L'operazione più importante dell'Inter, per il calciomercato estivo 2021, sarà i uscita. Le ben note esigenze di disinvestire del gruppo Suning, hanno portato a un ridimensionamento degli affari che, per continuare ad essere tali anche in entrata, non possono prescindere dalle operazioni in uscita "eccellenti". Allora, ecco che il top player Achraf Hakimi è costretto a salutare, chiamato alla corte del PSG per 70 milioni di euro. Si tratta della cessione più remunerativa della storia nerazzurra, superando di mezzo milione di euro quella relativa a Zlatan Ibrahimovic, ceduto nell'estate 2009 (quella precedente alla conquista del Triplete) al Barcellona di Josep Guardiola. Un'operazione decisamente infruttuosa per l'attuale centravanti del Milan (che col tecnico cataano si beccò in continuazione), qualcosa che svoltò - invece - il calciomercato di quell'anno per il club nerazzurro, che incasso 69,5 milioni.

Ibrahimovic beim FC Barcelona

Credit Foto Getty Images

L "top 10" delle cessioni più remunerative in casa all'Inter

Calciomercato 2020-2021
Hakimi, rilancio Chelsea: 55 milioni più Marcos Alonso
24/06/2021 A 05:51
GIOCATORE CEDUTOETA'STAGIONEACQUIRENTEMILIONI
1, Achraf Hakimi (da conf.)222021-2022PSG70
2. Zlatan Ibrahimovic272009-2010Barcellona69,5
3. Mauro Icardi272020-2021PSG50
4. Ronaldo252002-2003Real Madrid45
5. Mateo Kovacic212015-2016Real Madrid38
6. Mario Balotelli202010-2011Manchester City29,5
7. Samuel Eto'o312011-2012Anzhi Makhachkala27
8. Hernan Crespo282003-2004Chelsea26
9. Clarence Seedorf262002-2003Milan22,5
10. Geoffrey Kondogbia252018-2019Valencia22

La telenovela Icardi e l'addio doloroso a Ronaldo

Il rapporto tormentato coi tifosi, i tira e molla infiniti tra Inter e la moglie-procuratrice Wanda Nara, l'arrivo di Antonio Conte - che neanche voleva sentire il suo nome - diedero la spinta per la cessione di capitan Mauro Icardi. Avvenuta in "due tranche": la prima nell'estate 2019, in prestito, sempre al solito PSG. Che, l'anno scorso, si aggiudicò - era il 31 maggio 2020 - a titolo definitivo per 50 milioni di euro più 8 di bonus. Una cessione subito dietro a quella di Zlatan e subito prima a quella di Ronaldo Luis Nazario da Lima, da 45 milioni, tenendo conto, però, che qui stiamo parlando dell'estate 2002, ben 19 anni fa. Ancora tornano in mente i rapporti tormentati con l'hombre vertcal Héctor Cuper e quel maledetto (in casa nerazzurra) 5 maggio 2002. Così, ecco arrivare il REal Madrid, che dopo il modiale vinto dai verdeoro, si portò via l'asso brasiliano.

Icardi, Wanda Nara - Getty Images

Credit Foto Getty Images

Da Kovacic all'abbaglio Kondogbia

Real Madrid che prelevò anche, a 21 anni, il centrocampista croato Mateo Kovacic: amato e No dai tifosi nerazzurri, alcuni dei quali lo accusavano di "moviolismo" nelle giocate, nonostante la giovanissima età. Ad ogni buon conto, il passaggio alla Casa Blanca portò nelle casse di Appiano Gentile ben 38 milioni, nell'estate 2015. Subito dopo il Triplete e, anche qui, un rapporto deteriorato coi tifosi, arrivò il tempo dei saluti anche per Mario Balotelli, richiesto da Roberto Mancini al Manchester City per 29,5 milioni di euro. E poi Eto'o in Daghestan - all'Anzhi Makachkala, squadra che in quell'epoca spendeva e spandendeva prima di rientrare nell'oblio. -, Crespo, Seedorf e, infine, la delusione Geoffrey Kondogbia, preso dal Monaco a 36 milioni e nell'estate 2015 ceduto al Valencia per 22 milioni, che in quel caso risultarono un'importante "minus" valenza.

Geoffrey Kondogbia

Credit Foto Getty Images

Hakimi via per 70 milioni; Varane lascia il Real Madrid

Qualificazioni Mondiali Europa
Mancini, che guaio: Verratti salta Italia-Svizzera
IERI A 13:56
Ligue 1
Pace Icardi-Wanda: anche il PSG tira un sospiro di sollievo
25/10/2021 A 19:47