Khimki Mosca-FC Barcellona 75-87

Di Daniele Fantini. Nonostante un front-court martoriato dalle assenze di Nikola Mirotic, Brandon Davies e Victor Claver, cui si aggiunge il caso ancora irrisolto relativo a Thomas Huertel, il Barcellona espugna l'Arena Mytishschi e infila la seconda vittoria consecutiva, riallungando al secondo posto sul Real Madrid (13-6), atteso domani sera (mercoledì) al match casalingo contro la Stella Rossa Belgrado. La morbida opposizione del Khimki (2-17), all'undicesima sconfitta consecutiva e ormai sempre più destinato a concludere la stagione in modo miserabile, dura poco meno di un tempo, giocato, come sempre, ad alto ritmo offensivo e bassissima intensità difensiva: il Barcellona prende ritmo con il grande impatto di Kyle Kuric dalla panchina (18 punti con 4/4 dall'arco) e, orchestrato alla perfezione da un Nick Calathes che sforna assist a raffica (15) per i tagli continui dei compagni nel cuore dell'area deserta avversaria, prende in mano l'inerzia del match sul finire del secondo periodo (48-54 all'intervallo lungo).

Eurolega
Datome, Hackett, Polonara, Fontecchio: 4 career-high in tre mesi
IERI A 13:18

Dove l'ha fatta passare? Assist magico di Calathes per Oriola

Come nella partita persa settimana scorsa contro lo Zalgiris, il Khimki frana malamente in avvio di terzo periodo, quando, nonostante la mancanza dell'intera batteria lunghi titolare avversaria, si ritrova schiacciato dall'intensità e dalla fisicità della squadra di Jasikevicius, dominante sotto i tabelloni con un nettissimo 44-22 a rimbalzo (16 offensivi). Corey Higgins macina punti a palate (18 punti e 5 assist), Rolands Smits punisce con i suoi gancioni (12 e 8 rimbalzi), e il Barça vola via toccando anche il +20 (67-87) prima che Shved ritocchi il pesantissimo passivo nei due minuti finali.

L'arte del no-look per Alexey Shved: che assist per Mickey

Al Khimki, frenato dai problemi iniziali per il contagio da coronavirus e ora sempre più tendente all'implosione (l'allontanamento dei vari Jerebko, Timma e Monroe, al momento, ha contribuito soltanto a peggiorare una situazione già molto complicata) non bastano i 23 punti con 6 assist del Principino, i 13 di Devin Booker e i 10 di Jordan Mickey dalla panchina.

  • Khimki: Shved 23, Karasev 5, Vialtsev 3, Zaytsev 2, Booker 13; McCollum 10, Monia, Voronov 2, Bertans 6, Mickey 11. N.e.: Sharapov, Odinokov. All.: Kurtinaitis.
  • Barcellona: Calathes 8, Higgins 18, Abrines 11, Smits 12, Pustovyi 5; Westermann, Hanga 4, Bolmaro, Badji, Oriola 9, Martinez 2, Kuric 18. All.: Jasikevicius.

Highlights: Khimki-Barcellona 75-87

* * *

Anadolu Efes Istanbul - Alba Berlino 84-76

Di Marco Arcari. 2° successo consecutivo in EuroLega per l’Anadolu Efes Istanbul, che tra le mura amiche della Sinan Erdem Sports Hall supera in rimonta un’Alba Berlino priva di Luke Sikma e di coach Aito Garcia Reneses. La squadra di coach Ataman inizia il match affidandosi molto al tiro da 3 punti della coppia Larkin-Micic, ottenendo però ben pochi risultati (3-10 a metà 1° quarto). L’Alba disinnesca molto bene i pick&roll di Bryant Dunston e conferma di essere squadra che ama correre in transizione per trovare punti veloci, con un Simone Fontecchio subito sugli scudi. I padroni di casa reagiscono con un 8-0 e ritrovano la parità a fine frazione (18-18) nonostante un Ben Lammers dominante in entrambi i pitturati. I turnovers di entrambe le formazioni generano break e contro-break in successione, con gli ospiti che tentano un nuovo allungo al 17’ (29-39), grazie soprattutto ai canestri di Jayson Granger (12 nel quarto). La difesa della squadra allenata da Israel Gonzalez (in panchina al posto di Garcia Reneses, positivo al Covid-19) è talmente precisa e asfissiante da non concedere nemmeno una banale linea di fondo agli avversari. Rodrigue Beaubois è l’unico giocatore dell’Efes capace di creare dal palleggio, permettendo al club di Istanbul di ricucire un po’ le distanze a metà gara (36-44).

