Dalla Juventus al Torino. Un percorso che non molti hanno compiuto nel corso della storia, e che Marko Pjaca ha deciso di intraprendere per ritrovare finalmente se stesso. A poche ore dall'accordo tra i due club, trovato nella giornata di ieri, arriva anche l'ufficialità: l'attaccante croato raggiunge il connazionale Juric e diventa a tutti gli effetti un nuovo giocatore granata.
| Il tabellone delle ufficialità | Gli allenatori della Serie A | Le news di calciomercato |
Calciomercato 2020-2021
Tabellone di mercato: acquisti e cessioni della Serie A 2021-2022
23/07/2021 A 16:55
"Marko Pjaca disputerà la prossima stagione nelle fila del Torino - comunica la Juve sul proprio sito - è infatti ufficiale il prestito, per una stagione (fino al 30 giugno 2022), con diritto di riscatto.
Nato a Zagabria nel 1995 e bianconero dal 2016, Marko in questi anni ha anche militato, sempre in prestito, nelle fila di Schalke 04, Fiorentina, Anderlecht e Genoa.
In bocca al lupo per questa nuova avventura!".

Le prime parole di Pjaca

Un saluto a tutti i tifosi del Toro: non vedo l'ora di cominciare

Una carriera da ricostruire

Si tratta della quinta maglia di Pjaca negli ultimi tre anni e mezzo, come ricordato dalla Juventus. La sesta, se si considera anche quella bianconera, con cui ha disputato anche l'amichevole di sabato contro il Cesena. Raramente il croato è riuscito a confermare quanto di buono si diceva di lui agli esordi della sua carriera, quando giocava nella Dinamo Zagabria. Colpa principalmente di un paio di gravissimi infortuni, prima al ginocchio destro e poi a quello sinistro, rimediati rispettivamente nel 2017 e nel 2019. Contrattempi pesanti, che ne hanno rallentato la carriera. Il Torino, che potrebbe acquistarlo a titolo definitivo al termine del prestito, rappresenta la sua occasione di rinascita.

Donnarumma para, Jorginho segna: esplode la festa dei tifosi!

Calciomercato 2020-2021
Messi-Barça, c’è l’accordo: 5 anni con ingaggio dimezzato
14/07/2021 A 13:02
Serie A
Serie A 2021-22: tutti gli allenatori, tornano Allegri, Mourinho e Sarri
24/05/2021 A 17:07