Il calciomercato non si ferma mai, nemmeno durante i campionati: qual è l’ultimo giocatore messo nel mirino delle big di tutta Europa? Ci sono novità sui rinnovi dei calciatori più importanti? Qualche svincolato di lusso che sta per trovare una sistemazione? Ecco qui riportate e commentate da noi le tre notizie più interessanti sugli ultimi movimenti di mercato raccolte dai quotidiani in edicola stamattina e dai vari siti specializzati, in Serie A e all’estero.

Classifiche e risultati

Serie A 2020-2021, la classifica aggiornata | Serie A 2020-2021, calendario e risultati | Serie A 2020-2021, la classifica marcatori aggiornata
Calciomercato 2020-2021
Damsgaard, la dinamo di energia che piace a Inter e Juve
13 MINUTI FA

"Pirlo è fuori": il tecnico non molla ma l'addio è vicino

Il titolo del Corriere dello Sport riporta quello che è il sentimento di tutti: lo 0-3 con il Milan significa che la Juventus si allontana dai posti buoni per la Champions League e di conseguenza si allontana la possibilità che Andrea Pirlo rimanga sulla panchina della Juventus.
La nostra opinione: La partita con il Milan doveva essere quella decisiva per il futuro della Juve di Andrea Pirlo: ebbene, la prestazione messa in campo dai bianconeri è stata bel al di sotto delle aspettative, un po' come è stato nelle ultime uscite (vedi Udine). Nel post-partita, l'allenatore ha detto di voler continuare a combattere ma le partite a disposizione sono poche e lo spazio per sbagliare ormai è pari allo zero. Il brutto ko subìto contro i rivali del Milan, sotto gli occhi di Andrea Agnelli e John Elkann, rischia di segnare un punto di non ritorno per Pirlo. Difficilmente verrà sostituito già ora, ma si parla di un Igor Tudor già pronto a subentrare in caso di decisioni a stretto giro di posta. In caso contrario le tre partite di campionato rimanenti e la finale di Coppa Italia decideranno il suo destino.

Andrea Pirlo

Credit Foto Getty Images

Inter: taglio o spalmatura, ballano 25 milioni

Come ci fa sapere Gazzetta dello Sport, partono oggi i colloqui individuali per proporre ai giocatori di rinunciare alle mensilità di novembre e dicembre, già rinviate nei mesi scorsi. Zhang e i dirigenti spiegheranno ai giocatori che quei 25 milioni, da riprogrammare nelle prossime mensilità, potrebbero permettere di non gravare sul bilancio della squadra in vista della chiusura del 30 giugno. Altrimenti bisognerà pensare alla cessione di un big.
La nostra opinione: "I giorni della verità", "settimana infuocata": sì perché quando si parla di soldi non c'è scudetto che tenga. Il tentativo dell'Inter di non chiudere con un bilancio troppo in negativo (si parla di oltre 100 milioni in negativo) è paragonabile a una corsa-scudetto: "sensibilizzare i calciatori su questo momento di difficoltà", come ha spiegato Marotta potrebbe essere un esercizio molto pericoloso. Se i giocatori si metteranno una mano sul cuore e una sul portafogli, l'Inter potrebbe uscire anche da questa empasse: la dirigenza non vorrebbe essere costretta a cedere un big (si è parlato di Brozovic più di altri), ma al bilancio non si comanda. Soprattutto se non arriverà il finanziamento da 250 milioni di euro di cui tanto si parla in questi giorni.

Steven Zhang insieme ai giocatori e ad Antonio Conte esulta per la vittoria dello Scudetto, Getty Images

Credit Foto Getty Images

Juric-Verona: strappo vicino?

"Mancanza di rispetto totale della società nei miei confronti": questo il tono dello sfogo di Juric contro il Presidente Setti, riportato dai quotidiani in edicola oggi. A verona c'è aria di strappo tra il tecnico e la società.
La nostra opinione: Con tutta probabilità dopo ieri pomeriggio possiamo affermare che Ivan Juric non sarà più l'allenatore del Verona nella prossima stagione: le parole del tecnico dopo l'1-1 con il Torino suonano come un'accusa bella e buona nei confronti dell'Hellas e della sua dirigenza, rea - secondo Juric - di non aver parlato con l'allenatore dopo la salvezza raggiunta. "Il Cagliari spende 8 volte più di te, ci siamo salvati e da loro neppure una parola. Quando metti tanto impegno, amore e volontà un po’ male ci rimani male". Non è la prima volta che Juric si espone: la sensazione è che voglia rompere con il Verona: dopotutto il tecnico ha tanti estimatori, sia in Italia che all'estero.

Curva Sud a Milanello: zero distanze e poche mascherine

Calciomercato 2020-2021
Centrocampo Milan: fari su Ceballos, Kovacic e van de Beek
UN' ORA FA
Calciomercato 2020-2021
Calhanoglu, visite mediche e poi sarà Inter
3 ORE FA