Il calciomercato non si ferma mai: qual è l’ultimo giocatore messo nel mirino delle big di tutta Europa? Ci sono novità sui rinnovi dei calciatori più importanti? Qualche svincolato di lusso che sta per trovare una sistemazione? Ecco qui riportate e commentate da noi le tre notizie più interessanti sugli ultimi movimenti di mercato raccolte dai quotidiani in edicola stamattina e dai vari siti specializzati, in Serie A e all’estero.

Classifiche e risultati

Serie A 2020-2021, la classifica aggiornata | Serie A 2020-2021, calendario e risultati | Serie A 2020-2021, la classifica marcatori aggiornata
Calciomercato 2020-2021
Niente Juve o Inter: Depay al Barça, clausola da 500 milioni
19/06/2021 A 17:22

Zhang blinda Marotta e Ausilio

La decisione, come riportano Gazzetta, Corriere dello Sport e Tuttosport, è del presidente Steven Zhang che ha scelto di tenersi stretto il management campione d’Italia. Anzi, per spazzare qualsiasi tentazione e silenziare strane voci che stridono attorno, il presidente ha definito i rinnovi dei quattro dirigenti: in primis, l’a.d. Beppe Marotta, il Richelieu interista che nei mesi più difficili dello scorso autunno ha fatto da scudo alla tempesta, e il d.s. Piero Ausilio, l’uomo mercato dei nerazzurri chiamato a lavorare di fantasia in un'estate al risparmio. Assieme a loro Dario Baccin, il vice d.s., e Roberto Samaden, direttore del settore giovanile.
La nostra opinione: la firma vera e propria arriverà nei prossimi giorni, ma sarà solo forma. La sostanza è che nei pensieri presidenziali non c’è mai stata la minima idea di cambiare la squadra in azione alle sue spalle. Tutti i dirigenti erano in scadenza alla fine della prossima stagione, ma la data è stata spostata più in là di un paio di anni: dal 2022 al 2024. Insomma, un’orizzonte sufficiente per aprire un altro ciclo in un altro contesto: senza nuovi investimenti, l’Inter deve continuare ad avvicinarsi alla vetta e, magari, rivincere ancora.

Inter: ecco gli striscioni di contestazione davanti alla sede

Insigne, rinnovo bloccato

ll contratto di Insigne sta diventando un caso: scade nel 2022 e non c'è stata ancora alcuna apertura di trattativa per il rinnovo. Il Napoli vuole tagliare i costi, il giocatore vorrebbe riconosciuta la sua leadership. Il rischio del precedente Milik è dietro l'angolo. La notizia viene riportata dalla Gazzetta dello Sport.
La nostra opinione: il capitano azzurro Lorenzo Insigne, al momento, ha in testa solo gli Europei e non di certo la sua situazione contrattuale con il club, per quanto possa sembrare in bilico. Fino adesso le parti non hanno avuto alcun incontro per una discussione nel merito di un accordo in scadenza nel 2022. È notorio che il club debba procedere con un taglio sugli ingaggi per rendere sostenibile una squadra ambiziosa. Ed è altrettanto noto che il giocatore vorrebbe riconosciuta una certa leadership, mostrata soprattutto nell’ultima stagione, anche a livello economico. Il problema, dunque, è un altro: far rientrare l’uomo più rappresentativo della squadra nel ridimensionamento generale dato dal club.

Pellegrini tentato da Fonseca; Napoli, arriva Emerson

Juventus, arrivano 400 milioni?

Secondo quanto riportato da Il Sole 24 Ore, si fa largo l’ipotesi di un aumento di capitale per la Juve. Nessun processo sarebbe stato ancora avviato, ma l’indiscrezione sarebbe già circolata negli ambienti delle banche d’affari.
La nostra opinione: il bilancio in rosso, dovuto all’emergenza Covid, richiederebbe risorse per le casse della società bianconera. Non è ancora preventivabile il valore possibile della ricapitalizzazione anche se, secondo le voci, si parlerebbe di una cifra compresa tra i 300 e i 400 milioni di euro. Restano ancora da definire i tempi, mentre tra le altre opzioni studiate ci sarebbero un prestito convertibile e l’ingresso in minoranza di un socio finanziario, ma entrambe le ipotesi sarebbero state subito scartate.
Euro 2020
Marotta e l'agente di Eriksen rassicurano: "È fuori pericolo"
12/06/2021 A 19:25
Serie A
Inter, la Curva Nord: "Piena fiducia in Marotta e Ausilio"
27/05/2021 A 10:53