Quattro le partite giocate in questa notte NBA, ricca di argomenti se non altro per la presenza delle due franchigie di Los Angeles, degli Houston Rockets ormai privi da tempo del partito James Harden e di una versione perlomeno rivedibile dei Golden State Warriors.
Sono proprio i Lakers a far registrare il rovescio più pesante della giornata. Privi di Anthony Davis, i gialloviola devono cedere al cospetto dei Detroit Pistons alla Little Caesars Arena per 107-92, cedendo nella seconda metà dell’ultimo quarto di fronte ai 23 punti di Blake Griffin, ai 20 di Wayne Ellington e ai 17 con 10 rimbalzi di Mason Plumlee. Sul fronte ospite 22 di LeBron James e Kyle Kuzma, che vanno in doppia doppia per differenti vie (10 assist l’uno, 10 rimbalzi l’altro) e 13 di Talen Horton-Tucker.
NBA
Golden State ferma Phoenix, il derby di Los Angeles è dei Clippers
IERI A 07:50
La rimonta, sebbene anticipata nell’arco del match, è degli Houston Rockets, che neutralizzano un brutto primo quarto con un ottimo secondo e poi piegano in volata i Portland Trail Blazers per 104-101, grazie alla freddezza dalla lunetta tanto di Victor Oladipo (25 punti) quanto di Christian Wood (22 e 12 rimbalzi); bene anche John Wall con 20 punti. In casa Blazers non bastano i 30 di Damian Lillard, i 23 di Gary Trent e la doppia doppia da 13 e 13 rimbalzi di Enes Kanter.
Escono vittoriosi dal campo dei Miami Heat, invece, i Los Angeles Clippers: un 105-109 che spegne le aspettative dei primi tifosi ammessi all’American Airlines Arena dall’inizio della stagione (in numero, ovviamente, contingentato). Il parziale importante è quello di 20-2 per gli ospiti nel terzo quarto, che viene poi conservato con buona capacità nel finale. In assenza sia di Paul George che di Kawhi Leonard, il protagonista dei Clippers è Nicolas Batum con 18 punti, seguito da Lou Williams con 17 e da Marcus Morris e Reggie Jackson con 16 a testa. Per gli Heat 19 punti e 10 rimbalzi per Tyler Herro, in doppia doppia assieme a Bam Adebayo (16 e 13); 18, invece, i punti di Gabe Vincent in uscita dalla panchina.
Travolti, invece, i Golden State Warriors: sono i Phoenix Suns a passare facilmente per 114-93, per merito di un’ottima prova di squadra che vede Mikal Bridges piazzare 20 punti, seguito dai 16 di Jae Crowder e di Abdel Nader. In casa Warriors, invece, non bastano i 27 di Steph Curry e i 16 di Andrew Wiggins. Cinque minuti e poco più di campo per Nico Mannion, con 4 rimbalzi e 2 assist sul suo tabellino.

I RISULTATI DELLA NOTTE NBA

Houston Rockets-Portland Trail Blazers 104-101
Detroit Pistons-Los Angeles Lakers 107-92
Miami Heat-Los Angeles Clippers 105-109
Phoenix Suns-Golden State Warriors 114-93

Nash ricorda Kobe Bryant: “Un padre incredibile”

NBA
Phoenix da record fa 18 di fila, Chicago vince a New York
03/12/2021 A 07:09
NBA
Suns devastanti: 16 vittorie di fila. Miami espugna Chicago
28/11/2021 A 07:38