Il Parlamento francese ha approvato in via definitiva, con un voto del Senato, un disegno di legge che prevede che il 5 maggio in Francia non si giocherà nessuna partita di calcio professionistico, in omaggio alle vittime del disastro allo stadio di Furiani in Corsica, dove il 5 maggio del 1992 morirono 19 persone. Il Senato ha votato per alzata di mano, senza modifiche, il testo portato dal deputato corso Michel Castellani (Libertà e territori), che l'Assemblea nazionale ha adottato nel febbraio 2020.

Cosa avvenne

Calciomercato 2020-2021
Conte vicino allo United, l'Inter blinda Barella
15 MINUTI FA
La tragedia di Furiani è una strage calcistica avvenuta a Furiani nei pressi di Bastia in Corsica il 5 maggio 1992 allo stadio Stadio Armand Cesari, durante la semifinale della Coppa di Francia 1991-1992 tra il Bastia e l'Olympique Marsiglia. Il club locale voleva aumentare del 50% la capacità del proprio stadio contro quella che in quel momento era la squadra più forte del campionato francese. Le autorità locali accolsero la richiesta, costruendo una tribuna provvisoria di 10.000 posti e togliendo le recinzioni. Prima della gara la tribuna crollò, causando la morte di 19 persone e 2.357 feriti: la partita non fu giocata.

Una partita mai più giocata

Successivamente la Federcalcio francese decise, in segno di lutto e d'accordo con le società, di non recuperare la sfida né di giocare la finale (a cui si era già qualificato il Monaco) in programma al Parco dei Principi di Parigi, annullando quell'edizione della Coppa di Francia.

Fantacalcio: i consigli per la 8a giornata di Serie A

Serie A
Sampdoria-Spezia 2-1, pagelle: Candreva e Silva anima blucerchiata
10 ORE FA
Ligue 1
Fumogeni in campo: Saint-Etienne-Angers ritarda di un'ora
11 ORE FA