Come pochissime altre volte nella storia, almeno da quando le franchigie NBA sono diventate 30, tutte quante sono scese in campo nella notte. 72a e ultima partita di regular season per tutte, ma non è una di quelle normali: si decidono infatti diversi posti tra playoff e play-in. Andiamo a vedere cos’è accaduto.

Washington batte gli Hornets e blinda l'8° posto: ora il play-in contro i Celtics

I New York Knicks (41-31) superano bene i Boston Celtics (36-36) per 96-92, chiudono la regular season in bellezza e si godono un RJ Barrett da 22 punti, sorretto da Julius Randle con 20 e Alec Burks con 17. Dall’altra parte non bastano i 18 dalla panchina di Jabari Parker. Ma la vera gara decisiva è quella dei Washington Wizards (34-38), che battono gli Charlotte Hornets (33-39) 115-110 e si assicurano l’ottavo posto a Est e la sfida proprio con i Celtics nel play-in. Il tutto con l’ennesima tripla doppia di Russell Westbrook, che scrive 23-15-10, e con i 25 punti di Bradley Beal. Sul fronte avversario 22 i punti di Terry Rozier, leader di una squadra che manda sette uomini in doppia cifra.
NBA
Jordan con Vanessa Bryant: "Kobe, sei nella Hall of Fame"
16/05/2021 A 01:28
Sono noni gli Indiana Pacers (34-38), vittoriosi sul parquet dei Toronto Raptors (27-45) per 113-125 con ben tre doppie doppie: Domantas Sabonis (25 e 16), Oshae Brissett (31 e 10) e TJ McConnell (12 e 17 assist) gli autori. Per i Raptors 27 di Malachi Flynn.

Curry show, trascina i Warriors all'ottavo posto: ora il play-in coi Lakers

I Golden State Warriors (39-33) blindano l’ottava posizione a Ovest, e il diritto di giocare il play-in con i Los Angeles Lakers per andare direttamente ai playoff, battendo per 113-101 i Memphis Grizzlies (38-34) nello scontro diretto che serviva appunto a sbloccare questa parità. Steph Curry, quando il gioco si fa duro, risponde presente: 46 punti (33 nel solo secondo tempo) con 9/22 da tre, 7 rimbalzi e 9 assist per una partita delle sue e l’aiuto di Andrew Wiggins (21 e 10 rimbalzi). Inutili per i Grizzlies i 29 e 16 di Jonas Valanciunas e l’intero quintetto in doppia cifra.
Per i Phoenix Suns (51-21), invece, successo per 121-123 sui San Antonio Spurs (33-39) che li fa entrare nei playoff con le solite sicurezze e i 22 dalla panchina di E’Twaun Moore, protagonista attivo di una notte da otto uomini in doppia cifra e che, soprattutto, gli regala la tripla della vittoria a 2″2 dal termine. Non bastano a San Antonio i 23 di DeMar DeRozan.

Gli altri risultati ad est

I Philadelphia 76ers (49-23) chiudono al primo posto a Est battendo per 128-117 gli Orlando Magic (21-51) e trovando il protagonista forse più inaspettato, Tyrese Maxey, che in una sera senza sia Embiid che Simmons scrive quota 30 sul proprio tabellino, lui che viaggia a 8 punti di media. Non bastano dall’altra parte i 37 di un debordante Cole Anthony. Inutile, dunque, il successo dei Brooklyn Nets (48-24) per 123-109 sui Cleveland Cavaliers (22-50): i 23 punti e 13 assist di Kevin Durant, i 17 di Kyrie Irving e i sette uomini in doppia cifra bastano a tenersi, ad ogni modo, la seconda posizione; sul fronte opposto 18 di Dean Wade (che non c’entra niente con il suo illustre omonimo) e di Isaac Okoro.

Kevin Durant e Blake Griffin, Brooklyn Nets

Credit Foto Getty Images

Ordinaria amministrazione per gli Atlanta Hawks (41-31), che regolano i derelitti Houston Rockets (17-55) per 124-95 potendo tenere a riposo i primi violini e sfruttando, in questo modo, gli otto uomini in doppia cifra che cominciano con la doppia doppia di Onyeka Okongwu da 21 punti e 15 rimbalzi). Per gli ospiti 18 di Armoni Brooks e DJ Augustin. Dopo gli Hawks quinti a Est, ci sono i Miami Heat (40-32) sesti, oltre che vittoriosi sui Detroit Pistons (20-52) per 107-120 con 23 punti e 10 rimbalzi di Precious Achiuwa e 20 di Max Strus, cui si oppongono vanamente i 22 di Saddiq Bey.

