Com'era iniziata, la striscia doveva anche finire. Chiaro, il sentiment comune era che non potesse o dovesse succedere proprio contro l'Asvel, ma è un'idea più figlia dei numeri o del blasone, perché, in realtà, chi ha seguito i progressi della squadra francese nelle ultime settimane, sapeva quanto fosse pericolosa. Soprattutto con una Milano reduce da due mesi giocati a un ritmo e a un'intensità forsennati e mai con il gruppo veramente al completo, sempre azzoppato, qua e là, da assenze che hanno colpito con precisione quasi millimetrica gli uomini giusti nel momento sbagliato. Piangerci sopra, a questo punto, serve a poco. Anzi, sarebbe molto più costruttivo vedere che cosa ha funzionato nonostante il tracollo finale, visto che, per tre quarti abbondanti, Milano ha comunque fatto corsa di testa.
L'indizio migliore è il pieno e totale recupero di Shavon Shields. Già al rientro con lo Zenit, dopo cinque gare saltate, aveva dimostrato di essere pronto. A Lione è andato oltre, tornando quel giocatore che era, capace di sorprendere per la solidità, l'efficacia e gli enormi miglioramenti rispetto alle ultime stagioni. I 18 punti segnati valgono la sua terza miglior prestazione offensiva della stagione, ma, quel che più colpisce, è il modo con cui sono arrivati, quello di un giocatore fluido, concentrato, nuovamente in fiducia. Ci sono stati momenti, nel primo e quarto periodo, in cui sembrava non poter sbagliare mai, delicato, pulito e letale con quelle sue esecuzioni molto old-school dal palleggio, ma tremendamente efficaci.
Eurolega
Messina: "Abbiamo mosso poco la palla contro un Asvel fisico"
05/02/2021 A 22:39
Il secondo punto interessante è il continuo progresso mentale di Kaleb Tarczewski. Non è azzardato dire che, a Lione, abbia giocato una delle sue migliori partite (se non la migliore) della stagione, affermazione corroborata anche dai numeri: i 21 minuti abbondanti concessi da Ettore Messina e i 7 rimbalzi catturati sono entrambi season-high. E potremmo spingerci anche oltre, dicendo che è stato, forse per la prima volta, più efficace ed efficiente di Kyle Hines, contro un avversario che, per fisicità e stazza, si adattava molto più alle sue caratteristiche che a quelle dell'ex-CSKA. Attento, concentrato, duro, coinvolto, Tarczewski sta mostrando di poter uscire da quello strano limbo in cui era precipitato nella prima parte di stagione. Successe anche l'anno scorso, quando soffrì il breve ritorno del Gudaitis sano, ed è successo anche quest'anno, ma probabilmente con qualche attenuante in più: perché chiunque, affiancato a Kyle Hines, farebbe fatica a conservare quelle certezze che l'hanno sorretto fino a quel momento.
Terzo punto, il recupero offensivo di Zach LeDay. Attenzione, non che fosse un giocatore in crisi, ma nelle ultime partite aveva profuso tantissima quantità senza però riuscire ad affiancarla a quell'efficacia che lo ha reso la più grande sorpresa di questa stagione (6/20 al tiro nelle gare con Bayern, Olympiacos e Zenit). A Lione è stato il giocatore più utilizzato (34:33) ma anche quello che, assieme a Shields, ha saputo scovare i punti deboli di una difesa attenta e fisica, colpendo con quei suoi jumper dalla media distanza e con quei suoi tiretti a una mano in svitamento da centro-area che lo rendono quasi instoppabile in quelle situazioni.
Non è convenzione parlare degli assenti, ma, per chiudere, non si può glissare sull'importanza di Sergio Rodriguez per questa squadra. Nelle ultime partite era stato perfettamente gestito, quasi centellinato (se non sacrificato in certe occasioni per mantenere un miglior equilibrio difensivo), così da poter massimizzare il suo impatto dalla panchina. Risultato? 14 punti in 21' con il Bayern, 14 in 16' con l'Olympiacos, 13 in 17' con lo Zenit, 16/27 complessivo al tiro, 7/15 da tre. A Lione, per battere quella prima linea difensiva dal palleggio, muovere la palla per innescare i tiratori e colpire con le sue stesse conclusioni da fuori sarebbe stato molto utile. Altroché.
* * *

Riguarda LDLC Asvel Villeurbanne-AX Armani Exchange Milano in VOD (Contenuto Premium)

Premium
Basket

ASVEL - AX Armani Exchange Milano

02:07:03

Replica
Eurolega
La striscia di Milano si ferma a Lione: l'Asvel rimonta e vince 78-69
05/02/2021 A 21:29
Serie A
Milano da 10 e lode: dimentica Berlino e domina a Brindisi
05/12/2021 A 17:55