA IN VOD (CONTENUTO PREMIUM)

Premium
Basket

Olympiacos - Barcellona

02:16:59

Replica
Eurolega
Vassilis "Kill Bill" Spanoulis si ritira a 38 anni
26/06/2021 A 15:19
Eurolega
Micic e Larkin portano l'Efes sul tetto d'Europa, Barça ko
30/05/2021 A 20:46