Il Covid-19 in Sudamerica continua a far paura e a non risparmiare nemmeno le leggende del calcio brasiliano. Se negli scorsi mesi a far tribolare i tifosi verdeoro era stata la positività dell’ex terzino campione del mondo a USA ’94, Branco oggi il paese è in ansia per Ricardo Rogério de Brito, conosciuto calcisticamente come Alemão, pilastro del centrocampo del Napoli di Maradona, che è stato contagiato dal virus e si trova ricoverato in un ospedale a Belo Horizonte. Secondo le prime indiscrezioni, il suo stato di salute desta qualche preoccupazione. Purtroppo Alemao non è l’unico ad essere stato contagiato dal Coronavirus che dilaga in Brasile e che ha mietuto ormai quasi 500mila morti: a risultare positiva c’è anche la moglie, incinta di otto mesi.
Alemao a causa della pandemia negli scorsi mesi ha già perso l’adorata mamma Margherita: “Non so perché mia madre sia morta – aveva raccontato negli scorsi mesi - Nessuno ci ha detto niente, non ho neanche potuto salutarla: la tosse è diventata polmonite e lei se n'è andata in quattro giorni, Al cimitero eravamo solo i parenti più stretti, figli e nipoti, e ci hanno permesso di restare solo per dieci minuti. Vorrei solo capire se me l'ha portata via il Covid-19 oppure il destino". Alemao, che ha 59 anni, nella sua avventura napoletana ha vinto una Coppa Uefa e l’ultimo scudetto nel 1990. In Italia ha anche vestito la maglia dell’Atalanta (dal 1992 al 1994) mentre con la maglia verdeoro ha vinto la Copa America del 1989 e giocato i Mondiali di Messico ’86 e Italia ’90.
Copa America
Brasile e Colombia partono bene: Venezuela e Ecuador ko
13/06/2021 A 22:56

Inzaghi: "Covid? Brutta esperienza, ma è passata"

Serie A
Milan, Pioli premiato da Maldini: "Spero di fare altre 100 presenze"
6 ORE FA
Ligue 1
Pace Icardi-Wanda: anche il PSG tira un sospiro di sollievo
7 ORE FA