Inter-Real Madrid, in campo e in chiave calciomercato. La sfida di questa sera a San Siro è importante per delineare una classifica, quella del Gruppo B di Champions League, ancora molto incerta (Borussia M. 5, Shakhtar 4, Real Madrid 4, Inter 2), ma anche interessante per quello che potrebbe dire il mercato: i protagonisti potrebbero essere Christian Eriksen e Isco, due che in effetti il campo non lo stanno vedendo moltissimo.

La notizia

Serie A
Inter-Atalanta: probabili formazioni e statistiche
19 ORE FA
Ma andiamo prima alle news: secondo quanto riporta Sky Sport Germania, tra Inter e Real ci sono già stati dei contatti per dare il via a un grande scambio, Eriksen a Madrid e Isco a Milano. E' giusto parlare solo di contatti, almeno per il momento, visto che il valore dei due giocatori è molto diverso: Eriksen è passato dal Tottenham all’Inter a gennaio per circa 27 milioni di euro, mentre il Real Madrid valuta Isco circa 60-70 milioni di euro. La trattativa dunque, non è così semplice, anche se si parla già di gennaio.

La situazione dei due giocatori

Il momento di Eriksen all'Inter è ben noto: il danese non è mai entrato nelle grazie di mister Antonio Conte, e da quando è arrivato a Milano, sponda nerazzurra, da gennaio a oggi ha messo insieme 33 partite e 4 reti, con una media di impiego di soli 41 minuti a partita. Un magro bottino per un calciatore che nelle stagioni con il Tottenham viaggiava con una media superiore ai 10 gol a stagione e che era abituato ad essere al centro del progetto tecnico. Discorso simile per Isco, 28 anni e al Real Madrid da quando ne aveva 21, ma praticamente mai titolare, soprattutto da quando Zidane si è seduto sulla panchina delle Merengues: "Isco vorrebbe provare un altro campionato. Ma non abbiamo nessuna offerta ufficiale in questo momento, restare al Real Madrid non sarà un problema", ha detto a El Larguero il suo agente. La via insomma è già tracciata e porta lontano da Madrid.

Isco vs Eriksen in un Real Madrid-Tottenham

Credit Foto Getty Images

La nostra opinione

Sicuramente il fatto di mettere sullo stesso piatto due giocatori scontenti nelle rispettive squadre può avere un senso logico, resta poi vedere quali siano i giovamenti per le suddette. Mentre Eriksen è stato accostato al Real Madrid anche in passato (nel 2019 soprattutto) dato che per caratteristiche bene si sarebbe potuto adattare al gioco delle Merengues, sempre pronti ad accogliere fantasisti e calciatori “di qualità”, cosa potrebbe portare Isco nell’Inter di Antonio Conte? Il mister nerazzurro si è già dimostrato più volte molto “categorico” nel trattare unalla stregua di tutti gli altri, non trovando praticamente mai per lui la posizione ideale, ma pretendendo che fosse il danese a integrarsi nei suoi schemi. Cosa cambierebbe con Isco, giocatore dal piede vellutato ma dalla indolenza classica di un calciatore tecnico, poco propenso al sacrificio? Questo giudizio sull'attitudine dei due calciatori più che sul loro ruolo, a parte la disparità di valutazione che comunque costituisce al momento il primo ostacolo da superare, ci porta a classificare come “difficilissimo” questo scambio ipotetico, soprattutto se la scadenza è quella di gennaio.

Conte: "Buona partita, ora inizia un tour de force. Eriksen? Contento di lui ma deve fare gol"

Serie A
Suning apre a Fortress: 250 milioni per restare al timone
19 ORE FA
Serie A
Parma-Inter 1-2, pagelle: Lukaku super, ottavo assist
IERI A 22:43