MEDIOLANUM FORUM DI ASSAGO (MI) - L'instant-replay che alla fine del terzo periodo derubrica una tripla dell'Alba Berlino dà all'Olimpia quel punticino di vantaggio cercato disperatamente da tempo. A prima vista è un episodio di scarsa rilevanza. Invece risulterà fondamentale per aprire il grosso break di 16-6 di inizio quarto periodo con cui Milano si scrolla finalmente di dosso un'avversaria coriacea e spigolosa, capace di fare corsa di testa per buoni tratti di partita e ridisegnare all'orizzonte gli stessi fantasmi visti dall'Olimpia nella sconfitta della gara d'andata.
L'Armani archivia il primo atto dell'estenuante tour de force che la costringerà a tre doppi turni nelle prossime quattro settimane di Coppa centellinando le energie in maniera quasi scientifica. Lo fa con le sicurezze di una squadra superiore, conscia di poter risolvere la serata con la qualità dei suoi veterani e con la compattezza difensiva recuperata dopo un primo a intensità relativamente blanda. È la serata di Gigi Datome, recuperato dopo un mese di stop per l'infortunio sofferto nel riscaldamento di Trieste, e subito pronto a riaccendersi come un fiammifero: 15 punti (seconda miglior prestazione stagionale dopo i 17 sparati al Barcellona) che mostrano un giocatore brillante e in fiducia, come se la pausa forzata fosse servita per recuperare le tante energie spese nella prima parte di stagione.
Mentre Datome intasca il premio di MVP per continuità all'interno della partita, il terzetto protagonista del break a cavallo dei due periodi finali è invece inedito. Il cervello è quello brillantissimo di Sergio Rodriguez, in odore di doppia-doppia con 9 punti e 9 assist (season-high pareggiato dopo i 9 serviti contro il Panathinaikos), ma le mani sono quelle di Kaleb Tarczewski e Pippo Ricci.
Eurolega
Messina: "Buon secondo tempo, ottima difesa. Datome è stato importante"
18/01/2022 A 22:28
Mentre il Chacho mette una pezza alla serata opaca di Malcolm Delaney, la strana coppia del front-court biancorosso scherma il verniciato andando in soccorso a qualche insolita défaillance della coppia Melli-Hines e alla scarsa concentrazione con cui Ben Bentil si auto-estromette dalla gara. Chiusa l'area a doppia mandata, è poi l'attacco a far brillare gli occhi. Tarczewski (8 punti, seconda miglior prestazione stagionale) vola sopra al ferro annichilendo i 223 di Christ Koumadje, quasi incontenibile nelle prime fasi della partita, e Ricci (10, career-high pareggiato) fornisce spaziature preziose sul perimetro per sparare quelle triple assassine che fanno riecheggiare il coro "Pippo! Pippo!" dagli spalti del Forum.
L'Alba boccheggia, stritolata a soli 6 punti in cinque minuti e in caduta libera nelle percentuali dall'arco (9/25 alla fine). Quei canestri frustranti a fil di sirena trovati a più riprese nel terzo periodo ora si trasformano in ferri, schiacciati da una pressione che il front-court non riesce più a reggere. Sul perimetro, il lavoro difensivo di Devon Hall risolve anche il rebus Maodo Lo (scomparso dopo i 13 punti segnati nel solo primo tempo), ed è poi Kyle Hines (12) a lanciare i titoli di coda con tre canestri consecutivi firmati da altrettanti assist brillanti del Chacho.
La vittoria archiviata riporta l'Olimpia ad agganciare Olympiacos e Zenit San Pietroburgo al terzo posto con un record di 12-6 (ma Milano è in svantaggio nello scontro diretto con entrambe) e al sorpasso sul CSKA Mosca, rimasto in sesta piazza a 12-7. Venerdì la tournée europea prosegue proprio con la trasferta in terra russa, match importantissimo per mettere un altro mattoncino verso la qualificazione ai playoff.

AX Armani Exchange Milano - Alba Berlino 84-76

  • Milano: Delaney 4, Hall 4, Datome 15, Melli 10, Hines 12; Grant 7, Rodriguez 9, Tarczewski 8, Ricci 10, Daniels 3, Bentil 2. N.e.: Biligha. All.: Messina.
  • Alba: Blatt 9, Eriksson 4, Zoosman 10, Sikma 9, Lammers 6; Lo 13, Da Silva 8, Smith 5, Schneider, Olinde 6, Koumadje 6. All.: Gonzalez.
Eurolega
Olimpia Milano-Alba Berlino in LIVE-Blogging
18/01/2022 A 19:15
Serie A
Una serie da 3-0 netto: Milano simbolo di solidità ritrovata
20/05/2022 A 16:35