Gli altri verdetti ad Ovest

Travolgenti gli Utah Jazz (52-20), che non fanno sconti ai Sacramento Kings (31-41), li battono per 99-121 e guardano tutti dall’alto in basso a Ovest. Spaventosa la prestazione di Jordan Clarkson, da 33 punti in uscita dalla panchina, a sorreggere un collettivo da sette uomini in doppia cifra, Bojan Bogdanovic a 18 punti e Rudy Gobert a 13 e 16 rimbalzi, mentre dall’altra parte ce ne sono 20 di Terence Davis. Altro verdetto importante: i Portland Trail Blazers (42-30), battendo i Denver Nuggets (47-25) per 132-116, si guadagnano il diritto di evitare il play-in, spedendovi i Lakers. 24 i punti di CJ McCollum, con le doppie doppie (differenti) di Damian Lillard, Jusuf Nurkic ed Enes Kanter a impreziosire la notte e neutralizzare i 23 di Markus Howard, i 21 di Nikola Jokic e i 12 di Paul Millsap.

Damian Lillard

Credit Foto Getty Images

Non approfittano della situazione i Los Angeles Clippers (47-25), fermati in trasferta dagli Oklahoma City Thunder (22-49) per 117-112. Con i big a riposo, non basta un enorme apporto della panchina (con Terance Mann a 19) per fermare le fiammate del trio Aleksey Pokusevski (29)- Josh Hall (25 e 10 rimbalzi)-Moses Brown (24 e 18 rimbalzi). Vittoria inutile, come si è accennato, per i Los Angeles Lakers (42-30) sui New Orleans Pelicans (31-41): il 98-110 non evita quella che, per LeBron James, è una scocciatura non da poco pubblicamente ammessa, sebbene in altri termini. Il 23 si prende comunque i suoi 25 punti, trascinando l’intero quintetto in doppia cifra contro i 19 e 13 rimbalzi di Willy Hernangomez.
I Dallas Mavericks (42-30), piuttosto tranquilli nelle loro certezze, lasciano strada ai Minnesota Timberwolves (23-49) per 136-121, facendo ruotare un po’ tutti. Per i vincitori della notte 30 punti di Anthony Edwards e 23 di D’Angelo Russell (con 10 assist) e di Karl-Anthony Towns. In quota Mavs sono 18 i punti a testa di Luka Doncic e Kristaps Porzingis, mentre Nicolò Melli ne realizza 10 in 15 minuti. Infine, i Chicago Bulls (31-41) regolano per 118-112 i Milwaukee Bucks (46-26), grazie ai 20 di Thaddeus Young e ai 19 di Coby White approfittando di una sera senza big (e Giannis Antetokounmpo) per gli avversari, che scoprono Jordan Nwora come autore di 34 punti e 14 rimbalzi.

I RISULTATI DELLA NOTTE NBA

New York Knicks-Boston Celtics 96-92
Washington Wizards-Charlotte Hornets 115-110
Toronto Raptors-Indiana Pacers 113-125
San Antonio Spurs-Phoenix Suns 121-123
Golden State Warriors-Memphis Grizzlies 113-101
Philadelphia 76ers-Orlando Magic 128-117
Brooklyn Nets-Cleveland Cavaliers 123-109
Atlanta Hawks-Houston Rockets 124-95
Detroit Pistons-Miami Heat 107-120
Sacramento Kings-Utah Jazz 99-121
Portland Trail Blazers-Denver Nuggets 132-116
Oklahoma City Thunder-Los Angeles Clippers 117-112
New Orleans Pelicans-Los Angeles Lakers 98-110
Minnesota Timberwolves-Dallas Mavericks 136-121
Chicago Bulls-Milwaukee Bucks 118-112

Stephen Curry sfiderà LeBron James in un meraviglioso spareggio playoff

Credit Foto Getty Images

LA GRIGLIA PLAYOFF

PLAY-IN
WESTERN CONFERENCE
Grizzlies-Spurs
Lakers-Warriors
EASTERN CONFERENCE
Pacers-Hornets
Celtics-Wizards
PLAYOFF
WESTERN CONFERENCE
Jazz-8a testa di serie
Clippers-Mavericks
Nuggets-Portland
Suns-7a testa di serie
EASTERN CONFERENCE
76ers-8a testa di serie
Knicks-Hawks
Bucks-Heat
Nets-7a testa di serie
NBA
La storia da film di Giannis: da Sepolia al titolo NBA
21/07/2021 A 10:17
NBA
MVP e campione, Giannis vince le sfide di Kobe Bryant
21/07/2021 A 08:48