Gianluigi Buffon lascia la Juventus, per la seconda volta in carriera, ma questa volta per sempre. Lo rivela lo stesso portiere in un'intervista a bein Sports:
Il mio futuro è chiaro e delineato. Quest’anno si chiuderà in maniera definitiva questa bellissima e lunghissima esperienza con la Juve.
Le alternative che si prospettano sono due: "O smetto di giocare o se trovo una situazione che mi dà stimoli per giocare o fare un’esperienza di vita diversa lo prendo in considerazione. Penso di aver dato tutto per la Juve. Ho ricevuto tutto e più di così non si può fare. Siamo arrivati alla fine di un ciclo ed è giusto che uno tolga il disturbo".
Calciomercato 2020-2021
Juve, summit Locatelli saltato. Sassuolo: "40 milioni subito"
UN' ORA FA

"Lo scorso agosto ho avuto una tentazione..."

"Ad agosto ho avuto la tentazione di andare a giocare con una squadra che giocava la Champions League. Questo mio pensiero l'avevo trasferito alla Juventus, ma in precedenza avevo preso l'impegno con loro e c'era anche l'avvento di Andrea Pirlo: quindi siccome mi ritengo una persona corretta, leale e di fiducia non me la sono sentita di venire meno al mio impegno e sono stato tutta la stagione qui, coi ragazzi, con Andrea e coi dirigenti pensando e sperando di fare il meglio possibile".

"Quest'anno ci è mancata continuità"

La stagione di Buffon non è stata indimenticabile, ma del resto è andata di pari passo con quella della squadra: "Ci è mancata continuità. Alla fine nelle partite che abbiamo giocato contro le prime 5-6 squadre della classifica spesso abbiamo vinto, ogni tanto pareggiato e alcune volte perso. Però ce la siamo sempre giocata alla pari. Invece contro le squadre meno blasonate abbiamo perso punti stupidi. Questo significa che sei una squadra che deve ancora crescere caratterialmente".

Pirlo: "Buffon sembra un ragazzino. Inter? Vogliamo la finale"

Serie A
Chiellini: "Ho voglia di alzare ancora qualche coppa"
2 ORE FA
Serie A
Hamza Rafia positivo: Juventus in isolamento
6 ORE FA