I Los Angeles Clippers, questa notte, hanno trionfato in gara 5 delle finali della Western Conference. I californiani, che avevano perso tre delle prime quattro partite che li vedevano contrapposti ai Phoenix Suns, si sono imposti con un largo 116-102. Questo trionfo, peraltro ottenuto in casa degli avversari, permette ai Clippers di tenere viva la serie, la quale, altrimenti, con un successo dei Suns, sarebbe finita.
Il migliore in campo, questa notte, è stato un immarcabile Paul George. La stella dei Los Angeles Clippers, infatti, ha realizzato una delle migliori prestazioni della sua vita. PG13, che prima di quest’anno aveva la reputazione di giocatore che tendeva a sciogliersi quando la palla scottava, ha segnato 41 punti in quarantuno minuti, realizzando 15 dei 20 tiri tentati, ha catturato la bellezza di 13 rimbalzi e ha smazzato sei assist.
NBA
24 anni fa "The Last Shot", l'ultimo tiro di Jordan coi Bulls
14/06/2022 ALLE 12:04
Sin dal primo quarto, i Clippers hanno guidato la sfida. I Suns sembravano poter prendere in mano le redini del match dopo aver diminuito il loro svantaggio fino a due soli punti a inizio terzo periodo. Quando Los Angeles conduceva 64-62, però, è salito in cattedra Paul George e i californiani sono riusciti a scappare nuovamente. I Clippers hanno concluso il penultimo quarto sopra di 13, sul 91-78.
Nell’ultimo periodo, Los Angeles ha gestito senza problemi il margine costruito in precedenza e ha conquistato il successo. Oltre alla già citata prestazione di Paul George, meritano una menzione anche i 22 punti di Marcus Morris e i 23 di Reggie Jackson. Phoenix, che ha avuto 31 punti da Devin Booker e 22 da Chris Paul, ora è costretta a vincere a Los Angeles se vuole evitare di giocarsi il tutto per tutto in gara 7.

Gabriele Procida in esclusiva a Eurosport fra Nazionale, il Draft NBA e Cantù

NBA
Finals: un super Curry trascina i Warriors sull'1-1, Celtics ko
06/06/2022 ALLE 06:19
NBA
Boston domina gara-2 e pareggia la serie contro Miami: 1-1
20/05/2022 ALLE 06:48