Una notizia che nessun tifoso biancorosso avrebbe forse voluto leggere. Un addio che va però rispettato in pieno, considerando il ciclo triennale appena conclusosi. Sergio Rodriguez lascia l'AX Armani Exchange Milano dopo averla riportata ai fasti di un tempo, con un carisma e una leadership ineguagliabili, e aver ricordato, non solo per somiglianza del ruolo, uno dei più grandi giocatori nella storia dell'Olimpia: Mike D'Antoni. Con Milano, il "Chacho" ha collezionato 91 presenze tra LBA, Coppa Italia e Supercoppa Italiana (1.018 punti, 482 assist, 39.5% da tre di media), mentre in EuroLega ha messo insieme 99 partite giocate con 1.008 punti, 468 assist e il 35% da oltre l'arco dei 6.75, risultando il recordman biancorosso per assist e triple realizzate.
Oltre ai numeri e ai trofei - Scudetto 2022, Coppe Italia 2021 e 2022, Supercoppa Italiana 2020 - il playmaker spagnolo ha ridato credibilità internazionale all'Olimpia, riportandola stabilmente tra le migliori 8 squadre d'Europa e a lottare per ambire ogni anno alle Final Four di EuroLega, centrate nel 2020-21 a distanza di ben 29 anni dalla precedente apparizione. Il "Chiachismo" ha conquistato completamente la città, rimettendo la pallacanestro tra i primi interessi dei milanesi (ma non solo); ha permesso a vecchi cuori biancorossi di rinnamorarsi totalmente dopo anni di delusioni sportive, oltre a far scatenare la passione per la palla a spicchi in quelli più giovani. Il "Chacho" è stato fondamentale e Milano sarà sempre casa sua, come ribadito dalla società e da patron Giorgio Armani.

Rodriguez: "Gara-2 con l'Efes ci ha dato la fiducia per vincere lo scudetto"

Serie A
Supercoppa 2022: partite, calendario, programma e orari
04/08/2022 A 12:57
"Il Chacho è stato un Capitano esemplare per comportamento, dedizione alla squadra, altruismo. Per tre anni ha contribuito a farci vincere e divertire con stile ed eleganza aggiungendoci quel pizzico di sano agonismo che tanto piace ai nostri tifosi. Oggi ci lascia con lo stesso spirito. Per questo non è un giorno triste ma un giorno in cui celebrare i nostri tre anni insieme. E poi lui e la sua famiglia saranno sempre parte di noi", queste le dichiarazioni di Giorgio Armani per salutare un giocatore che resterà, indelebilmente, nella storia del club milanese. L'addio di Rodriguez, celebrato così dalla società biancorossa, fa peraltro capire quanto il nuovo corso dell'Olimpia sia incentrato soprattutto su valori umani e sociali, prima ancora che tecnico-sportivi. La perdita è inestimabile, non soltanto per quello che il "Chacho" garantiva sul parquet. Il sostituto dovrebbe essere Kevin Pangos, il quale deve però ancora liberarsi dal pesante accordo col CSKA Mosca. L'eredità sarà pesantissima da raccogliere, ma il play canadese ha tutto per riuscirci. Di sicuro, Milano riserverà sempre un posto d'onore per uno dei più grandi giocatori che abbiano mai indossato la maglia dell'Olimpia.

Melli e Rodriguez alzano il trofeo: è festa per Milano

Serie A
Olimpia Milano, ufficiale l'arrivo di Deshaun Thomas
30/07/2022 A 12:43
Serie A
Competenza, ironia e umiltà: Franco Casalini, il ricordo di Eurosport
29/07/2022 A 17:37