Due le partite giocate nella notte NBA per le semifinali di Conference, equamente divise tra Est ed Ovest (una per parte). Ad Ovest, i Los Angeles Clippers battono in trasferta gli Utah Jazz 119-101. I californiani si portano così in vantaggio 3-2, con un match-ball a disposizione nella prossima gara 6 (in programma sabato 19 giugno alle 4:00 ora italiana). Ad Est, invece, gli Atlanta Hawks battono con una super rimonta i Philadelphia 76ers 109-106. Così come i Clippers, anche il sodalizio della Georgia può provare a chiudere la serie contro i Philadelphia nella prossimo match (in programma sabato 19 giugno all’1:30 ora italiana).

LeBron James: "Diventerò proprietario di una franchigia NBA"

La partita della Eastern Conference sembra mettersi subito sui binari giusti per i 76ers: primi due quarti di dominio per gli uomini di coach Doc Rivers. Embiid e soci, infatti, si portano già sul +10 nel primo quarto (3’21” dalla prima sirena), aumentando addirittura a +24 come massimo vantaggio nel secondo quarto. All’intervallo lungo il tabellino recita: Atlanta 40 – Philadelphia 62. Protagonisti assoluti dei primi due parziali di gioco: Joel Embiid (37 punti e 13 rimbalzi per il centro dei 76ers al termine del match) e Seth Curry (36 punti e 7/12 dalla lunga distanza). Sembra che la partita sia in ghiaccio per i 76ers dopo il primo tempo, ma gli Hawks non sono d’accordo e, col coltello tra i denti, si buttano a capofitto in una rimonta clamorosa, culminata nell’ultimo quarto con un parziale di 40-19. I condottieri che guidano agli Hawks nella risalita: la stella Trae Young (39 punti) e il nostro Danilo Gallinari(16 punti e 8 rimbalzi). Tra le fila di Atlanta, segna una doppia doppia John Collins (19 punti e 11 rimbalzi), mentre Lou Williams aggiunge 15 punti. Per i 76ers, invece, nessun giocatore a parte ai sopra citati Embiid e Curry chiude in doppia cifra (‘solo’ 8 punti per l’altra stella, Ben Simmons).
NBA
Westbrook ai Lakers: Los Angeles ha il suo Big Three
30/07/2021 A 09:54
I Clippers, orfani di Kawhi Leonard (infortunio al legamento del ginocchio destro dopo gara 4, si attendono aggiornamenti e si spera di recuperarlo per il proseguo della serie), provano ad espugnare la Vivint Arena di Salt Lake City, casa degli Utah Jazz. Nei primi due quarti sembra regnare l’equilibrio, con entrambe le squadre che cercano lo strappo decisivo, senza però riuscire a distanziare gli avversari nel punteggio (alla seconda sirena, infatti, i padroni di casa sono in vantaggio 65-60). Alla ripresa del match, i Clippers escono meglio dagli spogliatoi, con un terzo quarto da 32-18 che sembra dare la scossa decisiva alla partita (+9 a 5’22” dalla terza sirena). Utah si aggrappa alle giocate di Donovan Mitchell (21 punti) dei Bojan Bogdanovic (32 punti per il serbo) per provare a ricucire il solco scavato dai Clippers nel punteggio, rifacendosi sotto nelle fasi finali dell’ultimo quarto (-5 a meno di 2′ dalla sirena finale), ma non basta per strappare ai Clippers il successo. Tutto il quintetto dei Jazz chiude la partita in doppia cifra: oltre ai già citati Mitchell e Bogdanovic, Rudy Gobert segna una doppia doppia (17 punti e 10 rimbalzi); 12 punti a testa per O’Neale e Ingles, mentre dalla panchina Clarkson segna 15 punti. Sul fronte Clippers, invece, 37 punti per uno stellare Paul George (conditi da 16 rimbalzi per un’altra doppia doppia della stagione) e 25 per Marcus Morris Sr.Reggie Jackson segna 22 punti, mentre Terance Mann chiude con 13 punti a referto.

Punti, assist e triple doppie: i numeri più pazzi della stagione NBA

NBA
Draft NBA, Cade Cunningham a Detroit come prima scelta
30/07/2021 A 08:41
NBA
NBA Draft 2021, Cunningham favorito per la prima scelta
29/07/2021 A 23:27