All-in del Milan su Mike Maignan, 25enne portiere protagonista della cavalcata d’oro del Lille in Ligue 1. Il contratto di cinque anni offertogli dalla società rossonera, lascia poco spazio ai dubbi: si tratta di una sentenza per Donnarumma, che con tutta probabilità lascerà Milanello dopo Euro 2020. Tuttavia, saranno necessari diversi incastri provvidenziali per innescare una trattativa di successo. Partiamo considerando le richieste economiche del giocatore, che si aggirano attorno ai 12 milioni di euro annui; tale cifra è il doppio rispetto all’ammontare annuo inciso sul suo attuale contratto, e come ovvio che sia, solo un club di vertice potrebbe permettersi un investimento simile.
Ma quali sono le squadre in grado di affrontare uno sforzo economico simile in un periodo di convalescenza economica post-covid? E soprattutto, chi guadagnerebbe maggiore trazione dal suo inestimabile talento tra i pali? Considerando questi parametri, il panorama dei club appetibili si restringerebbe a una manciata di club. Se poi si considera la faraonica commissione pretesa dal suo istrionico agente Mino Raiola (circa 20 milioni), le soluzioni rimaste sul piatto sono alquanto limitate.

Milan, che cavalcata! Dopo 7 anni è di nuovo Champions League

Calciomercato 2020-2021
Ora è ufficiale! Maignan è il nuovo portiere del Milan
27/05/2021 A 13:57
Eppure stiamo parlando di un giocatore che, in virtù del talento e della crescita continua espressi sul campo, deve per forza di cose far gola ai top club. Il suo mercato lo costruiscono i suoi guantoni. Alla fine, esisterà sempre un club volenteroso in grado di superare ostacoli e cavilli economici.
Quali sono le più probabili destinazioni per Gigio?

Juventus 50%

La soluzione più romantica e caldeggiata dai tifosi bianconeri, che vorrebbero conservare un briciolo di tradizione in un calcio sempre più frenetico e globale, schierando un italiano verace tra i pali. Le voci su Donnarumma alla Juve precedevano addirittura il suo ultimo rinnovo col Milan, risalente al 2017. Appena affermatosi tra i pali di San Siro, i media hanno sempre considerato lo Stadium come la sua Mecca, un punto d’arrivo ineluttabile.
Non dimentichiamo che la Juventus occupa una posizione di spicco nel carniere di Raiola: quello tra l’agente e i bianconeri è un binario in costante comunicazione e trattativa. Inoltre, la stagione appena archiviata ha visto una palese inflessione delle prestazioni di Wojciech Szczęsny, arenatosi assieme a tutta la squadra. La sua papera contro il Porto avrà di sicuro avviato una riesamina della sua posizione nel club. Tuttavia, l’approdo a Torino fluttua ancora nel reame della fantasia, a causa di un paio di incognite: l’indagine della UEFA sul progetto Superlega potrebbe clamorosamente esiliare i bianconeri dalla Champions. Le difficoltà economiche del club potrebbero portare a un ridimensionamento, con Ronaldo sul piede di partenza e una ricostruzione dietro l’angolo. Donnarumma accetterebbe queste condizioni? Difficilmente.
Le statistiche di Donnarumma: dalla prima all'ultima (con tutta probabilità) stagione al Milan. (Fonte: Fbref.com)
STAGIONEPARTITE GIOCATEPARATE% CLEAN SHEETS% RIGORI PARATI
2015/16307833%29%
2020/21379038%33%

Barcellona 30%

Secondo le ultime voci, Raiola avrebbe offerto Donnarumma al Barça. Quella dei blaugrana, nonostante l’affanno dell’ultimo periodo, resta pur sempre una piazza prelibata per giocatori che mirano ad essere competitivi ogni stagione. Ma anche la rosa catalana sta attraversando una fase di turbolenza: Messi è separato in casa, l’UEFA bracca il club a causa del patto Superlega. Senza contare che Ter Stegen, al contrario di Szczęsny, è un portiere di caratura massima. Ma le cose potrebbero cambiare qualora il Borussia Dortmund dovesse affondare per portare il tedesco sotto il Muro Giallo del Westfalenstadion. A quel punto si creerebbe una necessità tattica, o effetto a catena, che attrarrebbe Donnarumma verso il club blaugrana come degno sostituto. Del resto, il Barcellona gode della potenza di fuoco necessaria a soddisfare le richieste economiche di Raiola.

PSG 20%

Il club parigino aleggia attorno al nome di Donnarumma da anni ormai. In questo momento il PSG si limita ad osservare. Al contrario di Juve e Barcellona, non sono ancora pervenuti segnali di interesse nei confronti del portierone italiano. Ma le cose potrebbero cambiare presto: il club di Nasser Al-Khelaifi vanta la più solida situazione finanziaria e competitiva (il club non è dissidente nei confronti dell’UEFA) per portare avanti uno sforzo verso Donnarumma. Quest’ultimo garantirebbe un notevole upgrade rispetto a Keylor Navas, che tra l’altro si sta avviando verso il capolinea di carriera (34 anni). Ecco perché un investimento su Donnarumma, seppur dispendioso, sarebbe nell’interesse dei parigini. Inoltre il PSG si è sempre dimostrato un club vigile per quanto riguarda lo scenario internazionale. Dovesse disputare un Europeo da protagonista, Gigio attirerebbe sicuramente le luci parigine su di sé.

Milan 0%

Salvo clamorosi colpi di scena, le strade tra Milan e Donnarumma si separeranno questa estate. Improbabile che Maignan si stato ingaggiato come mero rimpiazzo. Nei prossimi giorni, la società rossonera troncherà le flebili conversazioni con Raiola e il giocatore, le cui richieste contrattuali risultano inavvicinabili per le casse del club.

Da Donnarumma a Lukaku: la Top 11 del campionato

Calciomercato 2020-2021
Donnarumma verso l'addio: cosa avrebbe potuto fare il Milan?
25/05/2021 A 12:45
Serie A
Pioli: "Lavoro giorno e notte affinché i sogni del Milan si realizzino"
24/05/2021 A 20:23