Zenit San Pietroburgo - Barcellona 70-78

Colpo esterno del Barcellona che vince 78-70 gara 3 contro lo Zenit San Pietroburgo alla Sibur Arena e si riprende il fattore campo dopo l'1-1 delle prime due gare al PalauBlaugrana. La squadra di Sarunas Jasikevicius, che ha fatto enorme fatica nei primi due match e ha visto pericolosi spettri, nella prima delle due partite in Russia si impone con autorità e ha la meglio su uno Zenit comunque duro a morire e coriaceo fino in fondo. I catalani si portano sul 2-1 nella serie e venerdì alle 19 avranno il primo match point per staccare il pass che vale la Final Four di Colonia. Il Barça pecca nelle palle perse, 15, ma vince la lotta a rimbalzo, 30 a 23, e tira molto bene dall'arco, 8 su 14: l'MVP è assolutamente Brandon Davies, 22 punti e 8 rimbalzi, bene anche Kuric, 13, e Higgins, 16, mentre Nikola Mirotic aggiunge 11 punti e Nick Calathes firma 7 punti e 6 assist. Viceversa nella squadra di Xavi Pascual, costretta a fare i conti con rotazioni ristrette e problemi di falli coi lunghi, ha 19 punti da Baron, 14 da Poythress, 10 con 9 rimbalzi e 4 assist di Will Thomas mentre Pangos, dominatore delle prime due sfide, viene ben imbrigliato dalla difesa avversaria e si ferma a 10 punti con 6 assist ma anche 6 perse e 3 su 9 al tiro.
Eurolega
Playoff di Eurolega al via: i pronostici di Eurosport
20/04/2021 A 07:53
La partita è equilibrata e a punteggio basso, sulla falsariga delle due sfide di Barcellona: alla fine del primo periodo è 16-16, griffato da una bomba di Kuric, poi nel secondo quarto lo Zenit scappa fino a +7 sul 28-21 con le giocate di Baron, Poythress e Rivers. I blaugrana rispondono con Higgins e soprattutto con un devastante Davies, tornano davanti e all'intervallo conducono 34-33 per una tripla di Calthes.
Nella ripresa i soliti Davies e Calathes propiziano il +6 sul 43-37, lo Zenit fatica a rispondere anche per l'ottima difesa contro Pangos, e così gli ospiti allungano fino al +10 sul 52-42 grazie ad un paio di canestri di Kuric e ad un guizzo di Mirotic, tutt'altro che in partita. Sembra l'allungo giusto ma lo Zenit si aggrappa a Billy Baron, la guardia firma il -4 del 30' (51-55), e poi mette la bomba del -1 in avvio di ultimo quarto. I russi ci credono, anche per il quarto fallo di Davies, ma il Barcellona risponde al meglio con Mirotic e due liberi di Gasol, poi ancora Mirotic segna con anche il quinto fallo di Poythress, e così i catalani vanno a +8 sul 66-58.
Lo Zenit è con le spalle al muro, torna un paio di volte vicino grazie a Baron, a Thomas e a due canestri in fila di un Pangos fuori partita, ma non va mai oltre il -4 (66-70), e così il Barcellona sigilla il risultato tornando a +8 con due canestri dell'MVP Brandon Davies, totalmente immarcabile. Alla sirena conclusiva è 78-70 per la formazione di Sarunas Jasikevicius che fra 48 ore avrà la prima chance per volare alla Final Four di Colonia.
  • Zenit: Rivers 8, Zakharov, Pangos 10, Fridzon ne, Hollins 1, Thomas 10, Baron 19, Khvostov, Pushkov, Zubkov, Poythress 14, Black 8. All. Pascual.
  • Barcellona: Davies 22, Hanga 6, Bolmaro, Smits, Gasol 2, Oriola, Abrines 1, Higgins 16, Martinez, Kuric 13, Mirotic 11, Calathes 7. All. Jasikevicius.
* * *

