Tutti d'accordo quindi: la stagione NBA 2020-21 scatterà il prossimo 22 dicembre e quindi proseguirà la tradizione con le partite a Natale! Nella notte infatti l'NBPA, l'associazione giocatori, ha avuto il benestare da tutti i suoi rappresentanti e ha comunicato la volontà alla lega: caduta l'ipotesi iniziale di partire il 18 gennaio, il Martin Luther King Day, troppe sarebbero state le perdite economiche per non sfruttare il periodo natalizio, senza contare i buchi nelle voci dei ricavi a causa della pandemia (-40%, circa 1,5 miliardi di dollari). ESPN parlava addirittura di una cifra tra i 500 milioni e 1 milardo di dollari se non si fosse partiti prima di Natale.
L'accordo prevede una regular season da 72 partite con termine il 16 maggio e gara 7 delle Finals al massimo il 22 luglio, in tempo per chiudere prima dell'inizio delle Olimpiadi di Tokyo, al via il giorno dopo, il 23. Non interferire coi Giochi e ritornare ad un calendario tradizionale dalla stagione 2021-22 è considerato vitale dalla NBA per non avere ulteriori perdite, in particolare dalle TV che già hanno visto gli ascolti crollare nell'ultima annata.
NBA
NBA 2020-21: iniziare prima di Natale sembra inevitabile
03/11/2020 A 23:27
Si cercherà di impostare una stagione con una sensibile riduzione dei viaggi, il 25% in meno, cercando di giocare il più possibile all'interno del rispettivo mercato. L'apertura dei traing camps è prevista per l'1 dicembre mentre il 18 novembre ci sarà il Draft: è possibile che qualche giorno prima, il 16, si possa dare inizio agli scambi mentre subito dopo, il 19 o il 20 novembre, dovrebbe aprirsi la free agency in modo da permettere ai giocatori di raggiungere la nuova squadra in tempo per i traing camps l'1 dicembre. Secondo The Athletic devono essere finalizzati anche i protocolli sanitari ma si pensa che i giocatori verranno sottoposti a test e tamponi ogni giorno, come succedeva nella "bolla" di Orlando.
Infine il discorso salariale: il salary cap dovrebbe restare attorno ai 109 milioni di dollari per squadra, mentre per quanto riguarda gli stipendi dei giocatori pare che per i prossimi due anni "accantoneranno" una cifra attorno al 17-18% del loro salario, con la speranza che possa tornare intorno al 10% dalla stagione 2022-23.

Via il 22 dicembre (per The Athletic)

  • 1 dicembre: inizio training camp per 3 settimane
  • 3/4 gare di preseason
  • 72 gare di regular season
  • 14 gare back-to-back per squadra
  • 25% riduzione dei viaggi
  • All-Star Break per 6 giorni a inizio marzo
  • Regular season finisce attorno al 16 maggio
  • Play-in tournament per le squadre dalla 7 alla 10 nella Eastern e Western Conference
  • Playoffs iniziano attorno al 22 maggio
  • Finals finiscono attorno al 22 luglio

Top 10: da Davis a Gallinari, i free agent più importanti

NBA
Carmelo Anthony ai Los Angeles Lakers: caccia all'anello con LeBron
03/08/2021 A 19:44
NBA
A Caserta un murales di LeBron James contro il razzismo
06/07/2021 A 15:45