AX Armani Exchange Milano-Maccabi Playtika Tel Aviv 83-72

MEDIOLANUM FORUM DI ASSAGO (MI) - Alla sirena dell'intervallo lungo, il tabellone del Forum mostra un grasso +22, frutto di due primi periodi in fotocopia: 26-15 e 26-15. E, questa volta, bastano i numeri a spiegare la forza con cui l'Olimpia mette in cassaforte la terza vittoria consecutiva in questo inizio stagionale. Milano può godersi una notte da capolista in compagnia del sorprendente Asvel Villeurbanne, mattatore dell'Anadolu Efes. Lo stesso Efes campione in carica che venerdì farà visita al Forum nel primo doppio appuntamento settimanale della stagione.
Dieci giorni fa, all'esordio contro il CSKA, ad Assago riecheggiava il coro "Pippo, Pippo". Oggi risuona invece un "Dino, Dino" riciclato dopo tanti anni. Ai tempi, era il doveroso omaggio a Dino Meneghin. Oggi, il giusto tributo a Dinos Mitoglou, alla sua miglior serata in maglia Olimpia. Il greco sfodera il suo intero arsenale difensivo e offensivo, mostrando concretamente sul campo i motivi per cui la società ha scelto di investire su di lui in estate, prelevandolo dalla bambagia del Panathinaikos. 16 punti, 6 rimbalzi e 4 triple. Mortifero dall'angolo, lì dove sembra già aver trovato una mattonella preziosissima per sfruttare i ribaltamenti sugli short-roll di Melli e Hines.
Eurolega
Olimpia Milano-Maccabi Tel Aviv in LIVE-Blogging
12/10/2021 A 18:15
Gli applausi scrosciano anche per Devon Hall, passato, nel giro di un mese, da "pescato nel sommerso" a nuovo idolo. L'ex-Bamberg incarna sempre più lo spirito Olimpia. Combattente, lottatore, tignoso. E ora anche ufficialmente esploso nella metacampo offensiva dopo gli inizi sottotono in Supercoppa. 17 punti, top-scorer, e un canestro più bello dell'altro. Dalle triple inventate dal palleggio a quelle penetrazioni al ferro con la mano destra (lui che è mancino) inarrestabili per la difesa avversaria.
Il dominio biancorosso del primo tempo passa anche per le mani di Malcolm Delaney (10 punti, 4 assist), Sergio Rodriguez (9+6 assist) e Nicolò Melli (8+4 rimbalzi), straordinari nelle letture. Ma anche e soprattutto nella metacampo difensiva. Milano è una muraglia. Delaney taglia la testa a Scottie Wilbekin sin dalla palla a due (situazione chiave del game-plan di serata), sorretto splendidamente da Devon Hall in una staffetta di grandissima sostanza.
E, lì sotto, Melli, Mitoglou e Hines spazzano il verniciato come l'aia di casa propria. Tanto che anche Kaleb Tarczewski sembra finalmente recuperare un minimo di fiducia su cui far tesoro per le prossime partite. Per la terza volta consecutiva, Milano vince la battaglia a rimbalzo (31-25), una striscia impensabile nella passata stagione. E continua a trovare soluzioni per colpire anche vicino a canestro, coinvolgendo i lunghi (17/29 da due, 59%, altro dato in netto contrasto con quanto visto l'anno scorso).
La ripresa, invece, dice molto meno. L'Olimpia perde ritmo e mordente, switchando sulla versione in "risparmio energetico". Comprensibile, e accettabile, per una squadra alla terza partita in 6 giorni dopo le trasferte di Vitoria e Varese e attesa a chiudere la settimana con un altro tour de force di fuoco: venerdì arriva l'Anadolu Efes Istanbul, furioso dopo aver incassato la terza sconfitta in fila, mentre domenica sera sarà tempo di big-match contro la Reyer Venezia in campionato (ore 20.45, LIVE-Streaming su Discovery+).
E così, il Maccabi ha possibilità di sfogare rabbia e frustrazione con qualche gancione di Jalen Reynolds (13), un paio di pennellate di James Nunnally (16 ma totalmente avulso dallo spirito della partita) e la sfuriata improvvisa di Derrick Williams (19 con 4/5 dall'arco). Una sua schiacciata tonante fa scorrere qualche brivido sulla schiena di Ettore Messina, ma Milano ha la forza mentale per controllare nervi ed emozioni nel finale mettendo il risultato in ghiaccio con Hines, Rodriguez e Hall.
  • Milano: Delaney 10, Hall 17, Shields 9, Melli 8, Tarczewski 2; Grant 2, Rodriguez 9, Ricci 1, Mitoglou 16, Hines 6, Datome 3. N.e.: Moraschini. All.: Messina.
  • Maccabi: Wilbekin 8, Evans 5, Nunnally 16, Caloiaro, Lessort 10; Williams 19, Taylor, Reynolds 13, Sorkin 1, Dibartolomeo, Ziv. N.e.: Cohen. All.: Sfairopoulos.
Eurolega
Messina: "Complimenti al Bayern, ma di solito difendiamo meglio di così"
7 ORE FA
Eurolega
Prima sconfitta per Milano a Monaco: vince il Bayern 83-77
8 ORE FA