Dopo quasi un mese di assenza e quattro partite saltate, la Openjobmetis torna ad assaggiare il parquet. Con soli sette senior a disposizione e un paio di allenamenti messi nelle gambe dopo il rinnovo delle visite mediche, il risultato è molto più confortante del previsto. Perché è vero che il finale recita un netto -25, ma, in realtà, Varese è stata sempre lì, attaccata alla partita, a un tiro di schioppo fino al 32' (73-69). Un po' con la zona 2-3, un po' con la qualità dei suoi veterani (17 punti a testa per Luis Scola e Michele Ruzzier), un po' con l'impatto fisico straripante dell'ex di giornata, Arturs Strautins (19 punti, 14 rimbalzi), la Openjobmetis fa anche corsa di testa per i primi sette minuti (12-16), resiste alle bordate degli avversari (spiritati con un maestoso 19/36 dall'arco) e, sfruttando anche la naturale rilassatezza di una Trieste in amministrazione controllata in vista del big-match di domenica a Milano, ricuce con costanza, orgoglio e sudore ogni tentativo di allungo in doppia cifra.
Il break atteso, però, cala come una mannaia. È un pesantissimo 19-1 (da 73-69 a 92-70) acceso dai missili di Milton Doyle (28 punti, season-high, 8/13 da tre) e Davide Alviti, immacolato con un perfetto 6/6 dalla distanza per 23 punti in soli 19' dalla panchina, altro career-high. Se il premio di MVP va suddiviso in parti uguali tra i due migliori marcatori di serata, è altrettanto importante anche la prestazione di Matteo Da Ros: 14 punti (career-high soltanto sfiorato per una sola lunghezza) distribuiti in maniera uniforme tra primo e terzo periodo, con la seconda scarica decisiva per soffocare il primo grosso tentativo di rimonta orchestrato da Varese sulle ali dell'indemoniato Strautins (da 55-52 a 65-54 a inizio ripresa). Solida la regia di Juan Manuel Fernandez, 15 con 5 assist dalla panchina, roccioso Devonte Upson nella battaglia con Scola e Morse, dove può far valere muscoli e forza fisica (13 punti), estraneo Mike Henry, 6 punti in 21 minuti segnati da uno strano linguaggio del corpo.
I 108 punti raggiunti con il robusto garbage-time dell'ultimo periodo valgono il season-high per Trieste e la quinta vittoria nelle ultime 6 gare: il record è ora in parità (8-8) con aggancio alla Carpegna Prosciutto Pesaro al sesto posto in classifica. Varese resta sul fondo (3-10) con il quinto ko consecutivo (il decimo nelle ultime 11 gare dopo il doppio successo di inizio stagione) ma il calendario non sarà particolarmente amico: le gare saltate saranno recuperate entro il 14 febbraio, con altri due impegni infrasettimanali e la sfida contro la Fortitudo piazzata nella domenica della finale di Coppa Italia.
Serie A
Piero Bucchi è il nuovo coach dell'Acqua S.Bernardo Cantù
26/01/2021 A 17:54

Allianz Pall. Trieste-Openjobmetis Varese 108-83

  • Varese: Cavaliero 2, Fernandez 5, Henry 6, Da Ros 14, Delia 5; Alviti 23, Coronica, Upson 13, Arnaldo, Laquintana 2, Grazulis, Doyle 28. All.: Dalmasson.
  • Trieste: Ruzzier 17, Virginio 2, Strautins 19, De Vico 12, Scola 17; De Nicolao 8, Librizzi, Morse 5, Ferrero 3, Van Velsen. All.: Bulleri.
* * *

Riguarda Allianz Pall. Trieste-Openjobmetis Varese in VOD (Contenuto Premium)

Premium
Basket

Allianz Pallacanestro Trieste - Openjobmetis Varese

01:31:28

Replica
Serie A
Sassari è seconda, Venezia rimonta Cremona, Pesaro travolge Cantù
24/01/2021 A 18:03
Serie A
Milano passa a Treviso a mezzogiorno: vittoria in volata 82-77
24/01/2021 A 13:00