Dopo un primo turno senza sussulti, sono arrivate delle sorprese importanti nel secondo turno dei Playoff NBA 2021-22. A far rumore è l'uscita di scena dei Phoenix Suns, la miglior squadra della regular season, implosi letteralmente contro i Dallas Mavericks di Luka Doncic che avanzano per 4-3 dopo essere stati sotto 3-2. Ad Ovest i Mavs se la vedranno coi Golden State Warriors che hanno avuto vita relativamente facile contro i Memphis Grizzlis, superati per 4-2 e senza Ja Morant da gara 4. Ad Est inevitabilmente spicca l'eliminazione dei Milwaukee Bucks campioni in carica: nonostante un Giannis Antetokunmpo dominante, l'assenza di Khris Middleton ha pesato e i Boston Celtics hanno prevalso con merito per 4-3, rischiando nel momento in cui sono stati sotto 3-2. Per Boston ci sarà lo scontro coi Miami Heat che hanno piegato senza particolari patemi per 4-2 i Philaldelphia 76ers, con un Embiid frenato dai problemi fisici e un James Harden semi-irriconoscibile.
https://i.eurosport.com/2022/05/16/3373748.jpg

EASTERN CONFERENCE

NBA
Fusione Doncic-Nowitzki e le altre storie della notte Playoff
16/05/2022 ALLE 09:03

Finale

(1) Miami Heat - (2) Boston Celtics
Una classica dei playoff ad Est, senza dubbio. Heat e Celtics sono le migliori della regular season nella Eastern Conference, Miami è all'ottava finale ad Est nelle ultime 18 stagioni mentre per Boston è la settima nelle ultime 15. Si sono scontrate sia nel 2012, sia nel 2020, nella bolla di Disney World, e hanno sempre vinto i ragazzi di Erik Spoelstra (nel 2012 arrivò il titolo contro OKC). In questa serie si trovano di fronte due delle migliori difese per rating della stagione (Celtics primi, Heat quarti, ndr) ma anche per capacità di cambiare su ogni blocco e di schierare anche zone e miste, mentre gli attacchi sono appena sopra la media (Boston nona, Miami 12esima, ndr).
Impossibile indicare una chiara favorita, di certo i Celtics hanno superato due scogli più difficili rispetto a quelli affrontati da Miami (Nets e Bucks contro Hawks e 76ers), hanno dimostrato di dipendere forse un po' troppo dalle percentuali da tre ma hanno in Jayson Tatum un'assoluta superstar in grado di risolvere qualsiasi gara, senza scordare il supporting cast con Brown, Smart, Horford e un sorprendente Grant Williams. E poi Boston ha già fatto vedere di poter vincere comodamente in trasferta e sembra avere meno punti deboli a livello difensivo. Gli Heat invece hanno qualche dubbio rispetto alle condizioni di Kyle Lowry e, pur avendo avuto fin qui un Jimmy Butler stellare (quasi 29 punti, 8 rimbalzi e 5 assist di media, ndr), hanno bisogno che Bam Adebayo e soprattutto Tyler Herro alzino un po' l'asticella per pensare davvero di battere lo squadrone di Ime Udoka, al primo anno da head coach ma in grado di poter reggere il confronto con quello che è il migliore di tutti, ovvero Erik Spoelstra.
Pronostico: 4-3 Celtics

Il segreto di Jimmy Butler: "Caffè e Backstreet Boys"

WESTERN CONFERENCE

Finale

(3) Golden State Warriors - (4) Dallas Mavericks
Pur essendo a prima vista una battaglia tra grandi attacchi, in realtà la regular season ha detto che Warriors e Mavericks sono state la seconda e la settimana difesa per rating della regular season (viceversa, 16esimo e 14esimo attacco). Per esperienza, pedigree e i titoli recenti, Golden State parte favorita, decisa a rilanciare una dinastia che sembrava terminata dopo la sconfitta coi Raptors nelle Finals 2019. Invece Stephen Curry, Draymond Green, Klay Thompson e coach Steve Kerr sono ancora qui, con l'aggiunta di talento giovane e fresco visti i Poole, i Kuminga e gli Wiggins della situazione. Proprio quest'ultimo, il canadese, sarà chiamato ad un grande lavoro in difesa su Doncic, alternandosi anche con Porter Jr., Klay e probabilmente Draymond, per una staffetta che proverà ad arginare il fenomenale sloveno.
Proprio Dallas, rigenerata dalla cura Jason Kidd e cambiata in meglio con gli arrivi di Dinwiddie e Bertans al posto di Porzingis, ha letteralmente dominato contro dei depressi Utah Jazz, ma poi ha compiuto un capolavoro contro i lanciatissimi Suns, "sbranandoli" completamente in gara 6 e gara 7 in Arizona. I Mavericks tornano alla finale dell'Ovest per la prima volta dal 2011, quando vinsero il titolo con Dirk Nowitzki MVP e con Jason Kidd al timone del gioco, lo stesso Kidd che ora è in panchina. Per battere questi Warriors servirà essere perfetti e tenere percentuali alte in attacco (coi vari Brunson, Finney-Smith, Kleber e Bullock), per punire i raddoppi e le "trappole" contro Doncic. A questo punto i Mavs hanno dimostrato di poterci provare davvero, e non ci sono dubbi che metteranno in seria difficoltà i Dubs che però, rispetto ai Suns, sono una squadra meno prevedibile e con più armi al proprio arsenale, non soltanto Stephen Curry. Infine, sarà uno scontro tra due filosofie quasi opposte: da una parte il gioco in velocità e il continuo movimento di uomini e palla dei Warriors, dall'altra il ritmo controllato dei Mavs gestito da Doncic che spesso e volentieri gestisce da solo il singolo possesso.
Pronostico: 4-3 Warriors

Klay Thompson: "Notte indimenticabile, ne è valsa la pena"

NBA
Jokic riceve il premio di MVP nella stalla coi cavalli: il video
12/05/2022 ALLE 09:57
NBA
Playoff, Play-In, Lotteria: i verdetti della stagione 2021-22
11/04/2022 ALLE 13:54