Magia di Micic, il quale regala ad Anderson la comoda schiacciata

Adrien Moerman apre la ripresa con un 2/2 da oltre l’arco dei 6.75, ma è l’aumentata qualità difensiva della squadra di coach Ataman a fare soprattutto la differenza. Dunston diventa il primo terminale offensivo e ridà il vantaggio ai suoi (51-49) a metà 3° quarto, coronando un parziale di 15-5 da inizio 2° tempo. Micic ritrova la mira da 3 (dopo lo 0/4 nei primi 2 quarti) e l’Efes scappa via (62-53) al 30’ di gioco, anche perché l’Alba non segna praticamente mai nella frazione. L’attacco dell’Anadolu ha ormai iniziato a girare a meraviglia e diventa inarrestabile, specie al tiro pesante: le bombe di Beaubois e Singleton valgono il +15 (74-59) al 34’ e chiudono sostanzialmente la sfida, perché le energie degli ospiti sono ormai esaurite, complici anche le ridotte rotazioni. MVP condiviso tra Moerman (15 e 8 rimbalzi) e Micic (15 e 8 assist), ma gran prova anche di Dunston (9+9). Al club di Berlino non bastano i 17 di Granger e i 14 di Lammers.

Jonas Mattisseck col geniale assist no-look dietro la schiena

  • Efes: Larkin 15, Beaubois 11, Singleton 7, Saybir n.e., Balbay 2, Gazi n.e., Sanli, Moerman 15, Tuncer n.e., Micic 15, Anderson 10, Dunston 9. All. Ataman.
  • Alba: Lo 11, Siva 5, Delow 3, Mattisseck 3, Schneider 3, Nikic, Olinde 5, Fontecchio 7, Thiemann 8, Granger 17, Lammers 14. All. Gonzalez.

Highlights: Anadolu Efes-Alba Berlino 84-76

* * *

Fenerbahce BEKO Istanbul - TD Systems Baskonia 96-76

Di Davide Fumagalli. Prosegue la risalita della classifica da parte del Fenerbahce che supera nettamente 96-76 il Baskonia nel Round 19 e centra la quarta vittoria di fila! La squadra allenata da Igor Kokoskov si porta a 9-10 di record e lo fa con una prestazione convincente, evidenziata dai 29 assist di squadra e da percentuali al tiro esagerate, il 72% da due e 15 su 28 da tre: sugli scudi Nando De Colo, MVP con 27 punti, bene anche Vesely, 17, Brown, 14, e Marko Guduric, probabilmente la chiave del momento positivo dei turchi, autore di 9 punti, 7 rimbalzi e 6 assist. Prova opaca invece per il Baskonia che scivola dopo il grande successo col CSKA e viene agganciato in classifica proprio dal Fener: pesano le 17 palle perse e non bastano i 15 punti di Peters e i 12 a testa di Polonara e Zoran Dragic.

Perez dietro la schiena per la tripla di Pierre

Il match inizia a strappi ma c'è equilibrio, Sedekerskis e Polonara rispondono a Vesely, poi entrano Brown e Eddie e firmano il +10 Fenerbahce a fine primo quarto (28-18) con le triple. Si capisce da subito che è una gran serata al tiro per i turchi ma il Baskonia non ci sta, rimonta da -11 e arriva a -1 con un canestro di Dragic (38-37). La squadra di Kokoskov però non trema, replica con De Colo, poi ancora le triple degli scatenati Guduric e Brown valgono il 51-41 dell'intervallo (9 su 12 dall'arco per i padroni di casa).

Clamorosa stoppata di Jekiri, Vesely è respinto

Nella ripresa la musica non cambia, Polonara insacca la bomba del momentaneo -9 (53-44), il Fenerbahce però è saldamente in controllo, muove benissimo la palla in attacco e con anche il contributo di Perez arriva fino a +20 sul 75-55. L'ultimo quarto è pura amministrazione per i turchi, il vantaggio oscilla tra i 15 e i 23 punti, e alla fine sono ancora Guduric e Brown con due triple a far calare il sipario sulla sfida, la 31esima tra le squadre nell'Eurolega moderna (16-15 per il Fener). Per il Round 20 il Baskonia farà visita al Maccabi (giovedì) mentre il Fenerbahce giocherà ancora in casa col Panathinaikos (venerdì).

  • Fenerbahçe: Hamilton ne, Brown 14, Perez 4, Guduric 9, Mahmutoglu, De Colo 27, Pierre 6, Vesely 17, Eddie 6, Duverioglu 8, Ulanovas 5. All. Kokoskov.
  • Baskonia: Vildoza 8, Jekiri 3, Henry 7, Sedekerskis 8, Diop, Fall, Peters 15, Dragic 12, Giedraitis 8, Polonara 12, Kurucs 3. All. Ivanovic.

