È ufficialmente iniziata la regular season NBA 2021-22, una lunga cavalcata di 82 partite che porterà ai playoff e alle Finals, l'atto conclusivo con la consegna del Larry O'Brien Trophy. È una stagione particolare, speciale, visto che segna il 75esimo anniversario della nascita della lega professionistica americana oggi guidata dal commisioner Adam Silver. Uno spettacolo unico che ogni notte regala record, highlights, giocate spettacolari, statistiche, rumors e curiosità, dentro e fuori il parquet. Ecco quindi qui riassunti i 5 momenti più stuzzicanti e particolari della notte nel basket americano.

Tutte le news sul basket NBA | NBA 2021-2022 calendario & risultati | La preview dell'Est | La preview dell'Ovest

Il Re è sempre il Re

Tornato in campo dopo la gara di squalifica per la zuffa con Stewart a Detroit, LeBron James sfodera una prova fenomenale per far vincere i Lakers in overtime a Indianapolis (6-3 con lui, 4-7 senza). Il Re chiude con 39 punti e 6 assist (395esima gara da 30+5, record NBA): mette due bombe pesantissime e 8 dei 12 punti dei gialloviola nel supplementare.
NBA
Suns e Golden State inarrestabili, bene Gallinari (10 punti)
25/11/2021 A 07:23

Durant supera l'idolo Iverson

Prosegue la risalita di Kevin Durant nella classifica marcatori All-Time NBA. La stella dei Brooklyn Nets, coi 21 punti segnati a Boston, ha superato Allen Iverson (24.368) al 25esimo posto di tutti i tempi, e ora ha nel mirino Ray Allen (24.505). "Iverson, era nel Pantheon per me. Uno di quei ragazzi che emulavo ogni volta che uscivo a giocare", ha detto KD che della zona di Washington, dove "The Answer" ha giocato al college a Georgetown.

La schiacciatona (non valida) di Anthony Edwards

I Minnesota Timberwolves sbancano Miami grazie ad un super Anthony Edwards, autore di una prova da 33 punti, 14 rimbalzi e 6 assist, numeri che, a 20 anni e 111 giorni, lo rendono il più giovane Timberwolves con una gara da 30+10+5. Peccato che la sua giocata più bella - una schiacciatona sorvolando Gabe Vincent -, sia invalidata per fallo in attacco.

Lamelo... Bene ma non benissimo

Non una bella figura per LaMelo Ball che, tutto solo in contropiede, vuole esagerare con lo spettacolo e sbaglia la schiacciata tentando un "auto alley-oop". Coach Borrego, infuriato per i due punti sprecati, lo ha immediatamente sostituito, con lo stesso Ball che ha ammesso il suo errore. Gli Hornets hanno comunque vinto alla fine.

Poole e Barnes da lontanissimo allo scadere

Non c'è molto da dire: Jordan Poole dei Warriors e Scottie Barnes dei Raptors centrano il bersaglio sulla sirena e da distanza siderale.
I RISULTATI DELLA NOTTE-IL RECAP
NBA
Le 5 curiosità della notte che vi siete persi
4 ORE FA
NBA
LeBron James già in campo: era un "falso positivo"
IERI A 08:47