Dopo la cocente delusione della FIBA World Cup 2019 in Cina, gli Stati Uniti non hanno alcuna intenzione di fallire l'assalto all'oro olimpico dei prossimi Giochi di Tokyo, e per questo motivo il ct Gregg Popovich (allenatore dei San Antonio Spurs) sta allestendo un roster estremamente competitivo per proseguire nella striscia che li vede sul gradino più alto del podio da Pechino 2008. Al momento Team USA ha ricevuto il sì di 12 giocatori, e quindi la squadra sarebbe sostanzialmente fatta, anche se per qualcuno rimane il dubbio essendo ancora impegnato nei playoff NBA.
In questa lista diffusa sia da ESPN, sia da The Athletic, spicca il nome di Kevin Durant, la stella dei Brooklyn Nets, reduce da una campagna playoff straordinaria a livello individuale e che pare aver spazzato ogni dubbio sulla sua salute dopo il grave infortunio al tendine d'Achille nel giugno 2019. KD sarà quindi il riferimento del gruppo a stelle e strisce, e a livello individuale andrà a caccia del terzo oro dopo quelli di Londra nel 2012 e di Rio de Janeiro nel 2016. Non da meno sono gli altri giocatori: da Damian Lillard a Bradley Beal, passando per Jayson Tatum, Zach LaVine e Bam Adebayo. Ci sono anche giocatori che per ora han detto sì, ma che potrebbero dover rinunciare se la propria squadra andasse alle Finals NBA: si tratta di Devin Booker dei Phoenix Suns, e di Khris Middleton e di Jrue Holiday dei Milwaukee Bucks.
Tokyo 2020
LeBron salta le Olimpiadi: "Giocherò per la Tune Squad"
04/06/2021 A 17:41

La lista completa, al momento:

  • Damian Lillard (guardia, Portland)
  • Draymond Green (ala, Golden State)
  • Kevin Durant (ala, Brooklyn)
  • Jayson Tatum (ala, Boston)
  • Bradley Beal (guardia, Washington)
  • Bam Adebayo (centro, Miami)
  • Devin Booker (guardia, Phoenix)
  • Jerami Grant (ala, Detroit)
  • Khris Middleton (ala, Milwaukee)
  • Kevin Love (ala, Cleveland)
  • Jrue Holiday (guardia, Milwaukee)
  • Zach LaVine (guardia, Chicago)
Inevitabilmente, per molte stelle che hanno detto sì al viaggio in Giappone, ce ne sono altre che han detto no. In primis LeBron James, che con grande anticipo ha fatto sapere di essere impegnato con la promozione del film "Space Jam 2", in uscita nelle sale americane il 16 luglio; poi ci sono tutti i giocatori che hanno declinato per curare acciacchi e infortuni di una stagione NBA complessa, compressa e logorante, come James Harden e Kyrie Irving, compagni di Durant ai Nets, ma anche Steph Curry dei Warriors, Donovan Mitchell dei Jazz, Anthony Davis dei Lakers e Chris Paul, ancora ai playoff coi Suns e atteso anche dalla free agency per capire come programmare il futuro.

USA-Spagna 2012: LeBron James regala l'oro al Team USA a suon di schiacciate e triple

Tokyo 2020
I duelli con Yao Ming, la finale di Londra: il meglio di Gasol alle Olimpiadi
05/10/2021 A 16:53
Tokyo 2020
Gallinari: "L'Italia potrà fare la storia a Parigi 2024"
03/09/2021 A 09:27