MEDIOLANUM FORUM DI ASSAGO (MI) - Il gelo che ammanta il Forum ricorda quello di cinque anni fa, quando lo Zalgiris passeggiò ad Assago rifilando 32 punti a una delle peggiori Armani del periodo Pianigiani. L'Efes rifila il quinto ko consecutivo all'Olimpia, e il quarto casalingo, "accontentandosi" di 29. Ma maturati tutti in un secondo tempo inspiegabile. Perché Milano approccia bene la partita. Anzi, quando tocca il +8 (28-20) alla metà del secondo quarto su una tripla folle di Naz Mitrou-Long sembra anche poterla prendere in mano. La difesa è solida e attenta, attiva su Vasilije Micic e pronta sulle linee di passaggio, dove l'Efes regala tanti possessi gratuiti. L'attacco funziona. Non brilla, certo, ma sembra aver migliorato le deficienze delle ultime uscite. Il 34-34 dell'intervallo lungo, artigliato dall'Efes grazie agli ingressi di Tibor Pleiss e Will Clyburn, va quasi stretto. Ma quel che si vede al ritorno in campo oltrepassa molte logiche.
L'Anadolu arriva al ferro per tre volte consecutive con facilità sorprendente. E da lì, nonostante il time-out immediato di coach Ettore Messina, si apre una voragine infernale. L'Olimpia incassa un parzialone di 0-13 nella prima metà del terzo periodo, e si ritrova a battagliare con i suo demoni. Ma a differenza delle scorse uscite, sì perdenti ma comunque sostenute da grande intensità difensiva e orgoglio caratteriale, il linguaggio del corpo è avvilente. Quasi drammatico. Incapace di trovare vantaggi e punti in attacco, Milano crolla anche a livello difensivo e mentale. E l'Efes, da squadra che a sua volta deve uscire da un inizio stagionale poco brillante rispetto alle potenzialità del roster, sguazza nella tempesta biancorossa sfogando valanghe di frustrazioni.

Will Clyburn contro Pippo Ricci, EA7 Emporio Armani Milano-Anadolu Efes Istanbul, Euroleague 2022-23

Credit Foto Getty Images

Eurolega
Mitrou-Long, che impatto a Milano! È il terzo miglior attaccante in Europa
22/11/2022 ALLE 10:21
Il conto del secondo tempo è mortificante. 46-17 per l'Efes. Milano chiude la partita tirando 5/32 da tre (15.6%) e andando per la prima volta in lunetta soltanto a poco più di un minuto dalla sirena, in garbage-time totale. Sono statistiche sintomo di un sistema offensivo ancora ingolfato. Incapace di rendersi pericoloso al ferro e in area, e con un chiaro sovra-utilizzo del tiro pesante, anche in situazioni poco limpide. Perché è vero che lo sconforto generalizzato rattrappisce le mani in un quarto periodo di soli ferri, ma alle spalle di quei numeri dolenti ci sono anche tante conclusioni poco pulite e frutto di scelte obbligate per mancanza di alternative concrete.
Il pubblico del Forum fischia. Fischia Kevin Pangos, ancora una volta incapace di dare ritmo alla squadra e completamente deragliato in un finale affossato da una lunga serie di tiri sbagliati (3/13 dal campo). Fischia Brandon Davies, insipido e frustrante, anche nell'atteggiamento. Fischia Johannes Voigtmann, visto sbagliare un tiro dopo l'altro compreso un air-ball enigmatico da tre metri. E si chiede che cosa possa portare alla causa il neo-acquisto Timothe Luwawu-Cabarrot, uomo da 3&D ma con 0/4 dall'arco e un paio di brutte sfuriate verso Nicolò Melli per mancati aiuti su sue lacune perimetrali.
Nel frattempo, l'Efes sfoggia le meraviglie di Will Clyburn, quasi illegale con 24 punti, 9 rimbalzi e un'esecuzione al tiro più bella dell'altra. E costringe Milano a riflettere sulle scelte fatte in estate. Perché uno così, sul quale c'era stato anche un vivo interesse al tempo della smobilitazione del CSKA Mosca, sarebbe stato da prendere, a ogni costo.
Milano precipita a 3-6 in classifica, davanti alle sole Panathinaikos e Bayern Monaco (in campo però domani sera), ma tra due giorni si ritroverà di fronte a un altro impegno durissimo: sul parquet del Forum arriverà la capolista Fenerbahçe (8-1 e reduce da un successo in volata a Monaco). Obbligatorio risorgere in meno di 48 ore. O sarà un altro dramma.

EA7 Emporio Armani Milano - Anadolu Efes Istanbul 51-80

  • Milano: Luwawu-Cabarrot 6, Pangos 7, Melli 9, Hall 5, Hines 6; Davies 5, Mitrou-Long 10, Ricci, Alviti, Voigtmann 3. N.e.: Thomas, Baldasso. All.: Messina.
  • Efes: Beaubois 8, Bryant 6, Micic 12, Polonara 4, Zizic; Ilyasoglu, Clyburn 24, Taylor 3, Pleiss 13, M'Baye 10, Dunston. All.: Ataman.

Gli highlights della partita

Serie A
Milano travolge Sassari con un 32-0 pazzesco: gli highlights in 120"
04/12/2022 ALLE 22:34
Serie A
Milano si rialza dal mal d'Eurolega: trionfo a Sassari 92-63
04/12/2022 ALLE 19:14