Bertram Derthona Tortona – Vanoli Basket Cremona 97-92

Di Daniele Fantini. Il primo obiettivo è centrato. E di quelli super-prestigiosi. La Bertram Tortona stacca il pass per le Final Eight di Coppa Italia da neo-promossa, gettando quelle basi solide per proseguire il grande lavoro di crescita e costruzione progettato per i prossimi anni. Lo fa chiudendo il girone d'andata con un record positivo(8-7) e trasformando il PalaFerraris, ormai, in un fortino: il 97-92 sulla Vanoli Cremona vale il quinto successo interno consecutivo, un filotto preziosissimo dopo i due ko iniziali, quando la squadra, nonostante l'ottimo debutto in Supercoppa, aveva ancora bisogno di tempo per tararsi sul nuovo livello del massimo campionato.

Jamarr Sanders manda Tyler Cain a schiacciare con un assist al bacio

Serie A
La 14a giornata LIVE su Discovery+ e Eurosport 2: calendario e programmazione
14/01/2022 A 10:54
Tortona intasca il biglietto per Pesaro anche senza Mike Daum, azzoppato per una brutta caduta dopo pochi minuti. Lo fa con una grande partita offensiva in una serata complessiva ad altissimo punteggio, e raccogliendo contributi consistenti dall'intero front-court. Stimolato dalla sfida con l'esplosivo Malik Dime, Tyler Cain spadroneggia nel verniciato, scrivendo il suo season-high (21 punti, uno in meno del suo massimo in carriera in Serie A) con 8 rimbalzi. Jalen Cannon, rientrato dallo stop per covid, gli copre le spalle in maniera egregia: 11 punti (career-high) con una serie di giocate di pura energia determinanti all'inizio del quarto periodo. E Luca Severini (8), chiamato a una dose di extra di minuti, ammassa una serie di piccole cose importantissime per il risultato finale, a partire da quelle due triple consecutive con cui costruisce il primo mini-break nel secondo periodo.

Il tornado Malik Dime si abbatte sul ferro di Tortona

La spallata vera arriva all'inizio del terzo quarto. Tortona rientra in campo dagli spogliatoi approcciando meglio la partita e sfoderando un'intensità difensiva mancata nel primo tempo. Il risultato è immediato: parziale di 16-4 in cinque minuti per il 63-52 del 25'. Sembra finita, ma Cremona danza sul baratro mantenendo magicamente l'equilibrio. Spinta dal miglior Peppe Poeta della stagione (10 punti, 6 assist), dalla garra di David Cournooh (20 punti, season-high) e da una serata spaziale di Matteo Spagnolo (21 punti, career-high), protagonista di una lunga serie di giocate offensive straordinarie, la Vanoli rimonta e mette la testa avanti a 4' dalla sirena.

Lezione di passo-e-tiro di Jamarr Sanders nel finale contro Cremona

Il finale è in volata. Tortona se lo prende recuperando compattezza difensiva e affidandosi ai suoi leader sul perimetro. Ariel Filloy spara una tripla di importanza capitale (13 punti, chirurgico con un perfetto 3/3 dall'arco nei momenti topici del match) e Jamarr Sanders, reduce dalla peggior partita della stagione a Milano, si mette in proprio sfoderando il suo immenso talento. Quel passo-e-tiro con fallo subito per il sorpasso a meno di 2 minuti dalla sirena è pura poesia.
  • Tortona: Wright 14, Macura 14, Sanders 14, Daum, Cain 21; Filloy 13, Severini 8, Cannon 11, Tavernelli 2, Mascolo. N.e.: Rota, Mortellaro. All.: Ramondino.
  • Cremona: Spagnolo 21, Pecchia 6, Harris 7, Tinkle 11, Dime 8; Poeta 10, Cournooh 20, Sanogo 4, McNeace 5. N.e.: Agbamu, Vecchiola, Gallo. All.: Galbiati.

