MILANO - A soli due giorni dalla fine di Eurobasket, vinto dalla Spagna in finale contro la Francia a Berlino, si inizia ufficialmente a parlare di Serie A e di Coppe Europee, della stagione 2022-23 in sostanza. A Milano è giorno di presentazioni ufficiali per alcuni dei nuovi acquisti dell'Olimpia scudettata nel 2022 ed è il general manager Christos Stavropoulos ad introdurre i volti nuovi Brandon Davies, Billy Baron e Naz Mitrou-Long. "Tutti i nostri obiettivi li abbiamo firmati e siamo molto contenti e felici per questo. Un mercato molto importante. Difficile, pur non avendo le squadre russe in Eurolega. Se vediamo tutte le squadre di Eurolega, tutte si sono rafforzate. Sarà una stagione molto impegnativa e difficile. Non abbiamo più i viaggi lunghi fino in Russia, ma il livello è forse più alto dell’anno scorso", ha detto Stavropoulos parlando del mercato e della stagione.
A proposito del nuovo anno, il dirigente greco parla chiaro sugli obiettivi: "Vincere tutto in Italia, andare almeno ai playoff di Eurolega per andare poi alle Final Four. Il primo anno siamo andati ad un passo dalla finale, l’anno scorso siamo andati vicini alle F4. Quest’anno abbiamo cercato di avere più profondità, di essere più forti offensivamente. Speriamo di andare in fondo ovunque". Tornando sui volti nuovi, ha aggiunto: "Tre giocatore che abbiamo seguito tutta la stagione. Davies e Baron sono giocatori con esperienza in Eurolega, a questo livello, e ci daranno tanto per crescere, ma non può mancare Mitrou-Long che, pur non avendo mai giocato a questo livello, con la sua volontà e grinta ci potrà dare tanto in questa stagione molto lunga ed impegnativa".
Obiettivi? Vincere tutto in Italia, andare almeno ai playoff di Eurolega per andare poi alle Final Four. Sarà una stagione molto impegnativa e difficile. Non abbiamo più i viaggi lunghi fino in Russia, ma il livello è forse più alto dell’anno scorso
Serie A
Nicolò Melli decisivo per Milano: stoppata su Gabriel a 3" dalla fine
13 ORE FA
La chiosa di Stavropoulos riguarda la salute della squadra, ovvero che c'è un po' di fisiologico ritardo perchè i reduci degli Europei, gli azzurri e il tedesco Voigtmann, si sono aggregati solo adesso e quindi c'è il rischio di vedere una Milano tutt'altro che pronta alla Supercoppa di Brescia, il 28 e 29 settembre: "Da una parte fa piacere, vuol dire avere un gruppo importante, con giocatori bravi e di alto livello. Però non è facile, oggi è stato il primo giorno in cui hanno lavorato tutti assieme. Tra una settimana ci sarà la Supercoppa, poi subito il campionato ed ora non siamo in condizione di essere una squadra. Cercheremo di lavorare ed essere pronti il prima possibile. Ora non lo siamo".
Infine una battuta sul pubblico e sulla voglia di vedere il Forum pieno come ai playoff: "Siamo molto felici per tutta la gente venuta durante le finali. La gente ama la pallacanestro, ma non dimentichiamo che si viene da due anni particolari. Adesso siamo tornati alla normalità, ci sono tante idee del reparto ticketing per portare la gente al Forum. La chiave, comunque, è la squadra. Posso garantire che avremo una squadra divertente da vedere e spero che tutti assieme potremo festeggiare dei titoli che arriveranno".
https://i.eurosport.com/2022/09/20/3457216.jpg

Naz Mitrou-Long

Le parole della guardia arrivata da Brescia, che sarà un "rookie", un esordiente, a livello di Eurolega: "E' il mio secondo anno in Italia, mi sono innamorato del paese e della cultura. Faccio parte di questo gruppo con leaderhip dalla cima al fondo. Sono orgoglioso di essere un giocatore che cerca di inserirsi in qualsiasi contesto. Messina mi ha detto di essere me stesso, dunque voglio contribuire in ogni modo che posso. Tutti sanno adattarsi, questo è il segreto di Olimpia Milano. L'Eurolega? Ho tutto quello che serve per rispettare le aspettative. Tutti mi dicono che è una lega fisica, mi aspetto che sia così. Faccio il professionista da un po', ho giocato le March Madness, ma comunque farò di tutto per farmi trovare pronto. Il motto della squadra è "insieme". Noi vogliamo lavorare e vincere insieme. Avere troppo talento non è un problema, lo sarebbe al massimo il contrario".

Billy Baron

Le parole della guardia ex Zenit e Stella Rossa: "Sono qui da quasi un mese con la mia famiglia, per ora mi è piaciuto tuntto. Veire a Milano? Una decisione facile dopo aver parlato al telefono con Messina. Convincere mia moglie è stato ancora più facile, Milano è bellissima. Ma soprattutto ho un senso di urgenza, la vittoria, e questo mi è parso il posto giusto. Il mio modello è sempre stato mio fratello, Jimmy, 11 anni in Europa. Poi ho cercato di migliorare il mio gioco e tirare più dal palleggio. Al college ho giocato da play, ora mi trovo più a mio agio da guardia ed è la mia natura".

Brandon Davies

Le parole del centro americano con passaporto dell'Uganda, ex Barcellona e già visto in Italia nel 2015 a Varese: "Felice di tornare in Italia ed essere parte di questo club. E' una grande opportunità giocare in un club prestigioso come l'Olimpia. Hines? Dividere lo spogliatoio con Kyle è qualcosa di eccezionale. Cercherò di imparare da lui, di apprendere il massimo possibile da uno dei giocatori più decorati d'Europa. Come mi hanno convinto? Ne ho parlato con Christos e con Messina. Mi hanno spiegato come il mio talento poteva essere usato in questa squadra, oltre al cambio culturale del club con Messina. Per me la scelta è stata facile, mi sento totalmente coinvolto in questo progetto".

Stavropoulos: "Spero di vedere Virtus-Olimpia anche in Eurolega"

Serie A
Milano batte Brescia in volata col brivido: gli highlights in 120"
14 ORE FA
Serie A
Rimonta e finale thriller: Milano batte Brescia 78-77 all'esordio
16 ORE FA