Fulmine a ciel sereno sulla NBA: 18 ex giocatori sono stati arrestati con l'accusa di aver derubato il fondo pensioni della Lega di una cifra attorno ai 4 milioni di dollari con una truffa legata ai rimborsi per prestazioni mediche tra il 2017 e il 2020. Questo è quanto emerge da un'indagine federale pubblicata nel pomeriggio a Manhattan. Ci sono nomi di rilievo in questa lista, tra cui Glen Davis e Tony Allen, campioni NBA nel 2008 coi Boston Celtics di Pierce, Allen e Garnett, Shannon Brown, due volte campione coi Lakers nel 2009 e 2010 assieme a Kobe Bryant e Pau Gasol, Jamario Moon, ex compagno di Andrea Bargnani ai Toronto Raptors, Darius Miles e Ruben Patterson, coi Portland Trail Blazers fra le altre a inizio anni 2000, più Alan Anderson e Chris Douglas-Roberts, visti anche in Italia alla Virtus Bologna.
Tutto sarebbe nato da un'idea di Terrence Williams, 11esima scelta assoluta al Draft 2009 ma protagonista di una carriera anonima chiusa nel 2013: avrebbe contattato gli altri giocatori proponendo loro di richiedere rimborsi per false prestazioni mediche, offrendo in cambio assistenza e modulistica e richiedendo 230mila dollari di "tangenti" per gestire l'operazione. Gli ex colleghi avrebbero accettato, domandando a partire dal 2017 rimborsi per sé e i propri familiari per prestazioni in realtà mai ricevute per una cifra complessiva che sfiora i 4 milioni di dollari, ottenendone in cambio almeno 2,5 milioni fino allo scorso anno, quando sono partite le indagini federali.
NBA
I 30 general manager: Nets campioni, Durant-Doncic per l'MVP
05/10/2021 A 15:57

Westbrook: "Gasol era il mio giocatore preferito mentre crescevo"

NBA
Anche Embiid scarica Simmons: quale futuro per Ben e per i 76ers?
01/10/2021 A 09:44
NBA
Simmons via dall'allenamento, Embiid: "Non siamo babysitter"
3 ORE FA