Highlights: Tortona-Cremona 97-92

* * *

Openjobmetis Varese – Umana Reyer Venezia 76-68

Di Marco Arcari. Grandissima vittoria, di cuore, orgoglio e attributi, per la Openjobmetis Varese, che rimonta dal -15 e, trascinata dalle triple di Marcus Keene (27 punti con 6/8 da tre) ferma la corsa di Venezia verso le Final Eight di Coppa Italia. Per gli orogranata un k.o. pesantissimo, il 6° su 8 trasferte stagionali, che potrebbe precludere definitivamente la partecipazione alla coppa nazionale. La Reyer approccia il match con uno 0-5 che sembra far presagire una serata molto complessa per i padroni di casa; i biancorossi si affidano invece alla capacità che ha Alessandro Gentile nel creare dal post medio-basso, anche se è Paulius Sorokas a fare la differenza con buone giocate individuali. Il 3/19 dal campo non può però premiare Varese, per quanto almeno le triple siano tiri ben costruiti, anche perché le penetrazioni di Stefano Tonut non vengono contrastate a dovere. Guglielmo Caruso domina a rimbalzo, ma nel duello a distanza ravvicinata con Mitchell Watt incassa lezioni di post-basso, e così gli orogranata allungano sul +5 (14-19) a fine 1° quarto.

Stoppatona e gioco da tre: che show di Mitchell Watt!

La Openjobmetis fatica tantissimo a trovare ritmo in attacco (8/35 a metà gara) e litiga col canestro anche a cronometro fermo, specialmente con Gentile: il factotum biancorosso chiude infatti il 1° tempo con 5/10 in lunetta, anche se sembra essere l’unico giocatore di casa capace di impensierire sistematicamente la difesa ospite. Venezia sfrutta invece un Michael Bramos nelle vesti di assist-man aggiunto e la coppia Sanders-Vitali per allungare sul +12 (28-40) al 20’ di gioco. Watt sale in cattedra nel 3° quarto, ma è più che altro la mancanza di un centro di ruolo biancorosso a fare la differenza, col solo Guglielmo Caruso che non sembra bastare a questi livelli. Varese soffre infatti tremendamente il gioco in post anche di Martynas Echodas e scivola sul -15 (35-50).

Beane decolla e fa tremare il Sacro Monte di Varese

Keene diventa però protagonista assoluto, a cavallo tra 3° e 4° periodo, sfruttando un incredibile confidenza col tiro pesante. Il playmaker biancorosso firma un sontuoso 4/4 da oltre l’arco dei 6.75 e la Openjobmetis costruisce un break complessivo di 15-1 tra 30’ e 34’, rimettendo incredibilmente – per come si stava evolvendo il match – la testa avanti (64-61). Le giocate di Anthony Beane fanno il resto, anche perché la Reyer s’incaponisce col tiro da tre punti (4/24 a fine partita) e inanella ben 19 palle perse, a fronte di soli 4 recuperi difensivi. Lo show della coppia Keene-Beane (21 punti nel 4° quarto, sui 27 complessivi dei padroni di casa) sopperisce così ampiamente alle difficoltà nel pitturato, col solo Caruso a poter battagliare coi lunghi avversari, pagando però inesperienza e poca malizia.
  • Varese: Gentile 11, Beane 14, Sorokas 12, G. De Nicolao, Vene 8, Librizzi, Virginio n.e., Ferrero 2, Caruso 2, Keene 27. All. Serravalli.
  • Venezia: Stone 5, Bramos 3, Tonut 13, A. De Nicolao 2, Sanders 10, Phillip n.e., Echodas 10, Mazzola 2, Cerella, Vitali 7, Minincleri n.e., Watt 16. All. De Raffaele.

Highlights: Varese-Venezia 76-68

* * *

RIGUARDA TORTONA-CREMONA IN VOD (CONTENUTO PREMIUM)

Premium
Basket

Bertram Derthona Tortona - Vanoli Cremona

02:12:58

Replica

RIGUARDA VARESE-VENEZIA IN VOD (CONTENUTO PREMIUM)

Premium
Basket

Openjobmetis Varese - Umana Reyer Venezia

02:06:39

Replica
Serie A
Basket Zone, il meglio della LBA, da mercoledì 3 novembre su DMAX
02/11/2021 A 10:58
Serie A
Tortona da sogno, è semifinale con la Virtus! Venezia ko 3-1
IERI A 20:49