Fenerbahçe Beko - CSKA Mosca 68-85

Missione compiuta per il CSKA Mosca che vince anche gara 3 ad Istanbul contro il Fenerbahce, si impone 85-68, chiude la serie 3-0 ed è la prima squadra a conquistare il pass per la Final Four di Eurolega a Colonia. Un risultato quasi inaspettato per la formazione di Dimitris Itoudis, colpita durante la stagione da diversi infortuni, su tutti quello a Milutinov, e poi costretta ad incassare l'addio di Mike James: nonostante questo i russi, di fatto campioni in carica (vincitori a Vitoria nel 2019), riescono a conquistare la 20esima Final Four, 9 di fila e 6 sotto la guida dell'allenatore greco. In gara 3 l'MVP assoluto è Will Clyburn autore di 34 punti con 38 di PIR, entrambi massimi in carriera; bene anche il danese Lundberg, 22 punti, e Voigtmann, 11, mentre Daniel Hackett chiude con 3 punti in 27'. Per il Fenerbahce, ancora senza coach Kokoskov, fermato dal Covid, non basta una partenza a razzo sul 12-0 e il rientro di Jan Vesely, che però perde la testa a inizio secondo tempo e si fa espellere: alla fine c'è poco oltre i 22 punti di De Colo e i 10 di Guduric. Si ferma dunque qui la stagione dei turchi del general manager Maurizio Gherardini, protagonisti di una grande rimonta per arrivare ai playoff ma sfortunati ad essere colpiti dal Covid proprio alla vigilia della serie col CSKA che ha costretto la squadra a presentarsi molto rimaneggiata per le prime due gare a Mosca, comunque lottate praticamente alla pari.
La gara 3 di Istanbul vede il Fenerbahce partire giustamente forte, il CSKA è in bambola e i padroni di casa si portano sul 12-0 grazie a Vesely, a De Colo e al talento Biberovic. I russi si sbloccano dopo 4' con una tripla di Clyburn, ma il Fener va il doppio e torna a +12 sul 20-8 con due missili di Guduric: nonostante questo la formazione di Itoudis resta in scia e al 10' è a -7 sul 24-17. In avvio di secondo periodo i turchi tornano a +10 sul 33-23 grazie a De Colo ma lì, all'improvviso, l'effetto "sparo" della partenza svanisce e il CSKA torna in gara. Gli ospiti cambiano marcia a loro volta, Clyburn insacca due triple, Shengelia firma il sorpasso e Lundberg segna due canestri in transizione firmando il 44-39 dell'intervallo, e completando un parziale di 21-6!
La ripresa inizia nel peggiore dei modi per il Fenerbahce: Vesely commette due falli in un minuto, poi perde la testa, si becca un fallo tecnico e finisce la sua partita con due quarti interi ancora da giocare! Il contraccolpo psicologico è devastante per i turchi, viceversa il CSKA mette le mani sul match: coi 4 liberi conseguenti al "fattaccio" Vesely i russi vanno a +10, che diventa +19 sul 58-39 con le bombe di Lundberg, Shengelia e Hackett (14-0 per iniziare il quarto). A quel punto la partita è andata, il CSKA vola fino a +24 e al 30' conduce 71-50. L'ultimo periodo non ha più nulla da dire, Clyburn porta i suoi fino al massimo vantaggio di +25 (52-77) e aggiorna il proprio massimo in carriera, poi De Colo torna in azione per aggiornare i suoi numeri e ridurre lo scarto, che alla fine dice 85-78 CSKA. Il Fenerbahce chiude qui la sua Eurolega 2020-21, i russi volano a Colonia dove proveranno a difendere il titolo vinto nel 2019 a Vitoria.
  • Fenerbahçe: Brown 2, Guduric 10, Mamhmotoglou 7, O'Quinn 4, Biberovic 7, De Colo 22, Pierre 6, Barthel, Vesely 8, Sipahi, Eddie, Duverioglu 2. All. Erdem Can (Kokoskov assente).
  • CSKA: Lundberg 22, Khomenko ne, Hilliard 7, Ukhov, Hackett 3, Antonov, Strelnieks, Voigtmann 11, Clyburn 34, Shengelia 6, Kurbanov 2, Eric. All. Itoudis.
* * *

RIGUARDA ZENIT-BARCELLONA IN VOD (CONTENUTO PREMIUM)

Iscriviti per guardare

Hai già un account?

Accedi
Basket

Zenit San Pietroburgo - Barcellona

00:00:00

Replica
* * *

RIGUARDA FENERBAHCE-CSKA IN VOD (CONTENUTO PREMIUM)

Iscriviti per guardare

Hai già un account?

Accedi
Basket

Fenerbahçe Beko - CSKA Mosca

00:00:00

Replica
* * *
Eurolega
MVP, miglior coach, quintetto ideale: i voti di Eurosport
16/04/2021 A 18:35
Eurolega
Achille Polonara lascia Vitoria: ufficiale la firma col Fenerbahçe
29/06/2021 A 10:42