Highlights: Fenerbahce-Baskonia 96-76

* * *

Maccabi Playtika Tel Aviv - Olympiacos Pireo 87-89 d1ts

Di Davide Fumagalli. Partita bellissima a Tel Aviv dove l'Olympiacos batte il Maccabi 89-87 in overtime nel Round 19 di Eurolega. Se al Pireo era stato il buzzer beater di Harrison a dare il successo ai greci, questa volta sono le triple in overtime di Vezenkov e Larentzkais a regalare il successo alla formazione di Bartzokas: terzo successo di fila, sesto in nove trasferte e 10-8 il bilancio complessivo dei Reds, trascinati da un maestoso Sloukas da 21 punti e 11 assist, ben sorretto da Printezis, 12, e dal già citato Larentzakis, 13. Per il Maccabi di Sfairopoulos, grande ex della sfida, arriva il quinto ko in nove gare casalinghe e ora il record è di 8-11: purtroppo pesano il 6 su 27 da tre e le 20 palle perse, Scottie Wilbekin finisce con 25 punti ma 8 perse e l'errore dalla lunetta che poteva valere il secondo supplementare. Ci sono anche 15 punti con 6 rimbalzi e 4 assist di Bryant, 12 di Zizic e 11 con 10 rimbalzi di Hunter.

Clamorosa finta di Sloukas, Hunter salta ed è beffato

Nel primo quarto si segna poco, Printezis infila 9 punti e tiene l'Olympiacos a -5 al 10' (18-13), poi nel secondo quarto il Maccabi cambia marcia, Jones e Bryant firmano il +9, il margine è conservato dalle bombe di Wilbekin e Dorsey, e all'intervallo è 40-33 per i padroni di casa. Dopo la pausa negli spogliatoi rientra un altro Olympiacos e i greci, trascinati da Sloukas, rimontano e sorpassano sul 49-48, poi al 30' è 55-52 per il Maccabi.

L'ultimo periodo è un continuo botta e risposta, Sloukas è indiavolato, Vezenkov mette la bomba del +4, ma i gialli ricuciono e vanno a loro volta a +4 grazie a Wilbekin e Hunter per il 71-67. Da lì è un susseguirsi di tiri liberi, Martin e Vezenkov impattano, Sloukas fa 73-73, poi con 3" da giocare Wilbekin ci prova dalla sua area ma trova solo il tabellone e così è overtime. Qui due triple di Larentzakis e Vezenkov valgono il +5 sull'86-81, gli israeliani non ci stanno e tornano a -1 grazie a Hunter, poi sul -3 Wilbekin ha la chance di impattare con tre liberi ma fa 2 su 3 e di fatto consegna il successo ai greci. Il Maccabi ha un'ultima chance sul -2, Bryant ci prova da metà campo e non va lontano dalla prodezza, con la palla che esce dopo aver toccato tabellone e ferro.

Othello Hunter vola e schiaccia sull'errore di Wilbekin

Nel prossimo turno, Round 20, il Maccabi ospiterà il Baskonia (giovedì) mentre l'Olympiacos giocherà in casa contro l'Asvel (venerdì).

  • Maccabi: Bryant 15, Wilbekin 25, Jones 9, Caloiaro 6, Hunter 11, Casspi, Dorsey 8, DiBartolomeo, Blayzer 1, Bender, Zizic 12, Zoosman. All. Sfairopoulos.
  • Olympiacos: Nikolaidis ne, Charalampopoulos 5, Larentzakis 13, Spanoulis, Sloukas 21, Martin 6, Vezenkov 8, Printezis 12, Jean-Charles 8, Jenkins, Ellis 6, McKissic 10. All. Bartzokas.

Highlights: Maccabi-Olympiacos 87-89 d1ts

* * *

RIGUARDA KHIMKI MOSCA-FC BARCELLONA IN VOD (CONTENUTO PREMIUM)

Iscriviti per guardare

Hai già un account?

Accedi
Basket

Khimki - Barcellona

Eurolega | 19a giornata

02:10:02

Replica

* * *

RIGUARDA ANADOLU EFES ISTANBUL-ALBA BERLINO IN VOD (CONTENUTO PREMIUM)

Iscriviti per guardare

Hai già un account?

Accedi
Basket

Anadolu Efes - Alba Berlino

Eurolega | 19a giornata

02:08:02

Replica

* * *

RIGUARDA FENERBAHCE BEKO ISTANBUL-TD SYSTEMS BASKONIA IN VOD (CONTENUTO PREMIUM)

Iscriviti per guardare

Hai già un account?

Accedi
Basket

Fenerbahçe Beko - TD Systems Baskonia

Eurolega | 19a giornata

02:08:54

Replica

* * *

RIGUARDA MACCABI PLAYTIKA TEL AVIV-OLYMPIACOS PIREO IN VOD (CONTENUTO PREMIUM)

Iscriviti per guardare

Hai già un account?

Accedi
Basket

Maccabi Tel Aviv - Olympiacos

Eurolega | 19a giornata

02:39:08

Replica

* * *

Eurolega
Highlights: Baskonia-Alba Berlino 77-84
IERI A 23:14
Eurolega
Highlights: Zalgiris-Olympiacos 81-79
IERI A 22:49