Golden State si avvicina al titolo NBA. Gli Warriors vincono gara-5 delle Finals per 104-94, infliggendo la seconda sconfitta consecutiva ai Boston Celtics e portandosi 3-2 nella serie. Finisce 104-94 per la squadra di Steve Kerr, che fa suo il match grazie ad un ottimo ultimo quarto, dopo che avevano subito la rimonta ed il sorpasso da parte di una Boston che è mancata nel momento decisivo.
Nella peggior serata della carriera di Steph Curry, Golden State riesce comunque a vincere la partita. La stella degli Warriors mette a referto 16 punti, ma chiude con 0/9 dall’arco, interrompendo una striscia di 132 partite consecutive con almeno una tripla in un match dei playoff. Ci pensano Andrew Wiggins e Klay Thompson a trascinare Golden State: il primo chiude con una doppia doppia da 26 punti e 13 rimbalzi, mentre il secondo segna 21 punti ed è decisivo nel finale di match.
NBA
Jokic rinnova coi Nuggets per 270 milioni. Le firme dei free agent
3 ORE FA
Boston ora è con le spalle al muro ed obbligata a vincere in casa la prossima per ritornare a San Francisco e giocarsi il titolo all’ultima decisiva sfida. Jayson Tatum gioca un’altra eccellente partita, chiudendo con 26 punti e 10 rimbalzi. Non bastano ai Celtics i 20 punti di Marcus Smart e i 18 di Jaylen Brown.
Ottima partenza di Golden State in gara-5, mentre l’avvio di Boston è disastroso. I Celtics sbagliano le prime dodici triple consecutive (record negativo nella storia della Finals), con i padroni di casa che scappano via alla prima sirena sul +11 (27-16). Wiggins firma 16 punti nel solo primo tempo, con i Warriors che hanno il pieno controllo della partita e gestiscono il vantaggio all’intervallo (51-39).
Boston si sveglia nel terzo quarto e si scatena dall’arco. Otto triple consecutive (anche questo record in una serie finale) lanciano i Celtics, che rimontano Golden State e trovano anche il sorpasso. Tatum è scatenato, ma gli Warriors resistono e reagiscono sul finale di tempo e restano avanti di un solo punto prima degli ultimi dieci minuti (75-74) con la tripla allo scadere di un decisivo Gary Payton II (15 punti dalla panchina con 6/8 da tre). Nell’ultimo quarto gli Warriors alzano nuova l’intensità difensiva e riescono a costruire l’allungo decisivo. La squadra di Steve Kerr arriva sulla doppia cifra di vantaggio e Boston non ha più la forza di reagire. Finisce 104-94 e Golden State vede il titolo molto più vicino.

Il tabellino

GOLDEN STATE WARRIORS – BOSTON CELTICS 104-94 (27-16, 24-23, 24-35, 29-20)
Golden State: Wiggins 26, Thompson 21, Currry 16, Green 8, Porter 2, Looney 2, Poole 14, Payton II 15, Bjelica, Iguodala, Kuminga, Lee, Moody, Toscano-Anderson
Boston: Tatum 27, Brown 18, Smart 20, Horford 9, Williams III 10, White 1, Williams 3, Pritchard, Nesmith, Hauser, Kornet, Staukas, Morgan

Curry: "Ora lo posso dire: sono il miglior tiratore di sempre"

NBA
Gli Hawks scambiano Gallinari con gli Spurs: ma resterà a San Antonio?
IERI A 21:35
NBA
Golden State non molla Nico Mannion, proposta una qualifying offer
IERI A 13:48