Come già previsto e annunciato da tempo, Eurolega è pronta ad allargare il parco delle squadre con licenza di tipo A (pluriennale) a partire dalla prossima stagione. L'ultimo board ha ribadito l'importanza di penetrare in nuovi mercati strategici e con potenziale crescita, identificati, al momento, in Germania e Francia.
Bayern Monaco e Asvel Villeurbanne, presenti per la seconda stagione consecutiva grazie a una wild-card, sono le due franchigie cui verrà offerta una licenza pluriennale al termine del campionato in corso (giugno 2021), così da portare da 11 a 13 il numero complessivo di squadre-cardine del campionato. Per quanto riguarda il mercato tedesco, c'è forte interesse anche per l'Alba Berlino: la società della capitale è destinata a ricevere un'altra wild-card biennale (2021-23) in modo da rafforzare la solidità del campionato, una mossa che lascia intendere il desiderio di aggiungerla, nel breve periodo, alle squadre con licenza A.
Nessuna novità, invece, sulla situazione della Virtus Bologna e il grande obiettivo di tornare a disputare l'Eurolega per la prima volta dall'ormai lontano 2002-03. La via più rapida e percorribile resta la qualificazione alla finale di Eurocup, che le garantirebbe una licenza annuale da sfruttare come trampolino di lancio per un futuro più solido nella massima competizione continentale europea.
Eurolega
Bologna, Valencia, Londra: dove si espanderà l'Eurolega?
01/11/2020 ALLE 11:05
Eurolega
Bertomeu: "Virtus Bologna in Eurolega? In due-tre anni, ma se vince l'Eurocup..."
19/11/2019 ALLE 20:35
Eurolega
Il Real Madrid cerca un nuovo coach: Andrea Trinchieri in pole position
07/11/2022 ALLE 15:59