Se la si guarda come una "semplice" amichevole estiva pre-campionato, allora nessun allarme. Se invece si considera che mancano solo otto giorni all'esordio nella Serie A 2022-23 e che l'infermeria continua a riempirsi, bisogna preoccuparsi. La Juventus cade 0-4 contro l'Atletico Madrid nell'amichevole a porte chiuse della Continassa, spostata di sede a causa della situazione contingente in Israele. Il dominio dei Colchoneros è evidente, con Joao Felix scatenato e un Alvaro Morata perfetto finalizzatore, nonché autore di una tripletta in cui mette in mostra tutto il meglio del suo repertorio. Di Matheus Cunha, al 92', la marcatura che vale il poker per la squadra allenata dal "Cholo" Simeone.
Per i bianconeri una sfida complicata fin dall'inizio, in cui il migliore è sicuramente Wojciech Szczesny. Nel 1° tempo, il numero uno polacco compie un miracolo sul tiro all'incrocio di Koke, poi para un rigore a Joao Felix con una grande intuizione e salva il risultato con interventi provvidenziali. Si "difendono" anche Bremer, Danilo e Angel Di Maria, mentre Dusan Vlahovic è praticamente lasciato solo a se stesso, al centro dell'attacco, senza avere modo di giocare neppure un pallone pulito. Un solo tiro in porta per la Juventus: a realizzarlo Fabio Miretti al 57' di gioco. Le maggiori difficoltà, com'è ormai abitudine, arrivano a centrocampo e nel finalizzare le - poche, per la verità - ripartenze negli ultimi 30 metri.
Serie A
Allegri: "Juve ordinata e brava a non strafare. Milik? Sa giocare..."
2 ORE FA

Il tabellino

Juventus – Atletico Madrid 0-4
JUVENTUS (3-4-3): Szczesny (46’ Perin); Danilo (68’ Rugani), Bonucci (46’ Gatti), Bremer, Alex Sandro (46’ De Sciglio); Zakaria (46’ Rabiot, dal 68’ Rovella), Locatelli, Fagioli (46’ Miretti); Di Maria (68’ Barbieri), Soulé, Vlahovic. All. Allegri.
ATLETICO MADRID (4-4-2): Grbic; Molina (69’ Wass), Savic, Vitsel, Reinildo (73’ Hermoso); Lemar (69’ Correa), Koke (84’ Marco Moreno), Saul (69’ Lodi), Llorente (73’ Matheus Cunha); Joao Felix (69’ Griezmann), Morata (68’ Carrasco). All. Simeone.
GOL: 11’, 43’ e 63’ Morata (A), 92’ Matheus Cunha (A).
AMMONITI: nessuno.
ARBITRO: Paride Tremolada.

Il momento social

La cronaca del match in 6 momenti chiave

11’ LA SBLOCCA MORATA!! Super ripartenza dell’Atletico Madrid, con Joao Felix che rifinisce alla perfezione l’imbucata verso Morata. Il grande ex di questa sfida sfila alle spalle della coppia Bonucci-Bremer e, di sinistra, supera Szczesny in uscita.
17’ SZCZESNY VOLA E DICE “NO”!! Koke raccoglie la sfera e scaglia un destro potentissimo dalla distanza: palla indirizzata nel sette, ma il portiere polacco vola a togliere le ragnatele dall’incrocio dei pali, concedendo solo calcio d’angolo.
40’ RIGORE PARATO DA SZCZESNY!! Alex Sandro para letteralmente un cross di Saul e per Tremolada non ci sono dubbi: è rigore. Sul dischetto va Joao Felix, il quale prova a metterla nell’angolino basso, ma Szczesny si supera, distendendosi sulla sua destra e compiendo un’altra grande parata.

Pogba: "Tornare alla Juve è un sogno. Mi sento a casa"

43’ RADDOPPIO DI MORATA!! 2-0 firmato dall’ex bomber della Juventus. Stavolta Alvaro fa tutto da solo, vincendo il duello fisico a centrocampo con Bonucci e, una volta entrato in area, poi mandando al bar Bremer con la finta e l’inversione a sinistra. Stavolta Szczesny non può nulla, anche perché non vede partire il tiro.
79' PERICOLO CARRASCO!! Azione a memoria dei Colchoneros, iniziata da Griezmann e terminata da Carrasco. Il tentativo di pallonetto del belga è però impreciso e consente a Perin di recuperare la posizione e sventare il pericolo.
91' POKER ATLETICO!! Punizione dalla destra che attraversa tutta l'area di rigore e arriva sui piedi di Kondogbia, L'ex Inter pare sbagliare il tentativo di conclusione, che diventa però un assist per Matheus Cunha, perfetto nell'inserimento e solissimo per depositare in rete.

Allegri: "Pogba e Di Maria? Ecco perché sono acquisti fondamentali..."

Serie A
Allegri: "Bello spirito, ma per lo Scudetto serve un passo alla volta"
11 ORE FA
Serie A
Juve-Bologna 3-0, pagelle: Vlahovic fa la differenza
12 ORE FA