James Harden ai Brooklyn Nets: telenovela finita! Un tranquillo mercoledì sera italiano si accende sul maxi-scambio in NBA che porta il Barba nella Grande Mela, ai Nets, nella squadra di Kevin Durant e Kyrie Irving. Dopo le dichiarazioni della scorsa notte - "Non siamo abbastanza forti" -, le trattative tra gli Houston Rockets e le pretendenti si erano intensificate, Harden era stato di fatto messo fuori squadra e si attendeva solo il momento dello scambio, arrivato appunto in questa serata. In attesa di ulteriori sviluppi, lo scambio sarebbe così composto, secondo la ricostruzione di Shams Charania di The Athletic:
  • Ai Brooklyn Nets: James Harden;
  • Agli Houston Rockets: Victor Oladipo, Dante Exum, Rodions Kurucs, tre prime scelte al Draft dei Nets (2022, 2024, 2026 non protette), una prima scelta dei Bucks (2022 non protetta), quattro "pick swaps" coi Nets (2021, 2023, 2025, 2027);
  • Agli Indiana Pacers: Caris LeVert, una seconda scelta al Draft;
  • Ai Cleveland Cavs: Jarrett Allen, Taurean Prince.
NBA
Super Durant non basta, i Bucks fanno la storia e sono in finale
20/06/2021 A 06:47
In corsa c'erano anche i Philadelphia 76ers ma evidentemente Daryl Morey, fra l'altro ex general manager di Houston, ha giudicato eccessiva la richiesta dei Rockets di avere in cambio Ben Simmons e i giovani talenti Maxey e Thybulle per Harden. Alla fine il Barba è andato dove voleva andare ovvero a Brooklyn dall'amico Kevin Durant e dove ritroverà Mike D'Antoni, suo coach nelle ultime stagioni in Texas. Ai Nets resta il dilemma Kyrie Irving, lontano dalla squadra da giorni per "motivi personali", ma l'arrivo di Harden aggiunge ulteriore talento e potenziale ad una squadra che già dava la sensazione di poter arrivare ai vertici dell'Est.
Di contro va detto che i Nets perdono i due talenti giovani migliori che hanno, la guardia LeVert e il centro Allen, senza contare l'assenza di Spencer Dinwiddie per infortunio, e un'ala di rotazione e difesa come Prince. Inoltre il general manager Sean Marks investe tantissimo futuro mettendo sul piatto quattro prime scelte al Draft e il diritto di invertire quattro prime scelte coi Rockets (pick swaps) nei prossimi 6 anni, dal 2021 al 2027, pur di provare a vincere o questo o il prossimo anno (la durata dei contratti di Irving e Durant).

Le altre coinvolte: Houston, Indiana e Cleveland

Viceversa gli Houston Rockets si liberano di un giocatore che voleva andare via e che aveva rotto con tutti nello spogliatoio, sia i vecchi, sia i nuovi compagni - "La mancanza di rispetto è iniziata nel modo in cui si è presentato al training camp...", ha detto DeMarcus Cousins -, accumula scelte future al Draft, riprendo di fatto una parte di quelle svendute negli ultimi anni per arrivare a Chris Paul e Russell Westbrook, prende una guardia come Victor Oladipo, un All Star non al 100% fisico e col contratto in scadenza, e due giovani come l'australiano Exum e il lettone Kurucs che sono un po' spariti dai radar ma che pure loro saranno liberi nell'estate 2021. Per i Rockets sono le mosse migliori per provare a ripartire da zero.
Buone mosse anche per Indiana e Cleveland: i Pacers perdono una stella come Oladipo che però non dà garanzie nè fisiche, nè contrattuali, e prendono un giovane in rampa di lancio come Caris LeVert nel ruolo di guardia; i Cavs aggiungono difesa e freschezza con Prince e Jarrett Allen in una squadra con tanto talento offensivo sulle guardie essendoci Sexton e Garland.

Harden molla i Rockets: "Non siamo abbastanza forti"

NBA
NBA Finals 2020-21: il programma completo
22/05/2021 A 09:10
NBA
Il dramma di Shawn Bradley: l'ex Dallas resta paralizzato
17/03/2021 A 21:39